La presenza social dei Brand sui motori di ricerca

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una ricerca di BrightEdge ha mostrato che la maggior parte dei consumer brand sta investendo nella presenza sui social media, ma fa ben poco per ottimizzare le proprie pagine su Facebook e Twitter in modo che queste emergano fra le SERP dei motori di ricerca.

BrightEdge ha esaminato la presenza sui social media dei principali 200 brand a livello mondiale. Quasi il 100% di questi era il primo posto (o fra i primi posti) cercando il nome del marchio sul motore di ricerca. Ma effettuando la stessa ricerca, il 70% delle pagine Facebook o Twitter di questi brand non figuravano nelle prime 20 posizioni (e sappiamo bene che se non si è nella top 10 è ben difficile che si riceva click/traffico).

“I brand stanno oggi investendo nei social media e creano ottimi contenuti per cercare l’engagement con i consumatori” ha detto Jim Yu, CEO di BrightEdge; “Ottimizzare questi ai fini della SEO è fondamentale per ottenenere visibilità. I brand rischiano di perdere dei “punti di connessione” critici se le loro pagine sui social media non possono essere facilmente trovate all’interno dei motori.”

Tra i principali 200 brand elencati su Fortune 500, circa il 68% ha un account Twitter che non si trova nei primi 20 posti di Google. E circa il 71% ha una pagina su Facebook che non appare nei primi 20 risultati cercando col nome specifico del brand.

Analizzando i vari account sui social media, BrightEdge non sempre ha trovato una correlazione fra il numero di amici/follower e il posizionamento sul motore. Per esempio, la pagina su Facebook di un noto brand di attrezzature fotografiche non figurava fra i primi 20 risultati, pur avendo più di 160.000 like. Al contrario, un noto produttore di auto con 17.307 fan aveva una pagina su Facebook fra i primi 10 posti.

BrightEdge ha anche esaminato verticalmente i mercati, e ha scoperto che i retailer sono i migliori ad ottimizzare le loro pagine sui social media. Fra i primi 23 retailer, 13 hanno la loro pagina Twitter nei primi 20 posti dei motori. Fra coloro che invece figurano peggio, troviamo brand in ambito finanziario e assicurativo: solo il 43% delle principali società in questi settori hanno una pagina Facebook nella top 20 dei motori.

Per dare un po’ di “boost” a queste paginette, una semplice best practicesuggerita da eMarketer è quella di linkare i profili social dal sito del brand, in modo da trasferire un po’ di trust e di authority e aiutarli a scalare le SERP.

Tu invece come fai a posizionare le tue pagine sociali sui motori? 🙂

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

6 Comments

  • Non nono sicuro di aver capito. Quando si parla di posizionamento non dipendente dai like/follower si intende all’interno di Facebook e Twitter o nei motori di ricerca?

    Reply
  • Interessante la correlazione fra like, fan e posizionamento. Questo fa pensare che Facebook ( mno male )tende a considerare di maggior rilievo i fan piuttosto che le persone che visitano la pagina, trovano una piccola cosa che apprezzano e cliccano “mi piace”. L’articolo mi ha fatto pensare che sarebbe meglio se facebook introducesse un sistema di riconoscimento dei fan basato, ad esempio, sul fatto che chi non partecipa alle attività della pagina per un certo tempo non viene considerato più come sostenitore. In questo modo le pagine diventerebbero gli hub dove avvengono conversazioni tra persone davvero interessate ai prodotti.

    GRAZIE DAVIDE, come sempre!

    Reply
  • Probabilmente le grandi aziende hanno investito in questo nuovo settore, un po’ come se fosse un requirement indispensabile, però senza curare troppo alcuni dettagli.

    Per l’indicizzazione della propria pagina sociale, esclusi eventuali indicazioni generali di seo non saprei.. Ma poi anche lo stesso google per esempio che peso gli da?

    Reply
  • bella la domanda finale! in effetti, oltre ai classici link verso le pagine social, che altre tecniche si potrebbero usare per posizionare le pagine di fb e twitter?

    Reply
  • In effetti mi sembra decisamente uno spreco di tempo ed energie creare le pagine per poi non renderle visibili, inoltre per dei colossi basterebbe poco.

    Buona giornata a tutti

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

La presenza social dei Brand sui motori di ricerca
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi