Come guadagnare insegnando ad altri come guadagnare

Insegnare a Guadagnare

Insegnare a “fare soldi online” è una delle attività più redditizie per un Internet marketer, e tuttavia la maggior parte delle persone che tenta di trarre profitto da questa nicchia non ci riesce.

Alcuni considerano che l’insegnare a far soldi sia, in buona sostanza, una truffa. Voglio dire: se conosci il sistema per fare soldi, perchè non utilizzarlo piuttosto che venderlo? Non puzza di fregatura? Personalmente ritengo questa logica del tutto stupida. Puoi far soldi utilizzando il sistema E insegnandolo.

E allora perchè solo una piccola minoranza di persone guadagnano un sacco di soldi nel campo dell’Internet marketing mentre la maggior parte fallisce miseramente? Fare soldi online è una nicchia piena di truffatori, o di personaggi che hanno solo avuto una gran fortuna?

In qualità di persona che ha guadagnato per anni da questa nicchia – scalando posizioni col passare del tempo – mi sento in una buona posizione per poter spiegare le sottigliezze che i novizi dell’Internet marketing non riescono a vedere.

Dove sbaglia la maggior parte delle persone

Iniziamo con gli errori più comuni che compie chi cerca di trarre profitto dall’insegnare ad altri a guadagnare…

1. Vendi prodotti alle persone e tenti di insegnar loro come far soldi quando tu stesso non ne hai mai fatti
Questo potrebbe sembrare ovvio, ma per quelle persone che hanno solo in mente il simbolo del dollaro (e non la realtà) capire che la credibilità è una grossa parte nel processo di conversione all’acquisto è un bel problema.

Se non vai da un medico che non ha mai studiato o praticato medicina per farti operare, perchè pensi che la gente ti darà dei soldi per imparare da te qualcosa che non hai mai fatto o dove hai avuto un successo molto limitato?

Ci sono alcune persone là fuori, in particolare nel campo delle affiliazioni, che non hanno mai fatto nulla ma che promuovono prodotti che insegnano a far soldi, persone che possono entrare nella nicchia del make money online e fare bene, ma solo perchè hanno le capacità (di generare traffico e conversioni) che possono essere applicate in qualsiasi mercato.

E’ molto probabile che chiunque oggi ha fatto parecchi soldi nell’Internet marketing ha guadagnato prima in altre nicchie, o continua farlo anche ora. Se hai attualmente un blog che si occupa solo di promuovere prodotti per far soldi e questa è la tua strategia per diventare ricco, è tempo di affrontare la realtà e di guardare le cose da un altro punto di vista.

2. Stai pianificando le tue giornate attorno all’idea di fare soldi bloggando e attraverso i profitti generati dalla tua audience

Io sono certamente colpevole di questo fatto, insieme a persone come John Chow che è diventato famoso per l’uso della frase “Faccio soldi online dicendo alla gente come faccio soldi online”.

Numerose persone sono passate dai miei programmi di formazione via blog e sono partiti con l’idea di lanciare un blog sul come far soldi. Il pensiero va solitamente in una da queste direzioni…

Voglio far soldi online, ma non so in quale nicchia.

Lo so, partirò sperimentando, e scriverò i miei risultati sul mio blog attraendo lettori in questo modo.

Come nel peggiore degli scenari, sarò in grado di far soldi col mio blog.

Questa teoria sembra buona sulla carta, ma la maggior parte delle persone commette un errore fatale quando cerca di realizzarla.

La chiave per fare soldi descrivendo il tuo percorso per far soldi è che devi assolutamente provare vari sistemi e metodi per guadagnare, e riportare i risultati reali ai tuoi lettori.

Per esempio, prova la pubblicità Pay Per Click (PPC) per vendere prodotti di affiliazione e spera di fare almeno qualche centinaio di dollari di vendite, in modo da poter disporre di un piccolo grande case study da inserire nel tuo blog. Le persone vogliono sapere come sei riuscito a fare un paio di centinaia di dollari dal PPC, quindi spiegar loro come hai fatto è un contenuto di valore.

Quello che accade di solito è che le persone capiscono quanto è duro anche solo fare questi esperimenti. Raggiungere il punto nel quale si riesce a trarre un profitto dagli esperimenti è duro. Impegnarsi a scrivere queste esperienze per un piccolo e non immediato ritorno economico è fuori dalla portata della maggior parte delle persone.

I fatti sono questi, a meno che non si hanno già avute esperienze effettivamente profittevoli da un business sarà molto difficile costruire un audience parlando di come far soldi su un blog. Ecco perchè il mio blog, e pochi altri blog simili al mio, è probabile che rimarranno al top. Molti concorrenti sono nati e morti, e la maggior parte di questi è giunta alla conclusione che non hanno le energie per lavorare sul loro business E anche scriverci sopra.

3. Credere che se scrivi abbastanza post promuovendo prodotti affiliati diventerai ricco

Si tratta davvero di un errore da principianti, ma è così comune da spingermi a puntualizzare come è inutile fare ciò, in modo da evitarti di fare lo stesso errore.

Se il tuo blog ha la sola funzione di promuovere prodotti non potrà mai costruire un audience che si fida di te. Perchè comprare da qualcuno che continua a chiedere soldi e non offre mai nulla?

Questo è effettivamente un enorme problema nella nostra nicchia, problema che per il marketer furbo e intelligente è una opportunità d’oro.

E’ giusto dire che il consumatore medio che va cercando di comprare qualcosa che pretende di spiegargli come far soldi – una opportunità di business – è piuttosto scettico. Queste persone sono pietrificate dall’idea di essere truffati e il motivo è che online c’è un sacco di gente che vende truffe in questo settore, e gli Internet marketer devono quindi fare un durissimo lavoro per essere credibili.

L’opportunità è quella di distinguersi dalla massa e creare un modello di business sostenibile non cercando di rubare ogni singolo centesimo all’ignaro nuovo utente, ma invece aiutandolo con un supporto reale.

Se qualcuno si scotta una volta, arriva da te con estrema cautela prima di prendere una decisione. Se compra il tuo prodotto o un prodotto consigliato da te, e ne trae una esperienza positiva, le tua reputazione ne trarrà un grosso beneficio. Essere onesto in un mare di squali e venditori aggressivi è un ENORME vantaggio, se puoi trovare il modo di creare questa percezione.

Come puoi ricavare profitti nella nicchia dell’Internet Marketing

La chiave del guadagnare all’interno della nicchia del make money online è di focalizzarsi su credibilità, autenticità, fiducia, informazioni di qualità basate sulle esperienze reali e assoluta coerenza.

La maggior parte delle persone omette uno o più di questi punti e quindi finisce per risultare come uno dei tanti che provano a rubare soldi ai nuovi utenti, per poi scappare via col malloppo.

Il prossimo punto chiave, partendo dal presupposto che hai applicato i punti relativi alla credibilità, è quello di trovare il tuo posizionamento all’interno del mercato. E’ molto difficile insegnare l'”internet marketing” e fino a che non hai trovato qualcosa in cui specializzarti, sarà molto difficile costruire un modello di business sostenibile.

In un mare di perdenti, chiunque riesca a differenziarsi, con un posizionamento di mercato unico e in un settore competenza specializzato, vince. Ecco come puoi essere un vincitore.

1. Trova una sotto-nicchia

La maggior parte dei marketer che guadagnano parecchio insegnando come far soldi, anche quelli di livello molto alto, si sono specializzati in una sottonicchia (all’interno dell’Internet marketing). Ecco alcuni esempi di persone dalle quali ho imparato molto, e che considero colleghi nonchè tutor negli ambiti nei quali si sono specializzati:

Jeff Walker è conosciuto per il lancio di prodotti
Alex Mandossian – Teleseminari
John Reese – Generazione di traffico
Ricco Schefren – “Sistematizzazione” del Business
Mike Filsaime – Viral Marketing
Perry Marshall – Pay Per Click
John Carlton – Copywriting

Queste persone sono solo alcune delle celebrità presenti nel nostro mercato. Se punti verso il basso e guardi a tutte le piccole storie di successo di Internet marketer poco noti, ma che ogni giorno fanno soldi in una nicchia dell’Internet marketing, noterai che tutti si sono specializzati in qualcosa.

Potrebbe essere la creazione di una mailing list, il pay per click, le affiliazioni, il copywriting, le conversioni, la generazione di lead o un altro degli innumerevoli settori dell’Internet marketing. Ognuna di queste persone ha un focus che lo distingue dagli altri nella mente dei loro clienti, che lo individuano come la miglior soluzione ad uno specifico problema.

Puoi anche trovare nicchie ancora più piccole di queste, per esempio legate ad una specifica località (copywriter a Sydney), ad uno specifica tipologia di clienti (pay per click per broker ipotecari), o ad una combinazione di questi elementi.

Una delle formule di maggior successo che ho visto applicate è quella di diventare il punto di riferimento sul territorio per la tua community, e aiutare questa a fare business online. Ad esempio potresti concentrarti su certe tipologie di negozi al dettaglio (come quelli di antiquariato) e aiutarli tramite eBay a vendere i loro prodotti.

La formula di prendere i business offline e di portarli online può essere applicata in un sacco di settori, ed è una fantastica strategia per tutti coloro che conoscono perlomeno le basi dell’Internet marketing. In alternativa, se ti specializzi parecchio in un settore (come ad esempio la SEO), potresti far soldi sia praticando il mestiere, che insegnandolo ad altri.

2. Cavalca l’onda della Nuova Evoluzione

Specializzarsi è vitale per il successo, ma a volte, per quanto duramente si tenta, non si riesce a trovare il proprio posto in nessuna nicchia esistente nell’Internet marketing. Se questa è una frustrazione con cui hai avuto a che fare, dovresti prendere in considerazione nuove forme di online marketing, e diventare abbastanza abile da essere considerato uno dei primi esperti in una di queste nuove nicchie.

La mia storia di come sono diventato un blog trainer è un ottimo esempio. Anche se non sono stato il primo blogger, nè il più prolifico, nè il più popolare, sono stato uno dei primi a vendere un infoprodotto che insegna a come guadagnare bloggando.

Mi ha aiutato, ovviamente, il fatto di impiegare del tempo a costruire un blog sul fare soldi, sfruttando le mie precedenti esperienze di vita nel mondo degli affari. Ho avuto la sensazione che c’era una opportunità da prendere, e diventare quindi uno dei primi a posizionarsi all’interno della nicchia dei blogging expert.

Sono anche uno dei primi blogger che si è focalizzato sull’Internet marketing, riuscendo quindi a sfruttare il lavoro di migliaia di altri marketer applicandolo al mio settore – il il blogging – cosa che ben pochi han fatto fino ad ora, se non nessuno.

In tempi più recenti, l’esempio di Maria Andros mi fa tornare alla mente come una persona che è stata in grado di cavalcare l’onda dell’evoluzione (in questo caso, parliamo di video e social media marketing) si è affermata come una delle più credibili esperte nella sua nicchia e – cosa più importante – ha realizzato un prodotto che ha consolidato la sua posizione.

Maria ha avuto il buon senso di capire che era nel posto giusto al momento giusto, e che c’era un mercato che poteva dominare. Si è data da fare, ha investito sul suo personal brand ed ha creato un mercato. Maria ora ha ben pochi concorrenti di qualità nel suo settore.

3. Sii sempre un passo avanti nel tuo mercato di riferimento

Un concetto chiave che devo ricordare ai miei studenti in modo ricorrente, specialmente se stanno cercando di qualificarsi come esperti, è quello di capire che hanno bisogno di essere sempre un passo avanti all’interno della loro nicchia.

Puoi insegnare a guadagnare se hai a che fare con un gruppo abbastanza grande di persone che non sa e che vuole imparare. Fino a che sarai forte in un determinato ambito ci saranno sempre delle nuove persone in quella nicchia che hanno bisogno di imparare ciò che sai.

Se combini i punti di cui abbiamo parlato finora (creare fiducia, trovare una sotto-nicchia, cavalcare l’onda delle nuove opportunità), e stai sempre un passo avanti ai tuoi clienti, puoi stare tranquillo, anche in mercati altamente competitivi e lucrativi come quello del make money online.

Senso vs. Soldi

Tutto ciò di cui ho parlato in questo articolo ha un senso. Son concetti chiari e quindi dovresti essere in grado di ben assimilarli. Sfortunatamente la maggior parte delle persone non riesce a metterli in pratica, e di conseguenza non riesce a ricavarne profitto.

Anche se questo articolo parla di come far soldi insegnando ad altri a far soldi, le regole si possono applicare a qualsiasi mercato.

Ogni mercato attraversa varie fasi di sviluppo e alcuni mercati sono più competitivi di altri. L’attuale rapporto fra l’offerta (ovvero il numero di concorrenti di qualità all’interno di una determinata nicchia) e la domanda (la quantità di soldi che potenzialmente puoi guadagnare dai clienti) determineranno lo sforzo necessario per far soldi (te lo garantisco, ci sarà da lavorare parecchio!).

Il mio consiglio è quello di buttarsi e sperimentare, fino a trovare il tuo posto nella tua nicchia. C’è abbastanza spazio per tutti coloro che offrono valore. Non importa se pensi ci sia troppa concorrenza, non è questo che ti impedirà di avere successo, ma la tua abilità di sfruttare i consigli che trovi in questo articolo e di ritagliarti il tuo posto nel mercato, offrendo valore ad uno specifico segmento di persone, che decreterà il tuo successo.

In bocca al lupo, e ricorda la regola d’oro del fare soldi, valida in ogni mercato: più persone aiuti, più soldi farai.

Fonte: How To Make Money Teaching People How To Make Money.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

38 Comments

  • ciao davide, ottimo il tuo consiglio, a volte un consiglio vale più di mille tesori

  • Davide,
    a parte il post molto bello ci potevi aggiungere una cosa “da tagliaerbe” anche se è sottintesa:
    puoi essere anche il più bravo business man del mondo ma se non ti vede nessuno non serve a niente! SEO Rulez 🙂

    Ciao!,
    Yuri

  • Per fare soldi online non basta saper insegnare a fare soldi online, devi anche far nascere il desiderio di fare soldi online.. ecco, il desiderio.. l’eden, il paradiso dei sensi aahh quanto è bello guadagnare bloggando.. poi di solito ci si sveglia tutti sudati 🙂

  • Mmh… funziona davvero sul mercato italiano? E se funziona, per quanti funziona? 😛

  • Martino,
    potrebbe funzionare, il succo del discorso però è quello che sostengo anche io, ovvero, è il metodo più semplice per guadagnare online però se fatto bene, se metti un link ad un’affiliazione e la descrivi dicendo che guadagni, ecc. ecc. potresti guadagnare con qualche pollo; invece se tu per primo testi/studi e poi descrivi come hai guadagnato/cos’hai scoperto dai tuoi studi “coinvolgi” di più e guadagnerai anche di più.

    OT (scusa per lo “spam” Davide):

    Se c’è qualcuno che vuole guadagnare di più con adsense legga qui

  • Ciao Davide,
    è indubbia la tua esperienza in questo settore, ma mi permetto di dissentire su un punto in particolare: ” Personalmente ritengo questa logica del tutto stupida. Puoi far soldi utilizzando il sistema E insegnandolo. ”
    nel link di questo commento c’è una mia considerazione inerente il declino di alcuni personaggi che “insegnano” a far soldi pur avendoli fatti in precedenza.
    Questa mia considerazione, ovviamente opinabile, scaturisce da una esperienza diretta vissuta con un paio di personaggi che tutt’oggi sono conosciuti nel web come Guru in diversi settori.
    Ripeto che questa è solo una mia considerazione personale.
    Cari Saluti

  • Ci si dimentica forse troppo spesso però che per poter fare successo insegnando è necessario sapere insegnare (cosa che non si sa fare automaticamente solo conoscendo la materia). Nella mia carrirera universitario ho incontrato decine di professori preparatissimi, ma del tutto inadeguati davanti ai loro alunni.

    Non sono d’accordo invece con la frase di chiusura. O meglio non del tutto. Se l’obiettivo è fare soldi bisogna dare qualcosa di utile, ma non di completo: diventare un punto di riferimento, non un distributore di informazioni.

  • “Vendi prodotti alle persone e tenti di insegnar loro come far soldi quando tu stesso non ne hai mai fatti”

    Esattamente, tutti i guru che vogliono insegnare come fare soldi online, non li hanno mai fatti, tranne eventualmente che insegnando come farli.

    “capire che la credibilità”

    Nessuno ha accesso ai conti correnti di questi guru, inclusi quello di chi ha scritto l’articolo originale in inglese, e hanno tutto interesse a dichiarare che guadagnano tanto solo per acquistare credibilità.

    Per camuffare la foto di un assegno basta Photoshop.

    Diffidate da tutti gli spacciatori di “how to make money”, e utilizzate il tempo e i soldi risparmiati per fare un prodotto o un servizio che siete in grado di fare, che amate fare, e che voi per primi utilizzereste.

    Questo secondo me è il + importante consiglio da dare, e che io ho seguito con successo, e non da questi guru che mi avrebbero portato su altre strade, proficue si, ma solo per loro.

  • Quando ho letto il titolo ho pensato a Yaro Starak. E man mano che leggevo, avevo la conferma che si trattava proprio di lui. In effetti, alla fine c’è la fonte che porta al suo post.

    Ma credo che per non ingenerare confusione sulla paternità dell’articolo – visto che molti commenti sono diretti a te sia per approvare che per dissentire – avresti fatto meglio a scriverlo nell’incipit che si tratta di un blogger come Yaro Starak, che non usa gli AdSense e che parla di blogging business fatto a livelli professionali.

  • Guadagnare soldi online spiegando come fare soldi online è un controsenso perché anche se ci fosse una tecnica standard che funziona, nel momento in cui la spieghi si annullerebbe l’efficacia (vedi domanda e offerta) oppure verrebbe di molto ridimensionata.

    Idem per chi vuole arrivare “Primo su Google”, se tutti i siti avessero ottimizzazione SEO è come se nessuno ce l’avesse..

    Se trovassi una caverna piena d’oro sei sicuro che divulgheresti le coordinate GPS? In poche parole, c’è chi fa soldi online, ma gli unici consigli che si possono dare sono ovvietà o aria fritta.

  • Assente,
    il mondo gira 🙂 , quello che funziona oggi può non funzionare domani, domani può esserci qualcos’altro, ecc., non ci si ferma ad un ottimizzazione solamente;)

    Ciao!

  • Finalmente un punto fermo online…è verissimo che ci sono mille idioti che cercano di appiopparti solo infoprodotti senza nessun senso (provenienti tutti dalla stessa fonte) e che cercano di replicarsi e replicarsi a vicenda senza alcun criterio.
    Usando sidebar ultrainzeppate di ebook ed immagini SImil-Scam con dollari, Lamborghini ed altre amenità del genere..

    Ma volevo chiederti… visto che il fenomeno esiste purtroppo.. Rispetto al tuo bel post, come si qualificano quelli che aprono blog sul Make Money Online su piattaforme gratuite quali WordPress o peggio ancora Blogger?

  • La risposta alla domanda è probabilmente “splogger”.

    Mentre il termine giusto per la prima parte del tuo commento è “truffatori” 🙂

  • EH infatti, la cosa più ridicola è vedere un tizio sconosciuto che non ci mette nemmeno questi 40 euro per un dominio che pretende di dirti che fa i soldi online..

    Poi vabbè c’è tutta un’altra schiera che usa url assurdi lunghi come tutta la barra del browser, ancora prima di cliccare sul risultato di ricerca già so cosa aspettarmi…o è scam..o è una burinata! 🙂

  • Personalmente mi trovo molto d’accordo con questo Post di Yaro Starak. Il problema non è FARE SOLDI INSEGNANDO COME FARE SOLDI o vendendo Prodotti sul Guadagno Online. Chi pensa che questa sia una fregatura a priori sbaglia ed è stupido, perchè l’insegnamento dei propri metodi ad altri può essere un lavoro o comunque una fonte di guadagno redditizia almeno quanto l’applicazione del metodo stesso.

    Non è forse vero che ci sono manuali di Marketing, Borsa, Finanza, SEO e quant’altro nella libreria sotto casa? Perchè dubitare che chi vende queste Informazioni sia un truffatore? Perchè non pensiamo al fatto che un Autore di Libri di Ricette faccia bene a tenersi la ricetta per se invece di guadagnare vendendo le sue Informazioni? Lo stesso principio si applica ai prodotti sul Guadagno Online SERI, che vale a dire, davvero insegnano qualcosa e sono realizzati da persone che li hanno usati loro per primi.

    La cosa importante secondo me è la CREDIBILITA’ di chi vende tali Prodotti. Se una persona qualsiasi vende Prodotti su come fare Soldi online, ma senza sapere neanche di che si tratta, allora fallirà,ed è per questo che la maggioranza delle persone non riesce a guadagnare in questa Nicchia. Chi invece davvero usa determinate Strategie e le mostra alle persone (rivendendole) allora è più probabile che riuscirà anche in questo ed avrà insegnato qualcosa di utile ai suoi Clienti 😉

  • Hey! Ho letto fra i commenti che c’è un altro che si chiama come me, solo che è scritto in maniera diversa. Per quanto riguarda l’argomento discusso, penso che credo molto al guadagno on line perche credo che sia la bomba futura che stà per scoppiare!!! Per bomba futura intendo un futuro fra i prossimi 15- 20 anni, visto il tempo di crisi che stiamo vivendo non credo che ci possa essere una ripresa entro breve, ma stranamente il settore web sembra non risentire di questa crisi, perciò credo che nei prossimi 20 anni ci siano delle grosse opportunità in gioco
    CHI VIVRA’ VEDRA’!!!…….

  • @Daniele Sei l’esempio più calzante di quello che dicevo poco più su nei commenti, entrando nel tuo sito non c’è un granchè di affidabile.. la data in alto è formattata male, il banner ProgettoCommissioni sembra la pubblicità di un raduno dark-gotic, il banner di 5 lezioni di AdWords sembra fatto da un dilettante, se non sei in grado di rimuovere il linketto N2H dal translator WordPress non mi trasmetti troppo affidamento, e poi vengono usate le solite immaginette scam con la freccia nel centro e le mazzette di soldi che secondo me sono di cattivissimo gusto!

    Poi per carità, questione di punti di vista, ma stai sicuro che da lì non mi affilierei neanche alla newsletter delle barzellette.

    Cosa che l’ottimo post di Davide tocca poco, è la questione del design e dell’immagine, che secondo me è centrale in tutta la costruzione del proprio personal brand.

    Voi che tentate la fortuna dicendo che avete tutti questi mirabolanti sistemi sicuri usate sempre gli stessi elementi visivi inflazionati, vi clonate, non avete creatività.. e tra l’altro non vi linka nessuno, l’unica speranza che avete sta in AdWords…

    Per questo non fate una lira!

  • A parte il fatto che l’affidabilità non la fanno un “linketto” o una formattazione sbagliata, a parte il fatto che alcuni dei Banner che inserisco sono di Affiliazione e non realizzati da me, a parte il fatto che se io faccio o non faccio neanche una Lira, posso saperlo io e i tanti Affiliati che rivendono i miei Prodotti, a me sinceramente non sono QUESTE le cose reputo importanti.

    Personalmente poi, non utilizzo il mio Blog per Guadagnare, ma soltanto per SCRIVERE Post che spero, risultino interessanti e di qualche utilità a chi li legge. Preferisco concentrami sui CONTENUTI insomma, perchè sono quelli che fanno accrescere la propria credibilità e non un Banner piuttosto che un altro, almeno per come la vedo io 😉

    Se poi alcuni si basano sulla Grafica o su di un errore di formattazione, per iscriversi o meno ad una newsletter o acquistare un Prodotto, bhè … questione di punti di vista e priorità, ma stai certo che non tutti hanno i tuoi stessi parametri di valutazione, altrimenti non potrei permettermi di lavorare da casa con questo lavoro 😉

  • “non potrei permettermi di lavorare da casa con questo lavoro ” La dice già lunga su un sacco di cose senza commento…

    Il fatto che lavori da casa in questo modo è una gran fesseria !! Dai su.. cerchiamo di essere reali, sei sul TagliaBlog !

  • Se lo dici tu …

    In verità non ci vedo niente di assurdo o incredibile, non sono certo il primo nè l’unico che vive di Internet Marketing, nè di certo l’ultimo, ma non mi interessa nè voglio dimostrare o convincere nessuno. Credo che ognuno possa liberamente fare il lavoro che più gli piaccia senza problemi 😉

    A presto e buona fortuna con il tuo blog

  • Ciao, Daniele ho letto la risposta che mi hai mandato, però mi sà che hai risposto ad un altro juri visto che in questa discussione ce ne più di uno, perche io sono totalmente daccordo con te, però nel messaggio hai impostato la risposta in maniera diversa dal messaggioi postato da me… per cui c’è stato un malinteso!!! Io sono lo JURIJ scritto con la doppia (I) non (Y) o (I e basta) Scusa per il nome ma non me lo sono messo io …..per la precisione!!!!!!!! Ciao!

  • Daniele, anche io vivo di Internet Marketing…intendevo proprio un’altra cosa.. vabbè, come non detto!

  • Caro giorgio non sei degno neanche di una risposta, quelli come te devono essere trattati con la stessa moneta, oppure essere ignorati. Comunque sono stato a vedere il tuo sito: Ma perche non fai un giornale invece di stare in rete… secondo me renderesti di più e comunque parli tanto di essere originali e creativi infatti sul tuo sito ho visto che c’è facebook che ormai ci sono dentro anche il barboni. Poi per quanto riguarda la grafica non credo che mi puoi dare consigli, anche perche giudichi senza conoscere l’interlocutore che hai davanti!!! comunque va bene così…

  • Ed io cosa centro?, neanche te simil-omonimo centri niente a meno che non ti abbiano contattato personalmente 🙂

    Stay Tuned on Tagliablog!

  • Jurij … guarda.. sinceramente il tuo sito .. o similtale..parla per te… non c’è assolutamente nulla da aggiungere, purtroppo..

    Guarda qualche commento più sopra a proposito del tuo similblog.. Forse capirai qualcosa.

    Per il resto, scusami, ma non mi ricordo quand’ è stato che ti ho chiesto o detto qualcosa in maniera scomposta come fai te.
    Un giornale? bhè in effetti ho lavorato con varie testate e con alcune collaboro tutt’ora pur occupandomi di Social Media Marketing.

    Per quanto riguarda Facebook, hai mai letto a proposito di un tizio molto scam che afferma di averci fatto un milione di dollari in poco tempo?
    Magari ti fai l’affiliazione e l’aggiungi al tuo “sito” perchè ho sentito dire che se aggiungi 10000 banner al “blog” vinci un pupazzetto!

    Ora vogliate scusarmi, ma non risponderò ad ulteriori sblaterate di voi sploggers, visto che stiamo commentando su un blog di un certo livello e si presume che i commenti debbano aggiungere contenuto all’articolo non boiate. Quindi cercate di essere educati.

    Scusa Davide non credevo di sollevare l’ira degli sploggerini..

  • Non so se oltre a Jurji ti riferisci anche a me Giorgio, ma io non credo di essere stato poco educato con nessuno, anzi sei tu che mi hai chiamato in causa con una certa … criticità. Non mi sono permesso nè di giudicare il tuo Blog (neanche di andare a guardarlo sinceramente) nè di attaccarti, io ho solo espresso un mio parare in questo Blog, basta.

    Per quanto riguarda ciò che dici, sono contento sia del fatto che tu viva di Internet marketing che dei tuoi Risultati … ma è proprio per questo che non capisco come tu faccia a stupirti se uno dice lo stesso o a SENTENZIARE se un’altro Guadagno o meno …

    Anche io potrei dubitare di ciò che dici, dei tuoi Risultati che hai appena descritto ecc ma perchè dovrei farlo? Che senso avrebbe? Che me ne frega? Sinceramente non do tanta importanza a chi giudico … splogger come dici te 😀

    P.S. Per quanto riguarda lo SPAMMER di Facebook sono pienamente d’accordo con te, so anche io che non si tratta di una cosa seria, ed è un pò quello che volevo dire io. La cosa importante è fare distinzione e basarsi su una Credibilità che sia fondata. Tutto il resto lascia il tempo che trova.

    Ti rinnovo i miei saluti, Giorgio 😉

  • No Daniele non ce l’ ho con te, altrimenti l’avrei scritto.. L’unica cosa è che non sopporto tutti quei programmini di affiliazione simil-scam che convincono mille persone a mettere su altrettanti siti promettendo mari e monti di soldi con l’unico fine di vendere qualche ebook di scarsissima qualità.

    La trovo una truffa bella e buona ed ho maturato questa convinzione proprio leggendo il TagliaBlog, specialmente in quei post in cui parlava di casi di successo e della celebre triade Chow-Rowse-Shomoney (con riserve su quest’ultimo). C’ è un metodo per avviare un sito, o emglio un blog, per guadagnarci, ed è senza dubbio alcuno descritto in questo post.
    Ora non voglio fare i nomi di quei programmi di affiliazione che somigliano più ad una truffa che ad un vero metodo di lavoro, ma penso che il “similblogghetto” di Yurij ne sia la dimostrazione. Il proliferare di milioni di siti tutti uguali, con le stesse iconcine, con la stessa grafica, e soprattutto con le stesse affiliazioni, a fronte di scarsità di info utili non fa che farmi dubitare ancora di più sulla serietà del tutto.

    Piccola Parentesi: Yurij te che sei il nuovo guru del web… ma il css del tuo sblog è già andato in vacanza?
    Tornerà presto?
    Fagli una telefonata e senti come sta va!

    E questo dimostra che se uno non è in grado neanche di badare al css del proprio sito, figuriamoci quanto mi può aiutare a fare soldi!

    S uno è newbie, tale rimane…avoglia a pagine e pagine in inglese che dovrà leggere!

  • Ottimo articolo. Fare soldi on line mi sembra un parolone… guadagnare qualcosa on line invece mi sembra una cosa più ragionevole.

    Purtroppo ad oggi ci sono un sacco di truffatori a piede libero che cercano di vendere i “segreti per guadagnare”, i miracolosi “e-book”, (totalmente inutili nel 99% dei casi), e/o cose simili.

    Bisogna stare molto attenti

  • ehm… io invece ho deciso di aprire un nuovo blog. Non farò alcun analisi delle chiavi (la faccio sempre, prima di far partire un nuovo sito), non farò calcoli di ROI presunto, non mi chiederò chi avrà voglia di leggere, non ci metterò AdSense e nessun’altra forma pubblicitaria, non scriverò di… boh, non so di che scriverò e di che non scriverò.

    Insomma, farò di tutto perché a nessuno venga in mente che ho fatto un nuovo blog per far soldi.

    Perché lo farò?
    Cavolo, ma perché si deve sempre parlar di soldi?

    P.S.
    Qualche soldo l’ho fatto, ma non andrei mai a lezione da uno che vive insegnandomi a far soldi ed io non vorrei mai tener lezione su come far soldi. Preferisco insegnare ai miei figli come vivere avendo bisogno di meno soldi possibile :p

  • Resto sempre dell’ idea che se uno ha il vero metodo per far soldi se lo tiene ben stretto. Non mi sono mai fidato dei tanti modi per far soldi che vengono progagandati di continuo. Piuttosto trovo molto interessante (per far soldi) come vendere ad altri l’ illusione di far soldi!!

  • Il punto non è questo. In realtà NON esistono metodi o sistemi per Fare Soldi miracolosamente. E’ normale che se ciò esistesse ognuno si terrebbe ben stretto il metodo. E’ il CONCETTO del Guadagno Online che è sbagliato in Italia.

    Esistono invece Tecniche e Strategie di BUSINESS, cioè di LAVORO, volte a crearsi una propria ATTIVITA’ Online (che può essere di vendita, affiliazione, creazione prodotti ecc … quindi metodi seri) la cui richiede un’adeguata FORMAZIONE. E’ QUELLA che invece si può tranquillamente vendere agli altri sottoforma di InfoProdotti e Manuali 😉

  • @ all
    C’è anche chi spiega veramente gratis come guadagnare di più con adsense, stupido?, anche se molto di parte io credo di no, prima si guadagna in credibilità poi in soldi 😉 .

    Per chi non crede nella condivisione dei sistemi per guadagnare online consiglio la lettura di questa “storiella”.

  • No, non è affatto stupido, anzi, molto intelligente. la credibilità è la prima cosa su Internet e una volta acquistata la fiducia dei propri Lettori, la strada per il proprio Business è praticamente spianata quindi ben venga anche questa come Strategia 😉

  • fare soldi online è “difficile almeno quanto mettere su un blog e non farne”

  • @Giorgio…
    ma tu VERAMENTE sei convinto che Jurij e Daniele siano tanto peggiori di te?
    Hai un blog che pubblicizza siti di sondaggini online, qualche banner di circuiti conosciuti che non starò qui a nominare, un layout che, quasi, non distingue i contenuti dalla pubblicità…
    E, per essere uno che si definisce esperto… mi sembri un po’ carente di contenuti e di organizzazione.

    Il webdesign è qualcosa di diverso da ciò che hai messo in pratica su ebraismo-eecccetera.it per non parlare del webdesign/webwriting, lontani anni luce da quanto visibile su technicoblog.
    Minimalista ed assente sono due termini con significati diversi.

    Tutto questo lo dico unicamente perchè tu discenda dal piedistallo sul quale ti sei autoelevato, per motivi che mi sono totalmente oscuri.

    Per quanto riguarda la data nel blog di Daniele, se sostituisci la codifica unicode con quella Europa occidentale, il problema svanisce… in compenso compare nella totalità dei contenuti 🙂
    Questo genere di errori (dovrebbe) distingue(re) gli improvvisati dai professionisti…
    Purtroppo,la maggiorparte delle persone che approcciano a questo genere di business innovativo (innovativo dal 1994 ^_^ ) non hanno la capacità di distinguere tra i siti affidabili e quelli no.

    E’, comunque, chiaro l’intento di Daniele… veicolare il traffico verso il sito -progettovattelapesca-, provando a vendere i manualetti a millemila euro ciascuno. Ben venga, ognuno è libero di cercar di guadagnare come vuole ma… 50 euro per farsi preparare 3 bannerini dal figlio di un vicino di casa, io li avrei spesi.

    Jurij, invece, parte dall’assunto… TOTALMENTE ERRATO, che un copy(web)writer non debba neppure saper scrivere in italiano… e che i link possano anche non portare da nessuna parte!

    La gente STUDIA per fare questo mestiere e, talvolta, neppure ci riesce. Figuriamoci!
    E’ vero pure che, il target che vuole (o, meglio, “vorrebbe”) raggiungere, è medio-basso, ovvero proprio quello propenso a credere che “basta mettere 3 chilometri di testo in un blog gratuito per vendere dei manualetti che ti spiegano esattamente che… per guadagnare devi mettere 3 chilometri di testo in un blog gratuito per vendere dei manualetti… ”

    Peccato che un copy, uno vero intendo… sappia perfettamente che sul web non si scrive come sulla carta stampata, i testi lunghi annoiano, nessuno li legge interamente, se non usi la formattazione a dovere dopo mezzo minuto il sito viene abbandonato… ed ecco qua che i sogni di gloria svaniscono in un click.

    Ignorare l’esistenza di termini come -testo giustificato -interlinea -spaziatura -punteggiatura -apostrofi ed accenti… rendono totalmente inutile la spesa dei 50/70 euro, affrontata in precedenza, per scoprire il famoso metodo per diventare milionari sul web.

    La premessa, doveva essere che, provengo da un articolo su Alverde.net… uno dei (pochi) siti sull’argomento che è stato in grado di diversificare e, quindi, mantenere traffico e (immagino) buoni guadagni.

    Guadagnare… insegnando (ANCHE) ad altri come guadagnare… si può.
    Ma questo non vuol dire che riesca a farlo chiunque.

  • Bhè, che il mio intento sia quello lo dici te. E’ chiaro che mi interessa la visibilità ma ancora più la CREDIBILITA’ e non le vendite dirette. Io non vendo “manualetti” da milleeccetera, creo e produco InfoProdotti e Corsi di Formazione sul Web Marketing e il Guadagno Online, il che è diverso. Tutto quello che offro sono il frutto del mio lavoro e della mia esperienza, e non “espedienti” per guadagnare qualcosina. Do SEMPRE la Garanzia di soddisfazione ai miei Clienti, a dimostrazione della serietà dei Contenuti che offro, che per fortuna sono anche molto apprezzati.

    Detto questo, ho investito nella Grafica del Sito, ma evidentemente dovrò farlo ancora di più in futuro, se lo dici tu 🙂

  • Effettivamente anch’io ho scelto di intraprendere questa strada, ma per fortuna ho già imparato a guadagnare online, ma soprattutto ho l’intenzione di creare qualche info prodotto perchè la strada che ho seguito io la possono seguire chiunque!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy