Home » Seo » Come indicizzare un sito su Google, in meno di 24 ore

Come indicizzare un sito su Google, in meno di 24 ore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Sul tema dell’indicizzazione su Google in tempi rapidi ne parlai a Gennaio 2008, citando fra le tecniche praticamente inutili quella di utilizzare il modulino ufficiale “Aggiungi il tuo URL all’indice di Google“.

Poche ore fa, dalle colonne del Webmaster Central Blog ho però appreso che sono stati attivati un paio di nuovi tool che permettono di inviare un URL – nuovo o aggiornato – a Google, e di farlo indicizzare al Googlebot nell’arco di poche ore.

La cosa può essere utile in 3 casi:

• quando hai lanciato un nuovo sito, o hai aggiunto qualche pagina, e vuoi che il Googlebot la indicizzi subito (anziché aspettare che la scopra “naturalmente”)
• quando hai modificato i contenuti di una pagina, magari relativa ad un evento che si svolge fra pochi giorni, e vuoi la certezza che la nuova versione venga indicizzata in fretta
• quando hai accidentamente pubblicato contenuti che non volevi, e desideri che le informazioni cachate da Google vengano aggiornate in tempi brevi

I metodi per indicizzare gli URL sono 2:

1. Tramite gli Strumenti per i Webmaster di Google: vai nel menu Diagnostica -> Visualizza come Googlebot (se usi la versione inglese, Diagnostics -> Fetch As Googlebot), e inserisci gli URL che vuoi sottoporre a Google; puoi scegliere se far indicizzare il singolo URL o l’URL e tutte le pagine ad esso collegate.

2. Tramite il form presente alla pagina “Esegui scansione dell’URL“: in questo caso non è necessario essere loggati nei Webmaster Tools, e pertanto è possibile inviare al Googlebot anche siti o pagine di terze parti.

Concludendo

So bene che ciò che sto per scrivere è scontato per la stragrande maggioranza dei miei lettori, ma voglio comunque ricordare che indicizzazione e posizionamento non sono affatto sinonimi: riuscire a fare in modo che Google si accorga dell’esistenza di una pagina è cosa da poco, ma posizionarla ai vertici delle SERP è tutto un altro paio di maniche…

Max Valle
Max Valle
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup - Tagliaerbe

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

27 risposte

  1. La tecnica per fare immediatamente indicizzare la pagina del proprio sito web secondo voi se uno conosce come farlo? Lo posta sul proprio blog? Le tecniche sono varie ma quelle verificate e attendibili non si conoscono in rete internet nessuno vi dirà mai come farlo! Sono segreti professionali che se pubblicati non sarebbero più segreti altrimenti come si conoscono i veri Webmaster da quelli che credono di esserlo??? Buona serata a tutti!

  2. Anche se l’articolo è vecchiotto mi è servito per rinfrescarmi la memoria.
    Comunque se può essere utile, adesso lo strumento “Visualizza come Google” si trova sotto la voce “Scansione” e non più Diagnostica.

  3. Post sempre attuale ed interessante, anche perchè il metodo utilizzato dal tool del WMT permette di capire se ci sono problemi di scansione nella pagina (tipo auto-redirect 301 e simili), a volte piuttosto subdoli ed impossibili da rilevare a “mano”.

    @ro: I problemi di indicizzazione possono in generale causare problemi sul ranking, pur essendo cose chiaramente differenti. La “sandbox” è una convenzione secondo cui alcune pagine di Google vengono trattate con “cautela” da Google, ma non possiede riscontri ufficiali se non in alcune testimonianze degli utenti in tal senso. Dipende dal sito, anche se pare scontato scriverlo è così 🙂

  4. Il metodo funziona bene per indicizzare, la domanda che mi pongo è sui tempi di posizionamento invece. ovvero: il post nell’indice me lo metti, ma vorrei tanto capire quando diventa “stabile” in una posizione.

    Mi pare di vedere una sorta di (scusate il termine inappropriato) “sandbox”, nel senso che il post non viene immediatamente posizionato dove dovrebbe stare, ma nelle retrovie.

    o sbaglio? mmm

  5. Ho lanciato un sito da poco (meno di un mese) e un pò l’inesperienza, un pò l’ansia da prestazione, un pò… di stupidità, mi hanno fatto fare vari pastrocchi quali cambiamenti di categorie, correzioni nelle url degli articoli, insomma ho fatto un gran casino. Ho trovato il tuo articolo che fra i tanti mi ha chiarito meglio le cose. Ho seguito i tuoi consigli di inviare una nuova segnalazione del mio sito tramite “esegui la scansione url” e su strumenti per webmaster ho reinviato uno ad uno tutti gli url degli articoli del blog. Ora posterò regolarmente e mi limiterò a fare solo questo, ma sa che è la strada migliore da seguire. Grazie per i tuoi suggerimenti.

  6. Sono un neofita e il tuo articolo per me è tutt’altro che scontato…io però ho difficoltà ad indicizzare il mio blog con gli strumenti di google, e non capisco se ciò è dovuto al fatto che il mio blog sia gratuito o altro…voi ne sapete qualcosa in più ??
    Un saluto

  7. A dire il vero non uso mai i webmaster tools indicati. Uso WordPress, aggiungo una lunga lista di PING che conosco ed é fatto (ho anche un plugin speciale). Ma non faccio altro. Comunque a volte si puo’ andare su PINGOMATIC se si ha fretta o anche usare ONYLWIRE e simili (aiutano ad indicizzare, non tanto per il ranking).

  8. Casualità o meno, dopo 3 settimane che controllavo il posizionamento di una pagina creata appunto 3 settimane fa, ho inviato venerdì l’url oggi è in seconda pagina, prima non si trovava.
    Io alle coincidenze non ci credo, se anche voi avrete casi da dire.

  9. Si,effettivamente ho notato anche io queste nuove funzionalita’…

    Ci sono state diverse modifiche nei criteri di Ricerca di Google nelle ultime settimane ma una cosa che non mi e’ piaciuta e’ il fatto che SEMBRA non esistere piu’ il WHONDER WEEL…

    Qualcuno ne sa’ qualcosa ?

    Grazie a chi rispondera’:)

  10. l’unica pecca del nuovo strumento è il massimo di 10 url inviabili al giorno , avrei preferito almeno 20-25 come max giornaliero , ma per ora mi accontento 🙂 .

  11. Sarebbe interessante sapere se esiste un modo di inviare un PING a Google in automatico. Per esempio quando aggiorno un articolo dal mio CMS inviare automaticamente una segnalazione a Google dell’aggiornamento.

  12. Per quello che posso vedere ultimamente basta registrare un nuovo dominio o sottodominio in web master tools, fagli riconoscere la sitemap e anche senza link esterni il sito si indicizza.

Lascia un commento