Click sui banner da mobile: o subito, o mai più!

Click sui banner da smartphone e tablet
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Dopo quanto tempo viene cliccato un banner che compare su una pagina all’interno di uno smartphone o di un tablet? Pochi istanti, almeno secondo uno studio di Chitika riportato alcuni giorni fa su Marketing Land.

In base all’analisi di milioni di dispositivi mobili canadesi e nordamericani, effettuata nella settimana fra l’8 e il 14 Luglio 2014, è infatti emerso che circa la metà dei click su un annuncio pubblicitario avviene entro i primi 30 secondi di navigazione, e circa il 70% entro il minuto:

Time to Click, per smartphone e tablet

Scendendo più nello specifico, possiamo notare che il picco di click da smartphone avviene attorno al 15° secondo (e nell’85% dei casi entro i primi 2 minuti):

Time to Click, per smartphone

in altre parole, se il tuo banner non prende un click nei primi 120 secondi, è assai improbabile che lo prenda dopo. Molto simile anche il comportamento degli utilizzatori di tablet:

Time to Click, per tablet

il picco dei click avviene un po’ prima, ma il calo successivo è più repentino. Il 52% dei click da tablet avviene infatti entro mezzo minuto, con una differenza di 6 punti percentuali rispetto a quelli da smartphone.

Come fare ad aumentare i click su un banner mobile?

Attrarre i click verso un annuncio pubblicitario non è affatto semplice.

Da una serie di interviste pubblicate sul blog di AppFlood, è emerso tutto e il contrario di tutto.

Per esempio, il concetto di “banner intrusivo” su mobile non è uguale per tutti: per alcuni i banner sono invadenti a livello generale, per altri lo sono solo quelli interattivi, altri ancora sono indifferenti a tutti gli annunci pubblicitari, e infine altri li reputano addirittura utili, interessanti.

In linea generale, sembra comunque affermarsi il concetto che la pubblicità su piccoli schermi debba essere rilevante, chiara, pensata e creata con in testa la user experience dell’utente.

Tornando alla studio di Chitika, e considerato che chi non clicca subito su un banner sembra che non lo faccia più, un’idea potrebbe essere quella di caricare un nuovo banner sulla pagina ogni tot secondi, in modo da “colpire” l’utente una seconda (o una terza) volta con creatività e messaggi diversi e più mirati (qualcuno ha detto retargeting/remarketing?).

Qui trovi 10 consigli per creare un ottimo banner mobile: se vuoi aggiungerne qualcuno, i commenti sono a tua disposizione 🙂

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Autore
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
Latest Posts
  • Strumenti in google search console per webmaster
  • intervista alessia martalò
  • web stories
  • seo checklist

One Comment

  • Post interessante e ottimi spunti come sempre, anche se alla fine ho capito che sulla pubblicità ogni utente la pensa in maniera diversa 🙂

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Wordlift
Prova Seozoom
Click sui banner da mobile: o subito, o mai più!
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi