Brand Positioning: piccola guida al posizionamento di un brand online

Brand Positioning
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Il tuo brand è il tuo strumento di comunicazione più potente. Ci avevi mai pensato? Una strategia di marketing che punta a posizionare il brand in modo efficace è il migliore strumento che la tua azienda possieda per far breccia nella mente del consumatore ideale. Non esiste miglior modo per imprimere il tuo messaggio nella mente del cliente.

In questo post ti svelerò alcuni segreti per creare una brand identity efficace, incisiva e duratura nel tempo.

Cosa vuol dire posizionare il brand?

Cosa si intende per brand positioning? E cosa più importante, chi sono i destinatari della tua comunicazione di marca, i clienti o i tuoi competitor?

Detto in modo semplice: posizionare il proprio marchio significa conquistare un posto ben determinato e distinguibile nella percezione del tuo consumatore all’interno della stessa nicchia di mercato in cui operano i tuoi competitor.

Non solo occorre che il tuo brand sia unico e discernibile, bisogna anche che la comunicazione della tua identità di marca sia affidata ad una strategia di marketing integrata, forte e d’impatto. È altresì importante usare il marketing mix più adatto al tuo prodotto e al tuo target.

Marketing Mix

Come posizionare il tuo brand oggi?

Con l’avvento del web, la comunicazione di marketing è cambiata parecchio. Fino a qualche decennio fa gli unici strumenti in nostro possesso erano offline.

Il web 2.0, che secondo l’Enciclopedia Treccani ha come data di inizio il 2005, e la comunicazione digitale sono diventati degli strumenti unici ed insostituibili per veicolare la propria brand identity e creare rapporti di business duraturi. Nota bene, non basta usarli, devi saperlo fare.

Prima di decidere quale sia la strategia ed i canali migliori per posizionare il tuo brand, devi porti queste tre semplici domande:

  • Qual è il mio obiettivo e il mio progetto?
  • In che cosa si differenzia la mia brand positioning strategy? (In poche parole, qual è il mio vantaggio competitivo?)
  • A chi mi voglio rivolgere? Quindi, chi sono i miei potenziali clienti?

Inoltre, guarda sempre cosa fanno i tuoi competitor, questo ti serve per capire la situazione circostante nella sua interezza e, di conseguenza, per agire nel modo che sia più vantaggio per te.

“Se conosci il nemico e te stesso, la tua vittoria è sicura…”

Le cose di cui tenere conto per il posizionamento del brand aziendale

Studia i tuoi competitor, raccogli quante più informazioni possibili su di loro, sul loro consumatore target e sul posizionamento di marca che essi occupano.

Una volta chiarito il ruolo dei tuoi competitor, svelati i loro punti di forza e di debolezza (quale migliore strumento di un’analisi SWOT?) sarà molto più semplice capire su cosa puntare e quali sono le opportunità da sfruttare per diventare il leader del tuo settore.

Una volta definito ciò che rende unica la tua brand image, è essenziale sviluppare una comunicazione sul web coerente, omni-canale ed efficace.

Ma da dove partire?

Come impostare la comunicazione del tuo brand

Il tuo sito web è la tua vetrina, pertanto consideralo il primo strumento da utilizzare per comunicare l’identità del tuo marchio. Esso deve essere coerente con la tua brand promise, ovvero la tua dichiarazione di intenti, e metterla in risalto. Non sottovalutarlo.

Fai social media branding. Ma fallo bene. Non basta postare sui canali social, occorre selezionare i social media più adatti al tuo prodotto, ai servizi che offri, ai tuoi obiettivi e al tuo target.

Infatti, come dice sempre Mirko Cuneo“se sei presente sul web ma le persone non lo sanno, per te è come non esistere”. Mirko è un imprenditore digitale, esperto nei processi di digitalizzazione delle piccole e medie imprese e dei professionisti che vogliono far parte davvero del mercato odierno.

Di seguito il modello in 5 passi che Mirko segue per il posizionamento efficace di un brand.

Modello in 5 passi per il posizionamento del brand

In linea con quanto descritto fino adesso, eccoti i 5 insostituibili passi di Mirko Cuneo per il posizionamento del tuo marchio.

Chiarisci il tuo obiettivo

Quali sono i tuoi obiettivi di marketing e quali le risorse a disposizione per raggiungerli? Secondo l’austriaco Peter Drucker, perché siano perseguibili ed efficaci, gli obiettivi che ogni business si propone devono essere S.M.A.R.T.. Questo acronimo indica che le finalità di un’impresa devono essere specifiche, misurabili, raggiungibili, rilevanti e contenute nel tempo.

Non basta redigere una lista di traguardi, occore che essi siano adatti al tuo personal branding. Parti da te stesso, dalla tua esperienza e dalla tua visione. Definisci quello che hai, quello che ti manca e come puoi sfruttare quello che hai per ottenere ciò che ti manca.

Definisci il tuo pubblico

Per posizionare bene il tuo brand e raggiungere i tuoi obiettivi di marketing devi conoscere i destinatari della tua comunicazione. In altre parole, devi concentrarti sul tuo cliente tipo e segmentare il tuo mercato. Quanti anni ha e di cosa si occupa? Quali sono le sue caratteristiche? Perché dovrebbe avere bisogno del tuo prodotto o servizio? Quali sono i suoi desideri?

Insomma, quanto più sai dei tuoi potenziali clienti e tanto più riuscirai a fare loro delle offerte mirate e che hanno più possibilità di concludersi in acquisto per loro e vendita per te.

Voglio rivelarti un metodo infallibile per non toppare in questa fase. Prendi carta e penna e crea un ritratto del tuo buyer persona. Disegna al centro del foglio il tuo cliente tipo esattamente così come lo immagini. Elenca i suoi dati demografici, la localizzazione geografica, il suo impiego lavorativo e cosa fa nel tempo libero.

Rendi reale il tuo cliente tipo, solo cosi potrai metterti davvero nei suoi panni.

I 5 tasselli per il posizionamento del brand aziendale

Identifica il tuo elemento differenziante

Domandati quali tra i bisogni del tuo target sei in grado di soddisfare meglio degli altri con la tua offerta. Una volta chiare le necessità del tuo cliente potenziale, devi fare in modo che rivolgersi al tuo prodotto diventi la soluzione che stava cercando.

Fai leva sugli elementi che rendono la tua offerta unica. Gli anni di esperienza nel settore non bastano. Devi fare in modo di intercettare i suoi valori con i tuoi e di proporti come il più bravo nel tuo settore. Devi arrivare a garantirti la fiducia di una specifica fetta di mercato.

Diffondi contenuti inerenti e di qualità

Una volta chiaro il tuo target e la specificità che solo il tuo prodotto è in grado di offrire, devi essere in grado di veicolare contenuti in linea con la tua offerta. Il modo migliore per farlo è pianificare.

Devi stabilire i contenuti che vuoi diffondere: di cosa vuoi parlare, con che cadenza temporale, attraverso quali mezzi. Devi fare un piano editoriale e strutturare la tua content strategy in modo da andare ad intercettare il tuo target ma senza snaturare il tuo brand. Ricorda di essere sempre in linea con la tua brand identity. Qualità è sempre meglio di quantità.

Crea una strategia sui social media

Una volta chiari i contenuti da trasmettere, dovrai stabilire le piattaforme più appropriate alla veicolazione degli stessi. Insomma, devi sfruttare sia il tuo sito web di proprietà sia il social media marketing sulle piattaforme social come Facebook, Instagram, LinkedIn, ecc.

Devi stabile in anticipo e con la massima cura possibile i responsabili della tua comunicazione social e le loro mansioni.

Non dimenticare di analizzare i KPIs e le metriche che hai a disposizione. Solo così potrai capire cosa va e cosa no. Sperimenta. Se il tuo primo approccio non porta risultati, varia. Gran parte del web marketing si basa sui test.

In conclusione

La coerenza, la professionalità e l’identità del marchio sono tutte caratteristiche che portano grandi risultati nel lungo periodo. Se lavori bene e con costanza oggi, costruendo il tuo brand e pensando al suo posizionamento, domani ti troverai la strada in discesa.

La costruzione di un brand non si fa certo schiccando le dita, ci vogliono serie competenze e conoscenze perché nulla è dovuto al caso, soprattutto nel mercato competitivo di oggi.

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Autore
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
Latest Posts
  • Strumenti in google search console per webmaster
  • intervista alessia martalò
  • web stories
  • seo checklist

One Comment

  • Sono assolutamente d’accordo sulla gestione non solo della comunicazione sui social, ma anche sulla scelta di questi.
    Non ha senso andare a sprecare risorse per promuovere il proprio progetto su un social in cui le persone cercano altro o semplicemente non sono in target, come nel caso di TikTok attualmente per la maggior parte dei business.

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Wordlift
Prova Seozoom
Brand Positioning: piccola guida al posizionamento di un brand online
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi