BackRub, il precursore di Google

backrub
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Kleecks

Nel 1996, prima di Google, Larry Page progettò BackRub, un motore di ricerca con un algoritmo che calcolava i link come voti positivi, un pò con lo stesso approccio dell’attuale PageRank.
Nell’agosto del 1996, il numero degli HTML URLs indicizzati raggiungeva già la bella cifra di 75 milioni, e ben 30 milioni di pagine HTML erano state scaricate dal crawler.
BackRub era scritto in Java e Python, e girava su diverse macchine Sun Ultra e Intel Pentium (con sistema operativo Linux); il database principale era su una Sun Ultra II con 28GB di hard disk.
Nella homepage di BackRub, Larry Page ringraziava Scott Hassan, Alan Steremberg e Sergey Brin per il loro aiuto, e nella FAQ era presente una email (backrub@pcd.stanford.edu) e addirittura il numero di telefono ( (415) 723-3154 ) al quale poter contattare Larry.
Cliccando su BackRub title search demo, si veniva trasportati direttamente sulla demo del futuro Google Search Engine, che sfoggiava questo primordiale logo:

Il primo logo di Google

e questi interessanti dati statistici:

Current Status of Google

Di tutta questa fantastica storia rimangono oggi solamente delle copie cache… per fortuna che esiste http://backrub.c63.be/index.htm

Fonte: Before Google There Was BackRub

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Work For Equity

Startup innovative: Work for Equity

Tra gli strumenti volti a favorire la crescita delle startup innovative vi è il work for equity una possibilità ancora poco utilizzata dalle società e

2 risposte

  1. Io mi ricordo il google delle origini e di averlo usato. Certo che a quel tempo arcaico erano molto più usati “Virgilio”, “Arianna” e al limite “Altavista” e “Yahoo!”. Mi pare che di tutti questi sia sopravvissuto solo yahoo come motore di ricerca vero e proprio.
    Forse il case costruito col lego ha dato l’idea del logo con i caratteri di diversi colori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *