Caro Blogger, i numeri non sono tutto!

Il traffico che può portarti un link posto sul sito più noto della tua nicchia non è un numero al quale devi badare.

Il numero di visualizzazioni che può ottenere un tuo video su YouTube non è una cosa alla quale devi attribuire una grande importanza.

Pensi che stia dicendo stupidaggini? allora segui con attenzione quello che sto per dirti…

Un guest post su di un notissimo blog

Marko di HowToMakeMyBlog.com (un piccolo blog che contiene free online blog ideas, tips, tools and tutorials) ha scritto alcuni giorni fa un guest post per Problogger.

Problogger.net, per chi non lo sapesse, è probabilmente il più importante blog a livello mondiale nel campo del (scusate il gioco di parole) blogging, e le sue statistiche sono da sempre pubbliche: qui trovi, ad esempio, le visite e le page view di questo mese.

A spanne, possiamo quindi dire che Problogger fa dalle 10.000 alle 15.000 visite al giorno, che sviluppano fra le 20.000 e le 30.000 pagine.

Ebbene, quanti visitatori ha portato a Marko il suo guest post su Problogger?

In cinque giorni, solamente 287.

Ma andiamo avanti.

Il numero di views di un video linkato per parecchi giorni sulla home page di un notissimo blog

Torniamo ancora a Problogger: i numeri li abbiamo visti appena sopra, quindi non è il caso di ribadirli.

Darren Rowse, l’autore di Problogger, pubblica periodicamente un video post, lasciandolo in home page per diversi giorni.

L’ultimo video post è datato 11 dicembre, quindi è in evidenza sul blog, in posizione assai visibile, da quasi tre settimane… quante view ha ricevuto?

Poco più di 3.000.

E se vai a frugare su YouTube fra gli altri video di Darren Rowse, noterai che alcuni di questi hanno totalizzato anche numeri di molto inferiori, fermandosi a poche centinaia di visualizzazioni.

Vuoi quindi dirmi che non devo più scrivere guest post e girare video?

Assolutamente no, semmai l’esatto contrario!

Il mio consiglio è semplicemente quello di non badare solo ai numeri: facendo ciò rischieresti di compiere azioni che hanno il solo scopo di aumentare la cifra di un contatore, e non quello di costruire qualcosa di duraturo.

Mi vengono in mente, ad esempio, coloro che scrivono post con titoli “particolari” solo per fare ricevere traffico dai motori.

O peggio altri che comprano visite per gonfiare le loro (tristi) statistiche…

Io invece voglio consigliarti di puntare alla creazione di un brand, ovvero una entità ben caratterizzata ed univoca.

Primo esempio: se scrivi un post per il blog più in vista nella tua nicchia, il tuo nome verrà associato a quello del prestigioso blog che ti ospita: ecco il motivo per cui il piccolo “How to Make My Blog” ha ottenuto, è vero, ben poche visite da Problogger.net (287) ma, in proporzione, parecchi nuovi iscritti al feed (60)… e stiamo parlando di un blog che prima del guest post aveva solamente 90 feed reader.

Secondo esempio: se periodicamente giri video (ovviamente attinenti al tema del tuo sito), verrai ricordato come “il videoblogger”, l’unico che “fa i video” (visto che, molto probabilmente, i tuoi competitor non hanno il tempo / la voglia / le competenze per farlo): ciò significa marcare il territorio, mostrare che sei un passo avanti ai tuoi concorrenti, indipendentemente dai numeri che i video saranno in grado di generare.

Cosa intendo dire? che ci sono azioni che possono portare qualcosa che un contatore, per quanto sofisticato, non è in grado di misurare.

Azioni che possono anche non portare un risultato immediatamente tangibile, ma che ti aiuteranno a creare un valore che è molto più importante degli utenti unici e delle pagine visualizzate: il posizionamento.

E non sto parlando del posizionamento in vetta all’interno di un motore di ricerca, ma di quello nella testa di chi ti legge.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

7 Comments

  • Ciao, il tuo articolo è molto interessante e pone un interrogativo che secondo me andrebbe sempre affrontato prima di aprire l’ennesimo blog: “ho effettivamente qualcosa di originale da pubblicare” che poi andrebbe seguito dal “riuscirò a dare continuità alle mie pubblicazioni”?

    Infatti secondo me uno dei problemi maggiori, sia per chi intende “bloggare” per hobby, ma anche per le aziende che intendono investire in un sito web, è proprio la difficoltà nel pubblicare contenuti che (come dici tu) “entrino nella testa di chi legge”, in modo che quest’ultimo comprenda che può trovare informazioni davvero utili e durature.

    Grazie per lo spunto di riflessione 🙂

    – Nicola by NBWeb.it

  • Ne ho fatte più io (di visite) quando il blog pollycoke.net linkò un mio articolo! XD

    Cmq l’originalità e la ricercatezza di ogni articolo fanno il vero contenuto!

  • Sono daccordo… ma solo in parte.

    Problogger in realtà fa molte più visite di quelle segnate nelle statistiche. Molti dei suoi iscritti al feed in realtà sono iscritti alla newsletter e sicuramente saprai meglio di me, questi non vengono contati nelle stat (a meno che non vadano a finire sul post).

    “…ma che ti aiuteranno a creare un valore che è molto più importante degli utenti unici e delle pagine visualizzate…”

    Beh, dipende sempre dove si vuole arrivare e cosa si vuole raggiungere.

    Il posizionamento di cui tu parli ha senso quando, scusa il gioco di parole, ha senso promuovere un certo tipo di brand.
    bye

  • Sono perfettamente d’accordo sulla filosofia dell’articolo.
    Non contano i numeri in valore assoluto ma la capacità di raggiungere il target di interesse, di fornire contenuti e servizi di qualità.
    A tal proposito aspettati un piccolo omaggio da parte mia da parte di uno dei miei progetti.

    Giulio

  • @DaSa: se hai un mente un progetto che ha alla base un minimo di “etica”, piccolo o grande che sia, a medio-lungo termine, devi puntare al brand.
    Se invece punti solo a far soldi in fretta con un sito “mordi e fuggi”, puoi badarci un pò meno… ma non è il mio caso 🙂

    @Giulio: un regalo? ti serve il mio indirizzo, o si tratta di qualcosa di “virtuale”? 😀

  • Come sei veniale 😀 Ti porterò un po’ di traffico (almeno credo 😉 )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy