Come passare da zero a un milione di utenti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Sogno (e incubo) di tante startup è quello di riuscire a trovare un grande pubblico, di scalare, di raggiungere una massa critica che permetta di sopravvivere (o, meglio, di prosperare 🙂 ).

Ecco, 30 buoni consigli :

• Fai ciò che le persone vogliono (il rischio maggiore è fare qualcosa che nessuno vuole)
• Un prodotto che si presenta debole sul mercato non può farcela nemmeno con un buon marketing (mentre un buon prodotto sarà come se avesse il vento in poppa)
• Risolvi un problema che nessuno pensa di avere
• Obiettivo: fare un prodotto che da subito sia adatto al mercato
• Impara presto, impara spesso
• Se vuoi ottenere consigli (e non hai budget), parla con le persone
• Prima di lanciare il prodotto, fai una campagna test con AdWords (utilizzando una landing page “fake”, degli screenshot, etc) per ottenere un feedback
• Prepara un landing page semplice, che possa incuriosire (e che permetta di raccogliere indirizzi email)
• Vai dove ci sono gli early adopter
• Pensa prima alla nicchia, poi al “mondo”
• Fingi mentre fai: simula delle feature che ancora il tuo prodotto non ha
• Marketing = costruire buzz
• Lega il tuo brand ad uno più grosso
• Incontra i giornalisti di persona, sempre. (E stai attento che sono sempre molto impegnati: trova il modo e il momento giusto per parlare con loro)
• La regola #1 del passaparola è quella di avere un ottimo prodotto di cui poter far parlare
• Genera il passaparola grazie alla “scarsità”
• Agevola gli utenti a generare il passaparola verso i loro amici
• Focus: fai poche cose molto bene (piuttosto che molte male)
• Se rendi una cosa più semplice del 10%, allarghi il tuo pubblico potenziale del 50%
• Non farmi pensare: nessuna decisione = nessuna probabilità che le cose possano andar male
• Non farmi leggere: nella tua landing page sii conciso, rimanda gli step successivi su una seconda pagina
• Pensa prima ad acchiappare l’utente, e poi “educalo” nel corso del tempo
• Tu non vedi il tuo prodotto nel modo in cui lo vede il tuo utente!
• Rendi la possibilità di inviarti feedback semplice e indolore
• Un ottimo prodotto trasforma gli utenti in evangelist
• Incoraggia il passaparola: un programma di affiliazione aumenta le iscrizioni del 60%
• Scegli bene dove investire il tuo budget marketing (Xobni ha scoperto che gli utenti AdWords non convertivano, ma passavano parola ad altri utenti!)
• Alloca risorse in ambito usabilità, engagement & viralità
• Alcuni mercati non generano buzz
• LTV (profitto portato dai clienti in un determinato intervallo di tempo) – Costi di acquisizione = Profitto!

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

11 Comments

  • Interessantissima presentazione, anche se, in perfetta rispondenza con il principio della scarsità, Adam non dice come fare per ottenere quei risultati. D’altronde sarebbe impossibile trovare delle strategie utili per tutti e mi accontento della divertente fonte di ispirazione che le slide rappresentano.
    Però sarebbe stato bello sapere come diavolo si può legare il proprio business nascente (e quindi minuscolo!) ad uno già grande ed affermato senza restarne schiacciati.

    Ciao,

    Luigi

    Reply
  • D’accordo su tutto, interessante il legame col brand più grosso, può dare una grossa spinta all’inizio, ma l’importante è far parlare di sè, se il marchio diventa viral allora si trasforma in brand

    Reply
  • Quello che vuoi fare, fallo bene; con cuore puro e mente aperta. Fallo come vorresti che gli altri lo facessero per te. Questo non l’ho detto io, ma io l’ho adottato nella mia vita e posso dire di non essermene pentito. Prova !

    Reply
  • Articolo molto interessante, sono stato un utente DropBox fin dai primi giorno e posso confermare che diversi dei suggerimenti qui presentati sono stati da loro seguiti alla lettera. Partendo dalla homepage pulita con un link al centro per scaricare il prodotto fino all’offerta di spazio grauito ampliato per ogni referral. Su Twitter se ne è parlato molto in quel periodo. Ciliegina sulla torta, funziona benissimo 😉

    Reply
  • Io non ho proprio niente contro il titolo: “Come passare da zero a un milione di utenti”. Anzi, mi piace un sacco: certi guru dello sviluppo personale direbbero: “Se non ci credete, che ci state a fare qui?!” eppoi non c”è mica scritto: “da zero a un milione in 7 giorni” o: “in 72 ore”! ;).

    E’ un titolo che rispecchia molto il consiglio: “Pensa prima ad acchiappare l’utente, e poi “educalo” nel corso del tempo”: sono convinta che siano queste la reale, grande funzione e la straordinaria opportunità di internet e di chi ci lavora.

    Reply
  • “Lega il tuo brand ad uno più grosso”. Ale. io invece l’ho spesso messo in pratica e con ottimi risultati. Quando cominci, non sei nessuno. Ma se stabilisci una collaborazione con partner già autorevoli sul mercato, non puoi che giovarne. Naturalmente se ciò che proponi è di valore.

    Reply
  • Pienamente d’accordo con Pecciola, ma questi 30 ottimi consigli sono favolosi.

    Aggiungerei anche: fai qualcosa di semplice ma allo stesso tempo complesso da replicare… Rendi unico il tuo business differenziandolo da altri.

    Reply
  • Più o meno tutti già letti e super discussi tra noi. Uno un pò meno discusso è “Lega il tuo brand ad uno più grosso”. Questo punto è fondamentale e spesso poco considerato. Ottimo post

    Reply
  • anche io quando ho letto il titolo ho detto: “ecco ci risiamo, sarà la presentazione dei un nuovo libro di harry potter”. Invece ci sono elementi interessant. C’è un passaggio che non ho compreso (ovvero non condivido): quando si riferisce ad “acchiappa prima l’utente e poi educalo”. Non sarebbe meglio: “acchiapa prima l’utente e poi FATTI educare da lui”.

    Reply
  • Non so perché, ma quando vedo nel mio feed reader titoli come questo ‘Da zero a un milione di utenti’ oppure ‘Da 0 a 20000 abbonati al feed in un mese’ o ancora meglio ‘Adsense : da 1 a 1000$ al giorno’ salto tutto a piedi pari.
    In questo caso ho fatto un’eccezione solo perché si tratta del Tagliablog e ho fatto bene perché qualche spunto nuovo, rispetto ai classici consigli triti e ritriti, l’ho trovato.

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Come passare da zero a un milione di utenti
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi