I Contenuti Virali, secondo BuzzFeed

BuzzFeed

Secondo una recente ricerca di Microsoft, la capacità di attenzione dell’essere umano è oggi più corta di quella di un pesce rosso: dai 12 secondi del 2000, agli 8 secondi odierni.

Catturare l’attenzione di un utente è quindi sempre più difficile, e gli editori online hanno sviluppato raffinate strategie per creare titoli che possano essere cliccati, che portano poi a contenuti che si spera vengano viralizzati il più possibile: a tal proposito ti suggerisco la lettura dei casi di Upworthy e ViralNova, per scoprire le tecniche utilizzate da questi 2 notissimi “siti virali”.

Un altro grosso player – forse il più noto – nel settore dei viral content è BuzzFeed. Una ricerca di Fractl ha analizzato i dati dei 100 articoli più condivisi su BuzzFeed fra il Marzo del 2015 e il Marzo del 2016, esaminando il numero delle parole e delle immagini, e classificando i contenuti in 11 diverse aree tematiche. Ne è emerso che:

1. I contenuti virali sono (spesso) brevi

Il numero di parole medio per articolo di BuzzFeed

Su 100 articoli analizzati, 46 non superano la soglia delle 300 parole (con buona pace di Yoast e del suo plugin 😀 ), e solo 15 di questi superano le 1.000 parole.

Il numero di parole medio per area tematica di BuzzFeed

Interessante notare il numero medio di parole per categoria: sembra ci siano ambiti (come attualità, libri, film, TV e viaggi) dove la viralità passa attravero articoli corposi (oltre le 900 parole), altri (come la salute) dove bastano 3-4 paragrafetti per far partire le condivisioni.

2. Mettici tante immagini

Il rapporto fra parole e immagini per articolo di BuzzFeed

Gli articoli di BuzzFeed sono pieni zeppi di immagini, spesso GIF animate: in pratica parliamo di una immagine ogni 2-3 righe! So che possono risultare fastidiose, ma a quanto a pare la cosa funziona molto bene dal punto di vista della viralità (forse un po’ meno da quello del peso complessivo della pagina…).

3. Metti un numero nel titolo

Questo dato non era purtroppo nello studio in questione, ma l’ho trovato più volte in altre ricerche. Per esempio, in questa si dice che:

  • Il 46% dei titoli di BuzzFeed includono un numero.
  • Nell’82% dei casi, il numero è utilizzato all’inizio del titolo.
  • I numeri più utilizzati sono 23, 21, 19, 15 e 17.
  • Nel 64% dei casi, i numeri sono dispari.
  • Il numero 4 è il meno comune.

Bastano queste 3 cose per rendere un contenuto virale? Ovviamente no. Ma qui trovi altri 10 preziosi suggerimenti, che ti aiuteranno di sicuro. 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

One Comment

  • Ho trovato molto interessante questo articolo ma ancor di più quello relativo ai “10 preziosi suggerimenti” che è sicuramente più completo ed esaustivo. Sono certamente post utilissimi per chiunque ed in particolar modo per chi utilizza il web per lavoro, con lo scopo di rendere un contenuto virale e diffonderlo in tempi brevissimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy