E ora i Brand diventano Editori…

Lo spunto per il piccolo post di oggi arriva da Il Giornalaio, nella quale si discute del perché alcuni brand stanno diventando editori .

A mio parere, nel cosiddetto “Brand Journalism” non c’è nulla di particolarmente nuovo: è da qualche anno che i “contenuti brandizzati” sono in cima alla priorità di parecchie aziende, ed è da tempo i brand devono rapportarsi con i 3 media – Paid, Earned e Owned – ovvero quelli che posseggono (owned), pagano (paid) o cercano in tutti i modi di “guadagnare”, di conquistare (earned).

E’ proprio quest’ultimo il terreno più difficile e insidioso: se infatti il brand può fare il bello e il cattivo tempo sui media che possiede o che paga, deve muoversi con estrema cautela al di fuori del suo territorio.

In ogni luogo dove c’è interazione col pubblico, dove non si ha il completo controllo della piattaforma, non si può pensare di dettare legge e comportarsi come a casa propria: e infatti possiamo annoverare parecchi “epic fail” di notissimi brand su social come Facebook e Twitter.

D’altra parte, il brand avrà sempre bisogno di comunicare ad di fuori dei siti/media del suo perimetro, perché solo i “fan” già acquisiti vanno sul sito del brand per leggere/ascoltare/guardare le sue autopromozioni e i suoi contenuti rivestiti di pubblicità.

Il Contenuto proposto dal brand si trasforma dunque in Re solo quando è di grandissima qualità e solo se viene presentato al giusto pubblico, nel giusto contesto e nel giusto “contenitore”: Great Content in the Right Context è la frase che viene ripetuta più volte nel video.

I brand potranno anche provare a trasformarsi in editori, ma avranno sempre bisogno di siti, community e quindi di “veri editori” già presenti da tempo sul mercato se vorranno raggiungere e allargare la loro audience. Perché solo i “fan” già acquisiti vanno dall’oste a chiedergli se il vino è buono.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

5 Comments

  • Sempre di USA si parla. Conto che questo approccio porti a migliorare la qualità dei contenuti e ad evitarne la deriva. Sto commentando dall’iphone e, caro Taglia, quanto e’ fastidiosa la finestra che appare per ‘costringerti’ a mettere il ‘mi piace’. Non e’ da te .

  • @Ilaria: finestra che costringere a mettere il “mi piace”??? Mi sa si tratta di un plugin che interferisce con un altro, in teoria la versione mobile del TagliaBlog non ha nemmeno i banner…

  • Non so che dirti… Di certo non sono un’esperta io 🙂

  • Non è il plugin che ti chiede di mettere mi piace ma il layer di Facebook del potrebbe piacerti anche. Due cose ben diverse 🙂

  • @stefano loberti: sì Stefano, è che quella feature di Facebook la implemento tramite un plugin 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy