Chi ti frega i contenuti può aiutarti, parola di Matt Cutts

Per prendere qualche link in più e per individuare chi copia i contenuti del tuo blog, consiglio da sempre 2 tecniche.

La prima, è quella di utilizzare un plugin (come Feed Footer) che consente di inserire in coda a tutti i post diffusi via feed qualche riga di HTML, dove puoi (ovviamente) includere anche uno o più link verso il tuo sito.

Le seconda, è quella di “autolinkarsi”. In pratica, in ogni articolo che scrivi dovresti cercare di trovare qualche riferimento ad altri tuoi pezzi scritti in precedenza, e di conseguenza linkarli. Questa tecnica porta a sua volta 3 benefici:

  1. lato SEO, può accrescere nei motori il rank della pagina linkata (ulteriore consiglio: cerca, nei limiti del possibile, di utilizzare un anchor text utile e pertinente).
  2. lato traffico, può permetterti di “dirottare” i lettori nelle pagine interne del tuo blog, consentendoti anche di aumentare le pageview del tuo sito (e, di conseguenza, le revenue).
  3. lato “copioni”, può aiutarti ad individuare chi copia integralmente i tuoi post: i link verso il tuo sito fungeranno infatti da “rilevatori di copie”, comparendo nel pingback del tuo blog, in Technorati o in altri servizi che effettuano il checking periodico dei backlink.

E Matt Cutts che ne pensa?  il buon Matt sembra darmi ragione.

“Ci sono persone che odiano gli scraper” dice Cutts. “Io tendo piuttosto a non preoccuparmi di loro, perchè nella stragrande maggioranza dei casi sarà il tuo sito ad emergere, e non quello dello scraper. Se lo scraper copia i tuoi contenuti che includono link ad altre pagine del tuo sito, ti sta linkando. Nel peggiore dei casi, non ti succederà nulla, ma in alcuni casi potrebbe addirittura aiutarti un pochino.”

In pratica, è più o meno lo stesso principio a cui accennò Cutts quando intervenne sulle directory: Google tende a non considerare quelle di bassa qualità, ma la presenza del tuo sito dentro tali directory non dovrebbe comunque causarti problemi.

Sei d’accordo con Matt Cutts, o temi invece che i link di bassa qualità possano danneggiarti?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

12 Comments

  • E bona notte … certo che arriva con consigli proprio freschi di giornata!!!

  • il problema e quando lo scraper rimuove i riferimenti e ha un sito/blog di rilievo e ruba contenuto a qualche piccolo sito o blog promettente che cosi viene soffocato (cosa che capita non di rado)

    Comunque articolo dalla prospettiva interessante 🙂

  • Bhè il fatto di auto-linkarsi è sicuramente una soluzione, ma lo è quando il copione è anche un pirlone.
    Come dice Alessandro, se un copione, lo fa in modo “professionale”, non ci mette poi tanto a togliere i link.

    A quel punto, nonostante quello che dica Matt Cutts, se il sito del copione è piazzato meglio del mio, perdo la paternità dell’articolo e dei contenuti del mio post. Se poi a linkarmi è un sito spam, penalizzato etc etc., non credo proprio che potrà aiutarmi molto, anzi…

    E sinceramente, dal punto di vista etico, a me chi copia sta proprio sulle *****

  • Hehehheh, e secondo lui quello che copia lascia i link..

  • @IWriteAboutIT Fidati che lo fa … sono talmente tanto presi a fottere contenuti che non si accorgono di lasciare dei link interni.
    Io ne ho bccati un paio di paio di link, peraltro con un pr2, che mi ritornavano con il mio stesso testo sul sito del cliente.

  • Dalla mia esperienza, nel 90% dei casi il furto dei contenuti avviene in modo automatico, ovvero è un semplice “furto di feed RSS”.

    Ecco perchè Feed Footer e l’autolinking interno funzionano egregiamente per scovare il ladro 🙂

  • > Sei d’accordo con Matt Cutts?

    Beh, sì, abbastanza, più o meno come la mosca può essere d’accordo che l’elefante decida di farsi una doccia con la proboscide 🙂

  • L’ argomento è molto interessante. Io ho avuto questo tipo di problema soprattutto l’ anno scorso: un pò di copiatori e incollatori avevano rubato dei miei testi e un aggregatore pubblicava i miei post per intero (chissà che danno SEO mi ha fatto!). Il problema dell’ aggregatore l’ ho risolto pubblicando i feed RSS parziali e non integrali, mentre i copiatori manuali vengono “spaventati” dal bannerino Copyscape che ho inserito nella sidebar del mio blog. Proprio prima di accingermi a scrivere questo commento ho fatto una ricerca su Copyscape e ho visto che per il mio blog non risulta nessun contenuto duplicato.
    Per quanto riguarda l’ autolinkarmi è una cosa che faccio tutte le volte che me ne si presenta l’ opportunità.
    Chi copia e incolla fa una cosa umanamente orrenda. Questa gente non immagina tutto il lavoro che c’ è dietro quello che loro rubano.

  • Ragà, si è sempre copiato dai tempi delle scuole non stiamo mica scoprendo l’acqua calda! Anche voi una volta nella vita avete copiato. Tutto il mondo copia…dai vestiti firmati ai cellulari cinesi I phone, il mondo è cosi e di certo non è che mi frega tanto il fatto che mi copiano gli articoli, mo è un problema anche questo? Bah, siete talmente ottusi che gurdate sempre avanti come i cavalli..svegliatevi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy