Home » Content Marketing » Consigli SEO Whitehat per Blogger

Consigli SEO Whitehat per Blogger

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Interessantissimo intervento di Matt Cutts al WordCamp 2007 di sabato 21 Luglio.
L’argomento trattato era “Whitehat SEO Tips for Bloggers“: in pratica, Matt ha fornito una lunga serie di pratici consigli per migliorare il posizionamento del proprio blog sui motori di ricerca.
Nell’attesa che Cutts renda disponibili (come ha “quasi” promesso) le slide in PowerPoint della sua presentazione, ne trovate un sunto per punti sul blog di Ron Johnson, e uno pò più discorsivo su quello di Stephanie Booth.
Last but not least, Stephan Spencer di News.com ha colto nell’intervento di Matt Cutts una frase che farà tendere le orecchie a più di un SEO:
“Underscores are now word separators”.
Ebbene si, dopo molte diatribe sul fatto che “trattino” e “trattino basso” fossero trattati (o meno) da Google allo stesso modo, pare ufficializzato che ora l’underscore è considerato un separatore di parole.
Piattaforme come TypePad e Movable Type ne risulteranno quindi avvantaggiate? 🙂

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

Perché molte startup falliscono?

Molti giovani aspiranti startupper troppo spesso rinunciano all’idea di costituire una startup innovativa spaventati dalla possibilità che l’idea possa non avere successo e comportare il

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *