Chi seguire? I guru o gli strambi?

Chi seguire?

Siamo tutti strambi“, titolava Seth Godin parecchi anni fa su un suo noto libro. Ma in realtà gli “strambi” non sono poi così tanti, anzi: se parliamo di online, di settori come la SEO o (più in generale) il web marketing, c’è una fortissima “omologazione”.

Mi spiego meglio. In ogni forum, in ogni gruppo, in ogni community, in ogni ambito in cui competono degli individui umani ci sono degli… equilibri.

Intendo dire che, un po’ come in politica, ci sono dei partiti e delle correnti, dei leader e dei follower, dei personaggi che portano avanti una certa idea ed altri che ne portano avanti un’altra. Si litiga spesso, ci sono fazioni e parrocchiette, ma bene o male tutti prendono le misure a tutti gli altri (e spesso finisce a tarallucci e vino).

Il problema di questa situazione, che dall’esterno può sembrare molto fluida e variegata, è che in realtà tutto è estremamente statico. Voglio dire che i soggetti che girano (in Italia, ma anche nel mondo anglofono) sono sempre quelli da molti anni. Raramente sbuca fuori qualche nuovo personaggio interessante: il più delle volte sono fuochi di paglia o comunque persone che vanno a fare i gregari dei soliti nomi noti, e quindi finiscono per essere “incasellate” all’interno della corrente X o Y.

Questo crea il problema del “pensiero unico”, ovvero di un continuo ripetersi di pochi concetti (e modi di fare) che partono dei leader e che i follower riportano solo per “sentito dire”, senza mai domandarsi se tali cose siano vere o false, senza mai fare un test o una prova sul campo.

Per cercare di sfuggire a queste trappole ho provato ad adottare un “approccio olistico“, che è molto rischioso – e anche dispendioso, a livello di tempo – ma che mi ha permesso di scovare alcuni soggetti intriganti e alcune “chicche” utilissime a sviluppare un pensiero laterale e senza paraocchi, basilare per chi lavora nel campo del marketing online.

In pratica, adotto questo sistema:

  1. Osservo il “nuovo arrivato” (riesci ad individuarlo perché magari ha un comportamento un po’ sopra le righe e/o afferma qualcosa di insolito, e di conseguenza viene preso in giro dai guru che presidiano il settore).
  2. Faccio una breve indagine sui suoi profili online (guardo se ha un “passato” e soprattutto se produce contenuti interessanti, sia in testo che in video).
  3. NON do peso al numero di like o a quello dei fan, anche perché sono parametri totalmente taroccabili (e in ogni caso non riflettono la bravura/qualità del soggetto).
  4. Guardo se ha studenti/clienti/case study di successo. Non mi interessa se qualcuno ne parla male (quelli ci sono sempre), mi interessa semmai che ci sia qualcuno che ne parla bene (disinteressatamente, si intende!).
  5. Guardo se mostra i risultati (nella SEO può essere il posizionamento di un sito utilizzando qualche sistema rivoluzionario, nelle affiliazioni gli screenshot (live, NON taroccati) di qualche piattaforma, etc.). In generale, ritengo che un buon risultato sia correlato all’aumento delle conversioni (quindi dei soldi, e non di inutili vanity metric).
  6. Se spiega delle tecniche innovative o mai sentite, provo a riapplicarle. Più volte, per essere sicuro di aver capito bene. Se il metodo non funziona, lo metto nella lista dei “lasciamo perdere, mi sono sbagliato, è l’ennesimo fuffarolo“. 🙂

Riassumendo:

  • NON farti abbagliare da chi sa parlare (o scrivere) bene, dal suo stile di vita o dal suo saper essere simpatico. Alcune di queste cose possono essere costruite ad arte per fregarti.
  • NON è sempre detto che un “professionista” presente in un settore da anni sia bravissimo. Abraham Lincoln disse “potete ingannare tutti per qualche tempo e qualcuno per sempre, ma non potete ingannare tutti per sempre”: il problema è che il “qualche tempo” può essere un arco temporale molto più lungo di quello che immagini.
  • Guarda sempre e solo i risultati! Con un’unica eccezione: cerca di capire quando hai davanti un vero “visionario illuminato”. Non è facile, ma se lo trovi seguilo e prendi nota dei suoi pensieri e delle sue teorie: oggi ti potrebbero sembrare cose strampalate, ma magari domani si riveleranno in tutta la loro forza e potenza (agoago docet).
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

5 Comments

  • Come sempre, spesso vince chi sa “vendersi” meglio – e non necessariamente chi ha il prodotto o il servizio migliore!

    Penso che incappare almeno in un paio di “bidoni” sia normale, forse inevitabile: l’importante è sapersene rendere conto e prendere le contromisure adeguate!

  • Bella considerazione in generale.
    E’ davvero un problema oggi pesare le opinioni dei nuovi che irrompono sulla scena ma anche dei guru stessi (come li hai definiti).
    E’ fondamentale decidere quanto e come considerare ognuno di questi.
    Personalmente la prima cosa che mi chiedo è a chi si rivolgono e come guadagnano; formatori, informatori, showman e consulenti tuttologi ce ne sono tantissimi mentre di tecnici che fanno e sperimentano davvero molti meno (sulla scena intendo perchè di solito lavorano e basta).
    Se un’idea è interessante e fondata penso sia giusto provarla comunque e farsene un’opinione propria, almeno prima di rivenderla come verità; concordo che se ti accorgi che uno propina fuffa lo sposti dalla categoria Tech-guru a quella di Actor-showman della SEO o di altro…

  • Bisogna prendere in considerazioni fatti, dati, grafici, risultati… Tutto ciò che è inconfutabile. I guru che non danno mai una spiegazione delle loro tesi e non mostrano mai le prove dei loro fantomatici “successi” bisogna evitarli.
    Probabilmente tra questi ci sarà una minuscola percentuale di utenti che con umiltà tengono per sé i propri risultati, senza volerli mostrarli a mezzo mondo, ma sono appunto una minoranza. Sul web tutti possono interpretare tutti, quindi bisogna basarsi non sulle parole ma sui dati.
    Questo è il mio personale consiglio 🙂

  • Mi piace la tua analisi. Si vede che è frutto di una certa esperienza.
    Di farlocconi ce ne sono a migliaia in giro, anche noi scriviamo spesso di queste tematiche e abbiamo la convinzione che il “Guru” di per sé stesso non esista, che sia un pò come il coniglietto con l’orologio che scappa in Alice nel paese delle meraviglie, pensiamo che sia molto più concreto il bravo professionista che non promette mari e monti ma che tenta in tutti i modi di raggiungere al meglio un risultato discreto.

  • Be che dire, ci sono alcuni che vendono i miei stessi servizi con uno zero in più e altri che vendono Ecommerce che costano una fortuna senza informare i clienti che per vedere serve controlli Seo continui e molto Adv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy