Come riuscire a bloggare tutti i giorni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Posto (quasi) ogni giorno e, a volte, più di una volta al giorno. Oltre ai miei post, scrivo per i clienti, per altri progetti, per un libro e per altre cose. Di sicuro tu non hai tutte queste incombenze, ma vuoi comunque qualche idea per scrivere meglio e di più. Eccoti quindi alcuni pensieri su come procedo, che ti daranno un quadro di riferimento per riuscire a scrivere un post (quasi) ogni giorno.

  1. Leggi qualcosa di nuovo, ogni giorno. Hai bisogno di un punto da cui partire? Prova Alltop (piccolo suggerimento: leggi qualcosa che sta al di fuori dei tuoi interessi abituali).
  2. Parla con le persone, ogni giorno. Molte delle mie idee su nuovi topic vengono da domande che le persone mi pongono, o grazie alle conversazioni.
  3. Scrivi titoli e idee su nuovi topic in un file del Blocco Note (qui trovi idee per 100 blog topic e qui per altri 20).
  4. Utilizza i bookmark e visitali abitualmente. Io uso Delicious.
  5. Trova 20-40 minuti liberi ogni giorno, per stare seduto a scrivere.
  6. Segui uno schema semplice. Qui trovi 27 “segreti” che potrebbero aiutarti.
  7. Scrivi il post velocemente, senza perfezionismi. Se è necessario puoi modificarlo, più tardi. Il perfezionismo uccide le buone abitudini.
  8. Studia attentamente i post che trovi su altri blog per capire cosa li rende così speciali. Più comprendi COME un blogger scrive, e più puoi prendere il meglio da come scrive.
  9. Trova immagini utili e interessanti. Io utilizzo le foto di Flickr con licenza Creative Commons: mi aiutano a trovare una bella immagine per un post che ho già in mente, e a volte mi danno anche spunti per nuovi post.
  10. Pensa a ciò di cui clienti e prospect hanno bisogno. Personalmente scrivo in prospettiva della community che mi segue. Ogni post è volto a qualcosa che credo possa essere utile alla mia community, in una forma o nell’altra. Questo modo di operare mi toglie il peso delle preoccupazioni su cosa scrivere o meno: scrivo su ciò che la mia community necessita.
  11. Prima di postare sul tuo blog, scrivi su carta.
  12. Scrivi guest post per altri siti che non sono tuoi. Questo ti consentirà di aprire la tua mente a nuovi formati.
  13. Cambia spesso la lunghezza dei tuoi post: a volte lunghi, a volte brevi. Osserva l’impatto diverso che provocano.
  14. Mai preoccuparsi di scrivere occasionamente dei post del tipo “il meglio di”, quando hai in mano abbastanza materiale.

Non è facile seguire queste regole, ma una volta che ci hai fatto l’abitudine, ti troverai bene. Ora scrivo con una certa regolarità, ma mi ci sono voluti anni per imparare il metodo. E alcuni giorni, non ce l’ho fatta.

Ma avere un programma impegnativo può aiutarti a tirare fuori il meglio di te.

Fonte: How to Blog Almost Every Day.

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

13 Comments

  • Bello il post, e utile!
    Scrivere sul blog è un po’ come scrivere sul blocchetto degli appunti di uno scrittore, a me piace pensarlo così.
    E allora un post, scritto di getto e poi magari aggiustato, può essere un rigo, o una pagina. L’importante che sia “vero”…

    Reply
  • Molto dipende dagli argomenti. Io a volte penso che un blog tematico non possa sopravvivere senza riprendere argomenti già visitati da altri. Più la nicchia è ristretta e peggio è. A me non è mai mancato l’argomento su cui scrivere, in qualche blog, ma se c’era da scrivere. Quando non c’è niente da dire preferisco non dire nulla.

    I suggerimenti come questi sono utili fino a un certo punto. Il 95% dei bloggers scrivono ignorandoli.

    Reply
  • @ Francesco Martino

    Siamo d’accordo che non tutti i post possono risultare eccellenti; quello che intendevo dire è che se ci facciamo ossessionare dalla necessità di scrivere ci saranno molte più probabilità che i post “non eccellenti” siano statisticamente molto numerosi 😉

    Per queso io dico: se abbiamo qualcosa da dire diciamolo, se non abbiamo niente da dire diciamo a noi stessi “Oggi non ho niente da dire” e mettiamoci l’anima in pace 🙂

    Reply
  • @ Giacomo

    Non devi impiegare due ore a scrivere un post,

    ma 25 + 20 + 10 minuti.

    Mi spiego meglio, scrivi il post, seguendo la prima idea che ti viene in mente, fallo decantare, nel senso che lo devi leggere il giorno dopo, correggi ciò che ti sembra sbagliato, aggiungi qualcosa per renderlo più efficace, lascialo decantare per una settimana, rileggilo, ultime correzioni e poi pubblicalo.

    Questa decantazione simile a quella del vino serve a non farti perdere tempo, se stai due ore per scrivere un post di 30 righe, e lo fai lo stesso giorno, ti sembrerà perfetto, ma se poi lo rileggi dopo qualche giorno, noterai che alcune frasi avresti potuto scriverle meglio.

    Reply
  • Postare tutti i giorni, o anche più volte al giorno, è di certo la via per ottenere visitatori, e quindi page rank e tutto quanto segue al successo di un sito.
    Ma non bisogna dimenticare che il contenuto è altrettanto fondamentale: postare con contenuti scarsi o ripetitivi non è utile.
    Agganciare le idee che vengono durante la giornata, e appena possibile riversarle per iscritto è una ottima via… anche se non tutti i giorni riuscirai a scrivere un post “memorabile”, l’allenamento costante è la via per il successo

    Reply
  • Probabilmente sono io eccessivamente puntiglioso, ma ogni volt che mi metto a scrivere un post mi accorgo che sono passate 2 ore…altro che venti minuti! E poi (a mio modo di vedere) se mi dovessi mettere a scrivere veramente ogni giorno alla fine mi troverei con un sacco di articoli, di cui la maggior parte estremamente banali…io sono per la politica meglio pochi ma buoni…
    ciao ciao

    Reply
  • @ Roberto Sala

    Sono d’accordo.

    Non sempre si possono scrivere post eccellenti,

    qualcuno esce meglio, qualche altro no.

    Anche i quadri di pittori famosi non sono tutti eccellenti,

    ma questo che significa?

    Mica si possono avere delle idee meravigliosi tutti i giorni?

    L’importante comunque è scrivere.

    Reply
  • ho l’impressione che anche il post originale in inglese sia un condensato di altri post già visti e rivisti negli ultimi anni…

    Reply
  • che palle ‘sti articoli, neanche fosse come seguire una dieta! Uno blogga quando ne ha voglia e se ha qualcosa di decente da scrivere. E’ cosi difficile? 🙂

    Reply
  • Io trovo che alla base di un buon post ci sia la non ossessione di dover scrivere a tutti i costi qualcosa. Tanto e bene sono due cose che difficilmente si abbinano. E poi, il lettore che non passa tutta la sua vita a leggere, ma si presume abbia anche un lavoro da portare avanti, non credo abbia la voglia e il tempo di leggersi un post al giorno.

    Reply
  • Come dire ORGANIZZAZIONE, ORGANIZZAZIONE, ORGANIZZAZIONE.

    Hai dimenticato una cosa: ogni tanto concedersi un piccolo premio, un gelato, una passeggiata, un vestito nuovo, insomma tutto ciò che può servire a gratificarti; altrimenti si corre il rischio di impazzire.

    Questo l’hai detto, ma è meglio ripeterlo, ripetita iuvant, anzi lo perfeziono.

    Scrivere i topic su un taccuino, meglio se lo si porta sempre appresso, così se ti viene in mente qualcosa lo scrivi subito: ho detto subito. Altrimenti si corre il rischio di dimenticare delle belle idee.

    E visto che mi trovo ripeto anche qualcos’altro che ho detto in un altro commento.

    I commenti che lasci nei vari blog, non scriverli direttamente lì, ma usa un programma di word, così te li registri e ti possono servire in un secondo momento per scrivere un post più completo o addirittura un pdf, magari da regalare o vendere ai tuoi lettori.

    Reply
  • Trovo che questi post di “How to” siano spesso di una banalità impressionante e non c’è niente di peggio che dare la forma di una regola a contenuti superficiali. Tuttavia ho visto che l’originale è stracitato e stracommentato: mi ritiro perciò in quest’angolo di notte inseguendo sogni dall’anima snob.

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Come riuscire a bloggare tutti i giorni
Scroll to Top