Bilancio 2010 del TagliaBlog (e Trend + Consigli per il 2011)

Con qualche giorno di ritardo sull’inizio del nuovo anno voglio mostrarti qualche dato statistico, relativo al 2010, riguardante questo blog.

Statistiche del TagliaBlog, 2009 vs. 2010

Come puoi facilmente notare, la crescita nei confronti del 2009 è stata evidente: le visite han registrato un +61,44%, le pageview un +45,27%, e gli iscritti al feed han già superato da mesi quota 4.000.

Eppure ci sono dei segnali che è bene analizzare un pochino più in dettaglio, per capire se e come sta cambiando il pattern di traffico sul web.

Social in crescita? Si, ma…

Nel 2010 abbiamo sentito parlare in modo quasi ossessivo della crescita esponenziale dei social media, quasi che i motori di ricerca stessero per “passare di moda”.

Invece le cose non stanno proprio in questi termini: è vero che sul TagliaBlog il traffico da motori (che poi equivale a quello proveniente da Google) si è attestato “solamente” al 55,18% negli ultimi 12 mesi, circa 20 punti percentuali sotto i tanti siti/blog dei quali conosco le stats. Ma è anche vero che il traffico da social (=Facebook e Twitter) è aumentato si in una misura importante a livello percentuale, ma non esagerata a livello quantitativo.

Se “Google/organic” è infatti cresciuto del 54,99%, e “Google/referral” del 29,46%, abbiamo Twitter che guadagna il 121,57% e Facebook addirittura il 546,08%. Ma Google/organic è saldamente al primo posto della classifica delle fonti di traffico (e Google/referral al quinto), mentre Facebook si deve accontentare del sesto e Twitter solo dell’ottavo.

Grandissima soddisfazione dai feed: anche se il numero degli utenti registrati è cresciuto di “sole” 1.000 unità in poco meno di 8 mesi (circa 1.500 in un anno), “FeedBurner/feed” occupa la terza posizione (con un +817,76%), “FeedBurner/email” la settima (con un +1.656,68%) e “FeedBurner/Twitter” la quarta (con un +8.629,61%!).

Consiglio: investi parecchio tempo sui social, ma non mollare assolutamente i motori. Ad oggi ben poche realtà possono vantare di ottenere la maggior parte del traffico da Facebook (o Twitter), quindi Google continuerà ad avere il suo bel peso per gli editori, sicuramente per tutto il 2011.

Occhio al mobile!

A Gennaio le visite al TagliaBlog via mobile incidevano per l’1,11% del totale, a Dicembre per il 4,70%: si parla di una percentuale ancora ridicola, ma è pur sempre una crescita di oltre il quadruplo in meno di un anno!

Non credo sia stato solo merito di un plugin mobile per WordPress, installato a fine estate, quanto di un trend inevitabile, che porterà questa percentuale a salire costantemente nel corso del tempo (ricordo, per l’ennesima volta, che illustri analisti prevedono il sorpasso dell’internet mobile su quella da “dispositivo fisso” già nel 2015).

Consiglio: rendi il tuo sito “a prova di smartphone” e, se sei un editore, prova magari a testare nuove forme di contenuti, più facilmente fruibili attraverso un dispositivo mobile (ad esempio news più brevi e in real time, in stile SMS, con eventuale approfondimenti tramite link).

Content is King

Durante il SEO Web Marketing Experience di Novembre, Enrico Madrigrano ha parlato dei contenuti come il parametro sul quale scommettere maggiormente per i mesi e gli anni a venire, in pratica “la nuova leva su cui focalizzarsi” per chi si occupa di SEO:

Contenuti, la nuova leva SEO

In qualità di “venditore di banner” per conto di un grosso editore online non posso che essere felice di tale previsione, anche se noto che da mesi è fortemente in crescita il fenomeno delle content farm (che persegue un obiettivo esattamente opposto a quello del contenuto qualitativo).

Consiglio: investi un sacco di tempo nella creazione di contenuti originali, di grande qualità, ma anche nella loro diffusione. In questo Facebook e Twitter possono essere una vera e propria manna, e anche mettere dei semplici “bottoni sociali” in coda agli articoli che produci può essere un buon sistema per diffondere il tuo verbo nel web sociale.

Assai importante è anche coltivare la propria community: se non hai una buona rete di fan e follower “reali” (mi raccomando: evita i “bot” e non comprare MAI “amici virtuali”!), se non sei in contatto con “starnutatori” potenti in grado di viralizzare il tuo messaggio, difficilmente potrai vedere i contenuti che produci rimbalzare all’interno dei social.

Infine punta con grande forza sulla costruzione di un tuo personal brand: la diffusione di ciò che pubblichi online sarà tanto maggiore quanto più grande è la tua autorevolezza e la stima che gli altri nutrono nei tuoi confronti.

Buon 2011 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

10 Comments

  • Ottimo articolo e ottime conclusioni. Anch’io ero presente al il SEO Web Marketing Experience di Novembre di Enrico Madrigrano e penso che i contenuti unici ed interessanti siano la nuova leva su cui puntarestrada. Il mobile è sicuramente il futuro, ma secondo me siamo ancora abbastanza lontani da numeri considerevoli.

  • Ragionare sui propri dati in pubblico è indice di grande onestà intellettuale, oltrechè servizio utilissimo per tutti.

  • Complimenti per la chiarezza di questo post (credo di averlo capito perfino io! ;))
    e grazie!

    Noto con una certa soddisfazione che a fronte di sempre più diffuse e urlate opinioni del genere “i social stanno stravolgendo il web (e non ci capiremo più niente)”, vi è un trend che pare essere nella linea della continuità, della logica e, anche, se si può dire, del buonsenso.

    Bene.

  • Be in realtà non hai detto molto con questi dati statistici… Omettendo i valori (perchè poi?!) reali sul traffico.
    Ok hai aumentato il traffico: “le visite han registrato un +61,44%, le pageview un +45,27%” ma passare da 100 visite a 160 al giorno è ben diverso che passare da 1000 a 1600 🙂 non trovi che forse per avere un idea più chiara fosse il caso di inserire qualche valore di maggior riferimento?

  • Complimenti, bella crescita!:-)

    A questo proposito in questi giorni stavo facendo una riflessione sul Bounce rate. Ho letto un interessante pezzo di Avinash Kaushik in cui dichiarava che un blog dovrebbe avere un br che non supera il 35% e che se ci si aggira intorno al 50% diventa preoccupante.
    In molti altri casi però ho letto che i blog hanno un br che è fisiologicamente abbastanza alto, anche oltre il 50%.

    Io ho visto anche ottimi blog non scendere sotto il 50%. Che ne pensi?

  • @margherita: secondo Google Analytics, lo scorso anno questo blog ha fatto una frequenza di rimbalzo del 74,57%.
    Motivo? forse perché faccio molto traffico fidelizzato e poco, in proporzione, dai motori. E gli utenti fidelizzati entrano sul “post del giorno”, lo leggono, e escono subito dopo.

    Comunque, se sei interessata alle percentuali di bounce rate, amerai questa grafica: http://blog.kissmetrics.com/bounce-rate/ 🙂

  • grazie mille, hai confermato i miei sospetti… anche un ottimo blog può avere un br alto.
    E sì, sono una infographic-alcolizzata… grazie, questa mi mancava! 🙂

  • Io credo che il vero king sia il tempo.

    E si può lavorare su due versanti:
    facendo risparmiare tempo sgradevole (attese, lavori ripetitivi non appaganti, … google su questo è un maestro), oppure offrendo tempo piacevole (intrattenimento, divertimento, relax, senso di sicurezza, appartenenza …).

    I contenuti non sono altro che un sottinsieme di una delle due tipologie.

    Non sono il king, perché altrimenti non si spiegherebbero tanti casi di prodotti editoriali di successo senza contenuti di qualità, ma che fanno breccia perché comunque riempiono il tempo di un certo pubblico con delle emozioni che cerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy