Il banner entra nei Captcha

Lo ripeto da tempo: la pubblicità non la vede più nessuno, il CTR sui banner è in caduta libera e gli editori hanno sempre maggiori difficoltà a trovare nuove forme/formati per mantenere quantomeno stabili le revenue (mentre i brand lottano per ottenere una visibilità che non trovano più all’interno di un bannerino).

Proprio dal fronte delle “nuove forme/formati” pubblicitari arriva questa idea di Solve Media, che ho trovato per certi versi geniale


In pratica il TYPE-INs (questo il nome del prodotto di Solve Media) è un sistema che integra il banner all’interno di un Captcha, chiedendo all’utente di scrivere il contenuto del messaggio promozionale che si trova nel form per procedere oltre.

Le solite lettere e numeri distorti vengono sostituiti dal nome del brand o dal motto del prodotto/servizio riportato all’interno del banner:

Un vecchio Captcha messo a confronto con il nuovo TYPE-INs

Il fatto di focalizzare l’attenzione, memorizzare il testo e quindi riscriverlo pare possa portare grossi benefici al marchio promosso nell’annuncio: l’Università della Pennsylvania ha condotto uno studio approfondito sul TYPE-INs, concludendo che il sistema accresce la brand recall del 111% e il message recall di ben 12 volte (rispetto ad un “classico” banner statico).

Il TYPE-INs messo a confronto col banner

Concludendo

Il TYPE-INs interpreta la famosa regola del “mostra la pubblicità dove la gente guarda”. In un’epoca nella quale i banner stanno diventando invisibili, Solve Media posiziona gli annunci dove l’occhio è obbligato a vedere, e in più spinge (anzi obbliga) l’utente a leggere e scrivere quanto contenuto nell’inserzione.

Sarà un successo?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

18 Comments

  • E’ la classia corsa all’occupazione dell’ultimo spazio pubblicitario reale o virtuale che sia. Il sovraccarico di advertising si farà sentire anche qui e l’attenzionalità diminuirà progressivamente, con il passare del tempo e della familiarità rispetto al meccanismo (mi aspetto di trovare un messaggio promo ovunque). Il futuro della comunicazione online passa sempre più dal coinvolgimento e sempre meno dall’esposizione.

  • Però i captcha funzionano sul presupposto che il contenuto non è prevedibile, mentre quello di un banner lo è a meno che non si producano decine di migliaia di versioni dello stesso banner ognuna con un testo diverso da far imputare all’utente.
    Questo significa che se devo fare 100.000 impression di un banner ho 99.999 probabilità che il captcha non serva a niente: basta che sia interpretato la prima volta.

  • Allora potrebbero usare tali slogan pure per password imposte all’utente, PIN del bancomat, ………

    Questa è proprio una ca
    una vera cazza
    una grande
    gigantesca
    strepitosa
    ca*a*a!

  • a me sembra una cazzata perche’ se la scritta e’ semplice puoi bypassarla con gli ocr automatici e via di bot che ti entrano nel sito oppure qualcuno creera’ un plugin per firefox per scrivere in automatico la frase
    il vantaggio dei captcha e’ che sono difficili da riconoscere con gli ocr se scriviamo in maniera semplice non sara piu’ cosi
    l’unica differenza e’ che prenderemo soldi dai bot

  • Mah, qua si va addirittura oltre l’interruption marketing…

  • … beh allora varrebbe la pena “riscoprire” la pubblicità nel bagno dell’autostrada. A parte gli scherzi, mi sembra più un ostacolo, o meglio, un invadenza nel rapporto fra utente e proprietario del sito.

  • Non mi fa impazzire questa pubblicità, e come sostengono anche gli altri non la vedo così interessante ai fini di marketing.

    Qui si va sempre più sul permission marketing e invece come dice giustamente dario, questo diventa interruption marketing…

    il tempo ci darà le giuste risposte alle domande che ci poniamo ora..

  • Bhè a me sembra quasi una azione di marketing e comunicazione alternativa tesa a sfruttare in modo simpatico e meno fastidioso il captcha.. (meglio una frase che i numeri che a volte sono veramente incomprensibili!!!)…

    Non condivido l’idea di “corsa all’ultimo spazio” in quanto è ben piu fastidiosa la pubblicità che si apre su repubblica o sta stramaledetta canzoncina con Cassano che parte non appena si sfiora il video…

  • A me sembra un’ottima idea, per la serie “perche’ non ci ho pensato prima”, anche perche’ i captcha non puoi proprio permetterti di bloccarli con l’AdBlock.

  • Vado controcorrente rispetto ai commenti precedenti.
    A me sembra un opzione in più nel paniere di prodotti pubblicitari per noi publisher.

    Questo tipo di pubblicità però secondo me non funzionerebbe nei blog, perché potrebbe spingerti a non commentare. Ma in tutti quei siti dove inserire il captcha è un esigenza. Ad esempio può essere essenziale per quei siti che offrono materiale free da scaricare e che oggi non riescono a monetizzare in alcun modo. Vuoi scaricare? inserisci il captcha dello sponsor e sono contenti entrambi: l’utente col programma e lo sponsor per la visibilità e l’attenzione.

  • Esattamente! Io la penso come Luca. Questi strumenti li vedo bene come barriere per poter accedere ad aree protette, in grado di sostituire magari sistemi di micro-pagamenti. Quindi ottimo per scaricare un file, un ebook gratuito o quant’altro.

  • E’ sicuramente uno strumento in più nella cassetta degli attrezzi del marketer, ma questo non significa che produca dei risultati. Il captcha notoriamente abbatte il rapporto di conversione (anche se in certi casi per adesso non si vede una alternativa valida), quindi è un momento di disturbo per il cliente, è qualcosa che ostinatamente si interpone fra lui ed il suo obiettivo (che dovrebbe essere anche il nostro). Non credo che in quel momento obbligarlo a scrivere il motto di una azienda migliori la percezione del marchio. Un po’ come la pubblicità nei bagni dell’autostrada, se la mettiamo dove la gente guarda, da allora in poi, a cosa assoceranno il marchio?

  • Secondo me i captcha sono il male, soprattutto per l’accessibilità.

  • Anche io andrò controcorrente, ma mi pare un’idea geniale. Un modo costruttivo per monetizzare un meccanismo che è ormai all’ordine del giorno…

  • Sono d’accordo, il captcha obbliga a memorizzare. Però irrita.

    Il rischio è che il fastidio si trasmetta al soggetto reclamizzato. Ed è un bel rischio.

  • L’idea è interessante
    Non so però come sarà percepito dagli utenti visto che tutti odiano i captcha

  • L’idea è brillante, direi geniale.
    D’altro canto è però il sintomo della caccia all’ultimo “pixel” libero…
    Con l’avvento dei Social l’advertising sarà sempre meno esposizione e più coinvolgimento/interazione.
    I banner ci sono e ci saranno, come i mega-poster ai lati delle strade, ma la visibilità e l’attendibilità subiranno una sensibile riduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy