Caro SEO … ma quanto mi costi?

Oggi riallacciamo il filo con un mio articoletto di alcuni mesi fa, dedicato ai costi della SEO: l’occasione me la offre Andrea Moro di Web-Ma (società abruzzese che si occupa di posizionamento e web marketing), che nel guest post di cui sotto si pone alcune domande e fa alcune riflessioni sul “caro SEO”.


Per la maggior parte dei siti web on line esiste una sola e semplice equazione: più in cima si è nelle SERP (risultati dei motori di ricerca) e maggiori sono le possibilità di convertire l’utente in un cliente.Non necessariamente il sito deve essere un e-commerce. Può anche trattarsi del sito vetrina dell’azienda più piccina nell’angolo più remoto dello stivale. Anzi, a maggior ragione uno scenario come questo deve avere come unico denominatore il fattore visibilità se vuole pensare di affrontare con serenità la propria presenza sul web. Le logiche domande a questo punto sono: come posso aumentare la mia presenza sui motori di ricerca?
Come faccio a rafforzare il posizionamento del mio sito con molte parole chiave?


Due domande alle quali, molto genericamente, si può rispondere così: adottando tutti quegli accorgimenti necessari affinchè il sito sia ottimizzato, copra quella giusta strategia di inbound link e offra un contenuto tale da rendere interessante il proseguire della navigazione tanto per l’utente che per il motore di ricerca.Belle risposte, ma il cliente continua a non capire e continua sul suo – forse giusto – atteggiamento di business man al risparmio e ti chiede: Ma quanto mi costa?

Come già detto in passato in più di una occasione, fare del SEO non è come acquistare un servizio definito dal costo certo (o quasi). Non si sta comprando un prodotto, alla cui base esiste un listino con le successive maggiorazioni del rivenditore.

Acquistare un servizio di posizionamento significa acquistare la professionalità di una persona, il suo skill e le sue capacità di far fronte agli impegni presi, la sua consapevolezza che non esistono (spesso) i fine settimana e che per posizionare il cliente non ci si adopera solo con l’inserimento con i motori. Fare SEOing significa aggiornarsi quotidianamente, confrontarsi con altri operatori del settore, leggere, ricercare e fare prove. Non ci si può improvvisare, e soprattutto non si possono vendere tecniche datate che non sortirebbero alcun effetto.

Fare SEO non è far SEM PPC. Ad ognuno il suo. Se pensate che il posizionamento organico sia un risultato troppo lontano da raggiungere e credete che una campagna pay per click, magari fatta in casa, sia la cosa migliore, allora non fate nemmeno perdere tempo ai poveri SEO che solo per analizzare il sito e produrre un costo veritiero necessitano anche delle ore di analisi, al contrario di uno sparato al ribasso giusto per prendere un nuovo cliente per poi dirgli: mi dispiace.
Il SEO, è un mercato che si sta affollando ogni giorno di più; i motori di ricerca utilizzano complessi – e segreti – algoritmi ogni giorno più sofisticati per determinare il posizionamento e perfezionare costantemente le loro SERP al fine di evitare SPAM ed essere ingannati.

Non è più come molti anni fa, quando bastava nascondere la parola “sesso” nel meta-tag per dirottare miliori di persone verso siti che quanto a pertinenza erano prossimi allo zero. Fenomeni come il keyword stuffing, e più in generale tutte le black hat seo, hanno sempre minore efficacia (per fortuna).

A questo punto dovrebbe essere sufficientemente logico che quando si ha bisogno di un SEO, quello che si sta cercando sono solo reali competenze. Sapendo questo, siete ancora disposti a procedere ad aste al ribasso per portarvi a casa il primo SEOidiota di turno che vi propone il posizionamento garantito a soli 150 euro?
Magari questa persona potrà anche pensare di essere un professionista, o forse lo sarà pure. Ma onestamente parlando, riuscireste voi a mandare avanti attività che il più delle volte (nella mia media) prevedono 1 mese di lavoro – spalmati su 12 mesi dell’anno – con soli 150 euro?
Magari Iva compresa, che tradotti al netto della tassazione significa portare a casa 40 euro per se e per la propria famiglia?
Esorto quindi tutti ad una riflessione estiva. Per i fornitori, a non – passatemi il termine – calarsi le braghe ogni volta che si prospetta qualche nuova possibilità, perchè prima o poi ci sarà l’intoppo e quando il cliente poi dovrà pagare ben più dei 150 euro preventivati, non solo si perderà un cliente, ma si sarà rovinato un anello del mercato che non avrà a questo punto più fiducia nel servizio che verrà bollato come inutile.

Riflessione poi anche per gli utenti / clienti. Pensate prima di comprare un servizio se veramente l’amico o l’agenzia del parente alla quale vi state rivolgendo sia la più adatta alle vostre esigenze. Non necessariamente bisogna rivolgersi alla megasuperditta che chiede ventimila euro come cifra minima; ma siate anche meno monolitici e non fissatevi sul primo suggerimento che ricevete o sul primo fornitore che trovate. E poi, abbiate almeno l’accortezza di sincerarvi se veramente, quello con cui state parlando, è un SEO professionista o meno ponendogli alcune domande.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

19 Comments

  • Ricordo circa un anno fa, quando ancora ero impiegato presso la mia ex azienda, una nota multinazionale di autonoleggio.

    Venne incaricata una mia collega, di seguire il marketing pubblicitario della ditta.

    Lei poverina non aveva esperienze di nessu genere, soprattutto per ciò che concerne il web.

    Si dimenava tra i motori, i siti realizzati dal fornitore e le campagne Pay Per Click.

    Ricordo una volta, quando mi disse che un consulente di Google gli ‘sparò’ un preventivo di circa 16.000 euro al mese per avere la presenza in prima pagina.

    Io all’epoca già iniziavo a studiare qualche guida ed applicavo qualche tecnica sul mio blog.

    Gli dissi di richiamare il consulente facendogli presente un paio di cose.

    In seguito mi disse che il prezzo era sceso a 6.000 euro al mese con questo suo ultimo intervento.

    Non sono un SEO anche se seguo tutti voi professionisti con grande interesse ed ammirazione.

    Trovo comunque importante la qualità dei contenuti.

    Parlo quindi anche di copywriting e questo perchè spesso trovo siti con grande visibilità ma davvero scadenti nei loro contenuti.

    Alessandro

  • @Alessandro

    Un consulente Google??? Che lavora per la società di Mountain View, o uno che si attesta dei titoli che non ha?

  • Ah ecco, volevo ben dire! Certa gente non imparerà mai!

  • Infatti il suo “premio” è crollato non appena lei gli ha snocciolato un paio di termini specifici che le avevo consigliato di fargli presente.

    Alessandro

  • Ciao Taglia, Ciao Andrea.

    Spesso mi capita l’azienda più piccola e nascosta, anzi è proprio grazie a quelle che sono riuscito a impormi alla grande, e oltre al fatto che gli ho portato dei risultati tangibili in poco tempo, direi che è dipeso anche dal fatto che le ho messe realmente in condizione di poter usufruire del servizio, offrendo prezzi accessibili.

    Di solito, visto che lavoro per un’agenzia di servizi di advertising, il seo lo mettiamo in un pacchetto che ha un canone annuo, e nel quale sono compresi altri servizi, come il digital signage, la creazione del sito, ufficio stampa, una piattaforma di sms advertising e una community per aziende con directory

    La cosa veramente interessante, è che una volta che il cliente comincia a ricevere i primi contatti e le prime mail di richiesta, e quindi ha una soddisfazione immensa derivante da quanto percepito, non fa a meno di chiedere un “upgrade” e a quel punto entro in gioco io, nel senso che gli faccio impostare una campagna solo se effettivamente ha i margini per poter rientrare in poco tempo.

    Ad esempio per aziende che vendono software o corsi, o servizi ad alto valore aggiunto, nella maggior parte dei casi riesco a trovare un accordo. Più difficile, se non a volte sconsigliato da me stesso, se il cliente pensa di mettersi a vendere roba tipo DVD, o componenti hardware con e-commerce. dipende molto dal tipo di azienda che ci troviamo di fronte. Secondo me rimane sempre parte del nostro lavoro saper distinguere anche chi deve e chi non deve investire in internet

  • Putroppo la gente è un pò “ignorante” in materia ancora in Italia e crede che pagare poco sià da furbi.. Non sempre è anche vero che chi paga molto sarà soddisfatto. Che tempi..

  • ehm….
    posso fare una piccola, antipatica precisazione (scontato che sono d’accordo con molte cose scritte)?

    SEM significa Search Engine Marketing, inteso in tutti i modi in cui si può fare marketing su un motore di ricerca. SEM non significa fare campagne PPC. Il PPC è UNA delle azioni del SEM. Anche la SEO è una delle azioni del SEM.

    Chi fa SEO, sta facendo SEM o per lo meno sta attuando una delle azioni del SEM.

    Chi fa SEO, fa SEM così come e nella stessa misura di chi fa PPC. Sono entrambe figlie del SEM.

    Altrimenti confondiamo il Marketing con la Pubblicità.

  • mi sembra una giusta precisazione “fra” 🙂

  • Concordo,

    per ciò che riguarda il mio primo commento, ho parlato di PPC come una delle tante tecniche che la mia ex collega (insieme al posizionamento organico) cercava di ottenere invano.

    Chiaramente non sono la stessa cosa. 🙂

    Alessandro

  • Diciamo che sto cercando il vostro aiuto. Da un pezzo lo dico a destra e sinistra, sperando che tutti se ne ricordino. Infatti continuamente si vede SEM = PPC, SEO = posizionamento e noSEM 🙂

    Per evitare che poi andati da un cliente ci si senta dire “Ah ma lei si occupa di SEO, non di SEM”.
    Già, il mio non è Web Marketing? Che sono? Il parente povero? 😛

  • Abbasso umilmente il capo e chiedo di essere frustrato. Ho – erroneamente – scrtto SEM al posto di PPC.
    In effetti il paragrafo dopo è chiaro, ma nel buttare giù e rileggere l’articolo evidentemente mi è proprio passata sotto il naso la sigla errata.

    Taglia, potresti magari correggerla con un bel strike through?

  • ehm, scusate, chi viene al nostro sangria party, che così ne parliamo tra un bicchiere e l’altro? 😛

  • [OT]
    @SEO in Abruzzo
    Sangria ad Orgiano (VI), il 1 settembre. Gratis, ovviamente.
    [/OT]

  • Io vorrei fare seo , ho iniziato con risultati incoraggianti nel settore del turismo. Ho ricevuto qualche gratificazione ma il dispendio di tempo non è paragonabile alla somma ricavata. Ora cerco un po’ di aumentare i prezzi ma quando l’ho fatto ho perso un cliente “sicuro”. Purtroppo qui dalle mie parti, Civitanova marche, tutti vorrebbero tutto e subito e non è facile…ma speriamo bene… A volte conta più il nome che la bravura per riuscire a vendere!

  • Commercialisti,notai,avvocati,elettricisti,idraulici,tecnici etc… tutte queste categorie hanno una tabella costi oraria + una serie di servizi standard a prezzo fisso.
    Quindi tu paghi un elettricista che viene a casa tua a sistemare il citofono per il tempo realmente impiegato per aggiustarlo. Oppuri paghi una consulenza legale o un commercialista in base a servizi resi e alle ore passate con te a discutere.
    Ma qui? Arriva uno e ti chiede 150 (e magari è un mago) arriva l’altro e ti chiede 16000 (e magari è un truffatore)…
    Purtroppo sono ancora troppi i bimbetti che circolano in questo settore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy