Come scegliere un brand (e non solo per il dominio…)

dominio brand
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Anche oggi rispondo ad una email giuntami qualche giorno fa:

“Perchè non scrivi 1 articolo su come chiamare un’azienda che fa SEO e web?”

La risposta è piuttosto complessa: la cosa coinvolge infatti sia la scelta del brand che quella del dominio, cose che molto spesso vanno di pari passo (e che non sono da prendere affatto alla leggera).

Proverò quindi a darti alcuni consigli, applicabili (in quasi tutti i casi) anche se il brand al quale stai pensando NON dovesse finire sul web.

Come deve essere il nome?

    1. Unico
      Non (troppo) simile a qualche tuo concorrente: oltre al rischio della confusione dei marchi, magari finisci pure in qualche causa legale…
    1. Facile da scrivere
      Occhio al cosiddetto mistyping.
      Evita tutte le parole ad alto rischio di “errore di digitazione” (un esempio a caso che mi riguarda: tagliaerba anzichè tagliaerbe 🙂 )… potresti perdere diversi accessi diretti o addirittura portare traffico a qualche tuo concorrente!
    1. Facile da pronunciare
      Fai questo semplice test: chiama 3 amici e digli il nome del brand che hai in mente.
      Se in 2 casi su 3 ti chiedono di fare lo spelling, scegli un altro nome!
    1. Facile da ricordare
      Nomi troppi lunghi, complessi o in una lingua straniera non restano facilmente in memoria.
      Meglio un nome corto, composto al massimo da 2 termini, possibilmente in italiano (se il tuo mercato di riferimento è il Bel Paese, ovviamente.
  1. In grado di superare le mode
    Stiamo assistendo in questi ultimi anni ad un proliferare di brand tutti più o meno simili (per capire cosa intendo, prova il generatore di domini 2.0 😀 ).
    Se il tuo obiettivo è creare un brand che duri per più di qualche stagione, pensaci 2 volte prima di metterci dentro un paio di vocali di fila, o di farlo terminare con kr o icious, solo per seguire la moda del momento… 😉

Come deve essere il dominio?

    1. Scegliere solo .com (o .it)
      Sarò controcorrente, ma nonostante l’enorme numero di estensioni esistenti, ritengo che l’utente medio identifichi il .com come “parte integrante” del nome a dominio.
      Stesso valore (o quasi) hanno le estensioni nazionali: pertanto, se il tuo sito si rivolge principalmente ad un pubblico italiano, registra (insieme o in alternativa al .com) anche il .it
    1. Registrare più domini
      Come dicevo sopra, se vuoi proteggere adeguatamente il tuo brand è bene registrarlo almeno per le estensioni più famose e/o le nazioni al quale il tuo prodotto/servizio si rivolge.
      Nel caso di un nome a dominio che si presta al mistyping, valuta anche di registrare tutte le possibili “variazioni sul tema”…
  1. Senza trattino
    I SEO potranno dire quello che vogliono, ma pronunciare una frase tipo “il mio dominio è seo trattino web” non mi piace affatto.
    Men che meno il doppio trattino (“seo trattino e trattino web”): orrendo.
    Nei limiti del possibile, opta quindi per un nome a dominio senza all’interno trattini, numeri o altri elementi che possano creare confusione.

Quindi, che nome mi consigli?

Un (vecchio?) punto di vista SEO, suggerisce di mettere i termini di tuo interesse all’interno del dominio, per far immediatamente capire ai motori (e anche agli utenti) qual’è il tema trattato dal sito.

Vi è inoltre un altro motivo che rende la cosa… intrigante: se un sito ha come domino (ad esempio) “seo.com”, molto probabilmente verrà linkato con l’àncora “seo”, cosa che contribuirà a scalare i motori per quella chiave.

Ritengo comunque che ad oggi Google non avvantaggi più di tanto i domini con all’interno le keyword (anche a causa di anni di abuso di tale tecnica da parte di SEO e webmaster): perchè non provare dunque ad usare qualcosa di evocativo, che richiama l’oggetto del tuo business, anche senza inserire a tutti costi nel dominio la chiave principale? ad esempio, se la chiave a cui punti è “seo”, potrebbe essere simpatico un dominio tipo “PrimoSuGoogle.it”.

Secondo consiglio: se vuoi puntare su 2 chiavi molto competitive (come “seo” e “web”), meglio 2 domini (e magari 2 landing page o meglio 2 mini-siti) separati, piuttosto che cercare di mettere dentro allo stesso contenitore 2 argomenti che poco “c’azzeccano”.

E infine, un “problemino” che troverai sulla tua strada: purtroppo, in qualsiasi ambito siano i tuoi interessi, i domini che troverai ancora liberi saranno pochi, molto pochi.
Più probabilmente tutti i nomi che hai pensato saranno già registrati e utilizzati.
Dovrai quindi usare tanta creatività e fantasia (e magari farti aiutare da tool come Ajax Whois) per trovare la giusta alchimia fra nome unico, semplice, memorizzabile ed estensioni non ancora occupate.

Buona caccia!

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

8 Comments

  • Il post è vecchiotto ma ti faccio una domanda.
    Mettiamo che ho registrati sia ecommercio.it che e-commercio.it.
    Il secondo è il sito principale e lì faccio il 301 dal primo.
    Come faccio a farmi indicizzare decentemente da Google anche per “ecommercio” (per e-commercio mi trovano)?

    Ho fatto qualche ricerca tipo “cocacola” e “coca-cola” ma non è significativo perchè il brand è troppo forte…

    Reply
  • A proposito della difficoltà nel reperire nomi a dominio disponibili con estensione .com, capita spesso che i nostri clienti (come lavoro faccio il brand namer, ovvero creo nomi per aziende, prodotti, servizi, ecc…) ci richiedano un nome disponibile anche come dominio Internet sia con estensione .it che .com come se fosse la cosa più facile del mondo.
    E’ difficile far capir loro che si tratta di un’impresa trovare una rosa di nomi con queste caratteristiche…e quindi giustificare i costi del servizio.
    D’ora in poi proporrò loro di fare l’esperimento suggerito da Fabio!

    Reply
  • Io farei un distinguo. Parliamo di Marchio (brand) o parliamo di posizionamento?

    Se parliamo del primo, online io considererei tutto quello che hai detto, ma aggiungerei che si tratti di un nome non esistente in un vocabolario. Per inciso, questo è il motivo per cui abbiamo scelto maisazi (tutto attaccato) e Toomaki (con due o).

    Se parliamo di posizionamento, allora certo, a volte (ma non sempre), meglio che ci sia qualcosa di maledettamente sensato.

    Se invece parliamo di entrambe le cose, la situazione si fa dura. Sempre in aggiunta a ciò che hai detto tu, dovrebbe essere qualcosa che sia la fusione non esistente di un due termini con significato, se autonomamente considerati. Non per continuare a fare l’autorefernziale, ma solo perché (non casualmente) spiega bene il concetto: maisazi.

    Reply
  • In questi giorni sono proprio in cerca, con l’aggravante che è per un sito in inglese…

    Reply
  • Vi propongo un esperimento:
    Andate su un sito tipo arsys.es (registrar di domini) posizionatevi nella casella per vedere se un dominio è già registrato. Prendete a pugni e a manate (letteralmente) la tastiera, pigiando tasti completamente a caso. uscirà qualcosa tipo (prendo a pugni la tastiera) ‘kjktfgy80g’. Cancellate tutto meno le prime 4 lettere e effettuate la ricerca. Il dominio risultante (nel mio caso kjkt.com) è preso SEMPRE! Ormai i domini corti sono oro. 5 lettere facilmente pronunciabile già è pagato nell’ordine di migliaia di dollari…

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Come scegliere un brand (e non solo per il dominio…)
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi