Come scrivere post più velocemente

Lavori 8 ore al giorno.
Hai anche un sacco di impegni che richiedono parecchio tempo: matrimonio, famiglia, amicizie… e Twitter.

Con tutte queste cose da fare nell’arco delle 24 ore, come puoi scrivere il tuo post quotidiano?

Hai ben poche scelte:

  1. Puoi smettere di dormire.
  2. Puoi mollare famiglia ed amici.
  3. Oppure puoi impare a scrivere più velocemente.


Ho imparato a scrivere velocemente quando lavoravo come reporter in un giornale: poteva capitare di avere solo 10 minuti di tempo per scrivere un pezzo di 800 parole.
In quel periodo lavoravo inoltre su 3 blog: sul primo postavo 4-5 volte la settimana, sul secondo e sul terzo 2 volte.
Inoltre scrivevo guest post e articoli su varie riviste, ed ero coautore di un libro.
Digitavo fra le 5.000 e le 10.000 parole alla settimana, e tuttavia stavo alla mia scrivania solo 6-7 ore al giorno.
Nel corso degli anni, ho sviluppato un sistema in 6 punti per scrivere più velocemente.

1. Fai in modo di avere bene in mente quello che vuoi dire prima di iniziare a scrivere

Non appena hai terminato un post, pensa subito a quello successivo.
Pensaci quando sei in giro col cane, quando lavi i piatti, quando fissi il soffitto alle 3 di notte.

2. Scegli un format di base da usare per organizzare il tuo post

Nella maggior parte dei casi si utilizza uno di questi modelli:

  • Domande e risposte: qualcuno ti pone una domanda e tu dai la risposta.
  • Suggerimenti: parti con un paio di paragrafi di introduzione seguiti da un elenco di suggerimenti.
    Questo post su “come scrivere più velocemente” segue proprio questo modello.
  • Storia: racconta qualcosa che ti è accaduto, o che hai imparato da qualcuno.
  • Elenco: potrebbe essere un elenco di siti, di libri, o di persone interessanti da seguire su Twitter.
  • Quiz o test: poni una serie di domande e offri la possibilità al lettore di scegliere le risposte da una lista, in modo che possa dedurne qualcosa.

Ci sono tanti altri format, ma la chiave per scrivere velocemente è di conoscere bene e perfezionarne solo alcuni.

3. Scrivi senza sosta

Inizia a scrivere e non fermarti fino a che non ci saranno più parole nella tua testa.
Non fermarti a correggere gli errori di battuta.
Non fermarti a correggere gli errori grammaticali.
Non fermarti neanche se perdi il filo logico.
Inserisci delle note mentre scrivi, come “verifica l’ortografia”, “trova l’URL”, o “quale parola ci va qui?”.

4. Leggi il tuo post dall’inizio alla fine

Riempi i “buchi”. Rammendalo. Sostituisci gli acronimi col rispettivo testo.

5. Leggi ad alta voce una o due volte

Questo ti aiuterà a trovare gli errori, a sistemare qualche passaggio poco elegante e a fissare meglio i concetti.

6. E’ tutto

Ora puoi postare 🙂

Fonte: How to Write Fast.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

16 Comments

  • quando scrivevo i primi temini la maestra ci consigliava di rileggerlo al contrario in modo da trovare errori di battitura 😐

    attualmente io mi trovo bene a prepararli e abbozzarli la notte, dormo poco, il problema è finalizzare il tutto … mi accorgo di ‘impilare’ un sacco di bozze su argomenti che mi sembrano interessanti (speriamo di migliorare e di iniziare a pubblicarli).

    Ciao

  • ottimi metodi taglia, però restano dei problemi a scrivere per internet:

    ogni tanto bisogna dare un occhio ai trends e scrivere quello che la gente vuole

    leggere, rileggere ed ottimizzare lato S.E.O. quando possibile (keywords,related keywords,ecc.)

    io a trovare cosa scrivere ci metto più tempo che scrivere (vedi punto 1)

    …tutte le cose che riguardano l’ottimizzazione insomma

    p.s.
    molto d’effetto l’immagine 😀

  • Premessa: condivido in pieno tutto quello che hai detto…i tuoi punti potrebbero essere i miei perchè anche io scrivo così…l’unica cosa che contesto è che spesso non è così per tutti.

    Se le lezioni di giornalismo all’università mi hanno insegnato qualcosa è che ognuno scrive a suo modo e questo non vuol dire solo che ognuno ha un suo stile, ma anche un metodo di elaborazione del testo. Ricordo che io mi trovavo sempre benissimo quando dovevamo scrivere un testo in 30 secondi (dannate esercitazioni) ma alcuni miei compagni proprio si bloccavano!

    Daccordo, forse è questione di allenamento o forse bisogna essere minimamente portati. Un garnde segreto che ho imparato e al quale credo molto è che ognuno di noi scrive con una propria parte del corpo, c’è chi scrive di pancia, chi di testa….quelli come me…e forse te….scrivono di mano: se iniziano a scrivere non si staccano dal foglio finchè non finiscono, senza rileggere e tentennare.

    Ma non credo sia un suggerimento che si può dare a tutti, ognuno ha il suo metodo di scrittura e deve trovare il proprio se vuole ottimizzare i tempi.

    Complimenti per il post!

  • Preciso solo che il metodo indicato nel post NON è il mio metodo, ma quello di Alisa Bowman.
    Magari nei prossimi giorni scriverò un articoletto su come preparo i miei post… anche se consiglio sin d’ora di NON imitarmi 😀

  • Scusa ma mi spieghi il senso di tradurre il post di un’altra persona, della quale non condividi neanche il metodo di scrittura (come dici nel tuo ultimo commento), facendo si che ad una lettura veloce (o per chi non è attento) venga scambiato per la tua esperienza personale? Non sarebbe stato meglio introdurre il post dicendo che lo traducevi da un’altra persona?

  • L’immagine del post è impressionante 😉

    Non ho mai provato a scrivere di getto tutto, anzi solitamente ad ogni minimo errore di ortografia mi fermo, torno indietro, correggo.. bla bla

    Una tecnica da sperimentare!

  • Davide sto messo male…. torno indietro a rileggere ogni rigo che scrivo eheh 🙂

  • Trovo che il 3° punto sia il consiglio migliore. Alcuni blog americani, che trattano di produttività e “getting things done”, chiamano questo particolare stato di grazia “Go With The Flow”: sei estremamente produttivo, completamente focalizzato e non percepisci il tempo.

    Ottimi spunti.

  • Sei grande! 🙂 Ti seguo da un po’ e non c’è volta che non apprezzi cio’ che scrivi, complimenti di vero cuore!!

  • Tra le possibilità, oltre a smettere di dormire e mollare amici e parenti, c’è quella che uso io: sfruttare i tempi “morti” del tragitto casa lavoro 🙂 Io prendo l’autobus tutti i giorni ed in quell’oretta di tempo, il mio portatile è il fedele compagno su cui comporre i pensieri e gli articoli che poi diventano post! Per il resto, ottimi consigli come sempre.

  • @Camu
    Il Portatile nell’autobus????? Sei un folle….dalle mie parti una cosa del genere sarebbe un bel regalino da fare al ladro di Turno…:-)

    Scherzi a parte, l’argomento trattato da Taglia (Ciao Taglia :-I ) è uno di quelli che assilla molti Blogger.

    Mi trovo d’accordo con ciò che afferma Taglia, anche io molte volte quando ho dei momenti morti li impegno per il Blog, non solo per nuovi articoli ma anche per idee che possano migliorare il mio Blog e renderlo “Uniko” se cosi posso dire, rispetto alle migliaia di Blog esistenti.

    (Taglia potresti fare un Bel post sulle idee per rendere Particolare Un Blog)

    Molte volte per prendere spunto è anche utile visitare altri Blog più “Blasonati” dare un’occhiata agli argomenti trattati e scrivere di proprio pugno ( perchè copiare tale e quale secondo me non serve a molto) un bel Post su un’argomento che genera dibattito, aggiungendoci magari qualche informazione che nell’articolo del Blog “Blasonato” non c’è.

    Sono d’accordissimo anche sullo scrivere senza sosta, poichè se ti fermi un secondo a correggere un’accento perdi lo schema mentale che avevi dell’argomento, scrivi termina e poi correggi.

    Ottimi consigli….

  • Ciao, sono tutte cose che più o meno fanno tutti i blogger, per cui pienamente condivisibili; credo la cosa più corretta sia scrivere di getto e ricontrollare solo alla fine; magari uno perde tantissimo tempo a sistemare e ottimizzare il testo mentre lo scrive e questo comporta:
    1) interruzione della scrittura
    2) tempo perso
    3) perdere il filo del discorso e occupare altro tempo per riprenderlo
    Altra cosa che consiglio io è un’ottimizzazione del tempo nei minimi particolari; secondo me si deve prima focalizzare la propria attenzione sull’argomento da trattare, leggendo e rileggendo; quando l’idea è chiara ci si pensa durante il pomeriggio e la sera si prepara l’articolo; il 90% del tempo è quello per scegliere di che parlare, scrivere è poi una cosa che viene da se, almeno per me.
    Due articoli al giorno sarebbe poi l’ideale da preparare: uno per il giorno stesso e uno programmato per il giorno dopo, in modo da avere sempre tutti i giorni coperti. Ciao e complimenti per il blog!

  • Ottimi consigli, che applico anche io non solo per scrivere post ma anche nel mio lavoro di copywriter. Aggiungerei anche un corso di digitazione veloce a 10 dita e l’utilizzo di Write or Die, un fantastico software di scrittura online che ti “punisce” appena rallenti il ritmo di scrittura. Ne ho parlato nel blog scriviperme.com

  • Io scrivo di getto, parlo di ciò che mi succede, delle persone che mi stanno vicino, di quello che mi passa per la testa. Rileggo velocemente, per correggere errori macroscopici e posto il mio pezzo.
    Ovviamente, bloggo solo per diletto e i miei articoli probabilmente non li legge nessuno. Forse è per questo che scrivo in serenità…

    Susanna

    ps. splendida la foto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy