Home » Content Marketing » Come deve essere il Blog di un Consulente?

Come deve essere il Blog di un Consulente?

Il blog di un consulente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Tutti sappiamo che il blog è una particolare tipologia di sito web, all’interno del quale si pubblicano post che vengono mostrati in ordine cronologico inverso (dal più nuovo al più vecchio) e che, solitamente, possono essere commentati dai lettori.

Francamente, non è che il blog si sia evoluto più di tanto dalla sua nascita ad oggi: a parte l’inserimento dei vari bottoni social, a parte il layout responsive (che però non cambia di fatto il modo in cui vengono presentati i contenuti, perlomeno via desktop), dopo una quindicina d’anni vediamo ancora che un buon 90% dei temi dei blog sono pressoché identici: testata con logo, menu orizzontale e 2 colonne, dove nella parte sinistra stanno gli articoli e nella parte destra i banner e qualche widget. Chiude la pagina un footer con un po’ di link vari.

È vero, anche il tema WordPress del mio blog è così, ed è proprio per questo che credo sia giunto il momento di cambiarlo. O perlomeno di cambiare l’home page.

È una vita che penso che il blog di un consulente non possa essere un blog “normale”. Un consulente vende i suoi servizi, e usa semmai il blog per diffondere dei pensieri atti a “puntellare” il suo personal brand. Ma il focus NON è, o almeno non dovrebbe essere, quello di fare il giornalista o il reporter.

Un consulente NON è un blogger “a tempo pieno”. E allora perché dovrebbe avere un blog con un layout di stampo editoriale? Perché l’accento è quasi esclusivamente sui contenuti che pubblica, e non sui servizi che offre?

La maggior parte dei blog di SEO e web markettari che vedo in giro sono ancora, purtroppo, come il mio: l’enfasi è sui post, mentre per accedere ai servizi offerti bisogna spulciare il menu orizzontale, fare lo slalom fra i bannerini presenti sulla spalla destra o cercare col lanternino fra i link nel footer. Non ha alcun senso!

Ecco come penso debba essere l’home page del blog di un consulente che vende servizi:

L'home page del blog di ShoeMoney

Ancora meglio questa:

L'home page del blog di Darren Rowse

Come puoi notare il focus è sul professionista – del quale è presente una bella foto – e su cosa offre. In evidenza c’è un bottone con una bella call to action, e non un triste elenco degli ultimi 5 post.

I contenuti in mostra sulla home page NON sono gli ultimi pubblicati, ma quelli più utili a generare conversioni.

Se sei un “blog designer” con competenze SEO, che lavora senza problemi su WordPress, e pensi di essere in grado di creare una home page del genere per il TagliaBlog, contattami subito. 🙂

P.S.: a Maggio 2018 ho finalmente modificato l’home del mio blog e successivamente anche la pagina relativa alla consulenza, seguendo la logica esposta qui sopra. Per farlo ho utilizzato un fantastico page builder, un plugin che prende il nome di Elementor. 🙂

Max Valle
Max Valle
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup - Tagliaerbe

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

9 risposte

  1. Sono d’accordo con Davide. Se fai il consulente é necessario comunicarlo subito. Il blog è indispensabile per dare movimento. Il menu a mio avviso è importante sia in chiave seo che in chiave consulenza ( chiarisco subito cosa faccio nella vita).

  2. Ammesso che in ogni caso parliamo di un design che non faccia schifo o che non sia obsoleto, Io insisto sul valore dei contenuti…Che tu sia il pro-blogger di turno o meno: la mia fiducia nella tua consulenza dipende da ciò che mi fa capire quanto mi puoi essere utile.

  3. Io non sarei così sicuro di cambiare, c’è il rischio di “appiattirsi” sui layout di moda dando un feeling troppo commerciale perdendo quelle particolarità che rendono unico questo blog

  4. Molto interessante, di certo mi sembra molto più accattivante!
    Oserei dire che la trasposizione-adattamento di questi temi potrebbe essere utile anche per altri tipi di blog, ad esempio quello di un produttore di attrezzature agricole 😉

Lascia un commento