BeTheBot.com, ovvero come fingersi Googlebot

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Kleecks

Googlebot non assomiglia affatto al robottino illustrato nel disegno qui sopra: è semplicemente lo spider di Google, ovvero l’agente sguinzagliato per il web il cui compito è quello di scansionare quanti più siti possibile, e quindi includerne le pagine all’interno dell’indice del motore di ricerca.
Questo bot vede più o meno quello che noi vediamo quando navighiamo fra le pagine web, ma può anche capitare che veda cose che all’occhio del browser sfuggono (come, ad esempio, contenuti visibili solo se si è registrati a quel determinato sito).
Come fare dunque a vedere quello che vedono gli occhi di Googlebot?
BeTheBot è un sito che può servirci allo scopo: basta introdurre l’URL del sito che ci interessa, e nella parte bassa verrà visualizzata la pagina come Googlebot la vede.
Attenzione: nelle ultime 48 ore BeTheBot è stato preso d’assalto da numerosissime richieste, e potrebbe non essere raggiungibile (una volta si diceva “effetto slashdot”, ora la causa è da imputare a Digg).
Ma non disperate: se volete testare un servizio molto simile, provate “View a Web Page as Googlebot” (che vi consente di impersonificare anche altri crawler, come Alexa, MSN o Yahoo!) oppure, se utilizzate Firefox, potete installare lo User Agent Switcher Extension: buon camuffamento! (essendo nel periodo di carnevale, è pure in tema :-D).

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Work For Equity

Startup innovative: Work for Equity

Tra gli strumenti volti a favorire la crescita delle startup innovative vi è il work for equity una possibilità ancora poco utilizzata dalle società e

Una risposta

  1. Utile! Ho scoperto che avevo dimenticato un immagine con il riferimento relativo e l’ho corretta!

    Tanto per divertirmi poi mi sono messo il vestitino di Opera! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *