“Non preoccuparti dei commenti sgrammaticati”

Spread the love

C’è chi pensa che Google favorisca non solo i cosiddetti “contenuti di qualità”, ma anche quelli grammaticalmente corretti, senza refusi ed errorini di varia natura.

La cosa era emersa ad Agosto del 2011, quando il solito Matt Cutts dichiarò “I think it would be fair to think about using it as a signal”, ovvero “penso sarebbe giusto pensare di usarlo come un segnale”, dove “usarlo” era riferito a “spelling and grammar”, ovvero “ortografia e grammatica”. E anche Bing, proprio la scorsa settimana, ha consigliato di tenere d’occhio gli errori grammaticali, se si punta ad un buon posizionamento nel motore di ricerca.

Alcuni giorni fa a Cutts è stata posta una domanda su un tema molto simile, ma mirata principalmente ai commenti:

“Dovrei correggere la grammatica dei commenti del mio blog? Non dovrei approvare i commenti sgrammaticati? Se approvo i commenti con errori grammaticali, la cosa potrebbe incidere sul punteggio di qualità della mia pagina?”



Ed ecco la risposta di Cutts:

“Se la grammatica della tua pagina è corretta, non mi preoccuperei della grammatica dei tuoi commenti.

Ci sono persone su Internet che scrivono cose che non sempre hanno senso. Puoi trovare commenti senza senso su YouTube (e su altri siti molto noti), e questo non significa che quel video non si posizionerà bene.

Assicurati solo che il contenuto che tu pubblichi sia di alta qualità, e che non vengano lasciati commenti spammosi.

Se si tratta di una persona reale, che lascia un commento, e la grammatica non è proprio perfetta, di solito la cosa si riflette più su di lui che sul tuo sito, quindi non stressarti troppo per questo”.

Molto interessante, a mio avviso, la differenza che fa Cutts fra “commenti sgrammaticati” (tollerati) e “commenti spammosi” (da eliminare).

Questi ultimi, se in quantità esagerata, potrebbero causare problemi di ranking o addirittura penalizzazioni al sito web che li contiene (perlomeno se crediamo a case study come questo, del lontano 2009).

Cutts sembra invece essere molto più indulgente sulla qualità dei commenti “non spammosi”, anche se una vecchia dichiarazione di John Mueller diceva che “un commento nei tuoi articoli è un ottimo modo per portare informazioni aggiuntive alla pagina”. E non penso sia bello inserire delle “informazioni aggiuntive” sgrammaticate.

Personalmente, sono infatti un convinto sostenitore dei commenti di qualità. Credo fermamente che sia importante coltivare una community di “buoni commentatori”, che arricchiscano l’articolo con punti di vista ed osservazioni utili e interessanti, che possano completare il contenuto pubblicato con le loro idee ed esperienze.

Alcune volte, mi metto ad editare i commenti che ricevono i miei post, se ci sono errori grammaticali che ne rendono poco “piacevole” la lettura. E in rari casi, mi trovo costretto ad eliminare quelli incomprensibili, inutili, o scritti con K e X ovunque.

Anche perché fra “commento sgrammaticato” e “commento spammoso”, in molte circostanze il confine è labile…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

2 Comments

  • Ottimo articolo ed ottimo spunto di riflessione, come sempre del resto.
    Concordo pienamente sul fatto che spesso commenti sgrammaticati vadano a braccetto con commenti spammosi, in quanto spesso generati da tool automatici che poco hanno di umano. Ma magari questo è un problema più legato a blog di nicchia e di natura “professionale” come questo. Su queste tipologie di blog diventa più semplice coltivare una community di buoni commentatori.
    Credo invece che su siti più generalisti il problema dei commenti sgrammaticati cresca esponenzialmente. Gli stessi social network traboccano di “orrori” grammaticali.
    Forse per questo Big G ha deciso di non penalizzare in presenza di commenti sgrammaticati, ma magari continua a premiare chi fa bene.
    Riassumendo, secondo me, i commenti sgrammaticati non penalizzano, mentre quelli corretti aiutano a posizionarsi. Che ne pensate?

  • Completamente d’accordo con il Taglia. Anzi, mi ricordo che proprio tempo fa lessi un tuo articolo in cui spiegavi che andavi ad “aggiustare” gli errori grammaticali sui commenti prima di pubblicarli. Sarà anche ininfluente ai fini SEO (ma poi lo è davvero?) ma è brutto leggere l’itagliacano correggiuto in calce ad un articolo ben redatto. IMHO ovviamente 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy