Chi fa media monitoring, pagherà gli editori?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Sono da sempre piuttosto critico verso gli aggregatori di contenuti e verso tutti gli altri “parassiti” del web, che non producono nulla se non un puzzle fatto di pezzi altrui spesso assemblati a casaccio.

Eppure la gente sembra abbeverarsi sempre più alla fonte degli aggregatori (perlomeno a quelli “fatti bene”), al punto che più di 1/5 del traffico web di tipo “informativo” viene oggi intercettato da Yahoo! News, Google News & Co. (fonte:“Giornali Online, il futuro da inventare”, di Enrico Pedemonte):

Uso degli aggregatori

Personalmente ho smesso da tempo di preoccuparmi di questi “riutilizzatori di contenuti”, ma ci sono invece alcuni editori che hanno deciso di dichiarare loro guerra, e in qualche caso rischiano (forse) di vincerla.

Nello specifico parlo di NLA (Newspaper Licensing Agency), agenzia che rappresenta 1.500 titoli cartacei e 900 siti web del Regno Unito, e che ha sviluppato un modello di licenza, ovviamente a pagamento, che permette all’acquirente di copiare (anche in formato digitale), fotocopiare, faxare e stampare i contenuti originali prodotti dagli editori.

Alla NLA non è andato giù che Meltwater, nota società operante nel campo del media monitoring, lucrasse sul servizio di filtraggio e distribuzione di news ai propri clienti – attenzione, non si parla dunque di un puro e semplice aggregatore di notizie, ma di chi monitora i contenuti per poi fornire un report dettagliato ad aziende terze – si sono rivolti all’Alta Corte e hanno avuto ragione (perlomeno nella sentenza di primo grado).

Insomma, fornire una sorta di rassegna stampa basata su determinate keyword, con dentro qualche link e qualche abstract, copiabile sul proprio PC, rischia di essere percepito come una violazione del diritto d’autore, e quindi sanzionato.

Il tutto, a ben vedere, si inquadra nella logica che Associated Press porta avanti da tempo: in base ad un listino ben definito, chi vuole copiare/riutilizzare parti di un contenuto deve pagarle, e profumatamente:

Il listino di Associated Press

Ancora una volta gli editori cercano fonti di reddito diverse da quelle puramente pubblicitarie, e ancora una volta le alternative messe in campo sono tutto fuorché gradite.

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

4 Comments

  • scusa ma non ho capito fare “monitoring” non sembra la stessa cosa di agreggare feed, diciamo che per un cliente uno faccia un’analisi di contenuto e poi consegni un report privato… non è assolutamente violazione del diritto d’autore… a meno che il report sia pubblico e allora cambia il discorso, ma con un link alla fonte originale mi sembra molto strano… bho.

    Reply
  • Ma tu hai pagato per gli screenshot?

    Stai usando il logo di AP, ne hai il permesso?

    Se proprio dovessi fare un sistema a pagamento allora farei un costo ad impression addebitato solo nel caso l’utente non segua poi il link al post sul sito sorgente.

    Reply
  • Mi sa che sono andato un pò fuori tema… 😛 .. Sono partito riferendomi ai Media Monitoring della rete che forniscono un effettivo servizio di Monitoring del mercato e dei trend.
    Sorry!

    Reply
  • Ma Magariiii!!!!
    Io vedo invece che sono gli Editori, quasi obbligati, a dover pagare i media monitoring fior di decine di migliaia di € l’anno.

    Vedi Audiweb, che richiede decine di miglia di € l’anno agli editori al fine di farli rientrare nelle loro statistiche universalmente lette in italia dagli investitori in advertising (centri media).

    Per me è abuso che si trasforma in sorpuso dove qualche garante farebbe bene ad intervenire.

    Anzi Audiweb è stata proprio criticata allo IAB Forum per i suoi costi stratosferici.

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Chi fa media monitoring, pagherà gli editori?
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi