Bannati da AdSense, perdono 200.000 dollari!

Quando fui bannato da AdSense avevo pochi euro a credito e non me la presi più di tanto: alla fine (pensai) il ban, per quanto ingiusto, diventerà l’occasione per cercare e testare nuove affiliazioni e nuovi metodi per monetizzare il blog (e così è stato).
C’è invece qualcuno al quale è andata meno bene.
Qualcuno che con Google AdSense di soldi ne faceva (e a palate), e si è ritrovato bannato dal programma un giorno all’altro.
I personaggi in questione (infatti si tratta di 2 ragazzi) sono Henry e Wilson, gemelli venticinquenni di Baltimore, che in questo post hanno raccontato i dettagli della loro “disavventura”: tornati da una vacanza a Los Angeles, si sono trovati l’account AdSense chiuso (presumibilmente a causa di invalid clicks).
Dopo una iniziale fase di stress, depressione e persino pensieri suicidi, di 2 giovani si sono ripresi, riuscendo nuovamente a ricavare parecchi soldi (circa 1.600 dollari al giorno) dai loro siti, grazie a programmi alternativi ad AdSense.

La morale

  • Non utilizzare mai tecniche che vanno contro il regolamento di AdSense: Henry e Wilson non hanno specificato i motivi che han portato alla chiusura del loro account (e probabilmente sono in buona fede), ma è sempre bene seguire alla lettera i consigli inclusi nella pagina “Che cosa posso fare per assicurarmi che il mio account non venga disattivato?” del Centro assistenza clienti AdSense;
  • Non affidarsi mai ad una sola fonte di revenue: se il 100% dei nostri annunci pubblicitari è in mano ad AdSense, l’eventuale ban è in grado di azzerare all’istante tutti i nostri introiti. E’ vero, in molti settore AdSense non ha rivali, ma val la pena di valutare e provare anche altre affiliazioni e network pubblicitari;
  • AdSense banna anche i grandi: Google non ha spiegato i motivi precisi del ban, ma è evidente che i 2 ragazzi gestivano una rete di siti in grado di rendere parecchio (e portare di conseguenza parecchi soldi nelle casse di Big G). Purtuttavia, Google ha optato per la chiusura del loro account AdSense senza offrire molte spiegazioni, dimostrando che nessuno può considerarsi immune dal ban, nemmeno se genera montagne di dollari.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

5 Comments

  • Quali sono questi altri “concessionarei di pubblicità” oltre ad Adsense ? Oxado?… e poi?

  • come farsi chiudere l account da google? facilissimo! abbasta prendere un sito di mira e cliccarci sopra al barner una 20 di volte al giorno x una settimana e lì google stupidamente li considera click illeciti dallo stesso publisher!!

  • Non penso che sia proprio come dici tu. Infatti c’ è gente che dice che se fai 20 click al giorno nei banner di un altro sito (non tuo), chiuderanno cmq il tuo conto.
    I sistemi di google per scoprire i click non validi sono molto sviluppati e non sono tanto stupidi come pensa la gente.

  • Ma non è possibile installare uno script che prevenga tutto questo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy