Aumentiamo i visitatori allargando la nicchia

nicchia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Nella scelta del tema per il proprio sito (o il proprio blog), è bene evitare di essere troppo generalisti.
Principalmente per 4 motivi:

  • Gestione
    Non potete essere competenti in tutti i campi: gestire un sito troppo generalista implica un coinvolgimento di diversi collaboratori, ai quali affidare le varie tematiche del sito, con tutti gli svantaggi che questo comporta (+ collaboratori + rogne, specialmente se i soldi da spartire sono pochi…).
  • Concorrenza
    Virgilio, Libero e siti (storici) di queste dimensioni non sono facilmente replicabili: se non avete qualche milione di euro da investire, sarà ben difficile che riusciate a creare, nel 2007, un portalone in grado di competere con tali colossi.
  • Motori di ricerca
    Google, Yahoo! e MSN cercheranno di capire di cosa parla il vostro sito: se parlate ogni giorno di un argomento diverso “disorientate” il motore, che non riuscirà a comprendere il tema del sito (ed eviterà quindi di darvi autorevolezza e rank, specialmente su chiavi competitive).
  • Utenti
    Anche agli utenti piace individuare immediatamente il tema del vostro sito: se un visitatore capita su un blog che parla “di tutto un pò”, difficilmente lo inserirà nei bookmark (o nei feed RSS).

E’ quindi importante scegliere una nicchia, ovvero un argomento ristretto e ben delimitato, e rimanere all’interno di questo ambito.

La scelta della nicchia

Scegliere il tema del proprio sito è facile e contemporaneamente complesso.

  • Facile: perchè basta scegliere un argomento che si conosce a fondo (tutti hanno un hobby o una passione!)
  • Complesso: perchè bisogna trovare una nicchia che non sia satura e supersfruttata (altrimenti si rischia di non raccogliere abbastanza utenti e, di conseguenza, monetizzarla a dovere).

Potreste aiutarvi, ad esempio, cercando di capire cosa manca ai siti che trattano l’argomento che andrete a trattare pure voi.
Oppure copiare (vabbè, diciamo prendere spunto 🙂 ) da siti che van forte all’estero, ma che non esistono in Italia.

Allarghiamo la nicchia!

OK, mettiamo che abbiate trovato la vostra nicchia.
I vostri utenti aumentano pian piano, costantemente, per mesi (o per anni)… poi un bel giorno tutto si ferma: i visitatori non crescono più, rimangono stabili.
Passano i mesi, le stagioni, ma gli accessi rimangono sempre quelli, non riuscite più a crescere.
Che fare in questa situazione?
Significa che è arrivato il momento di allargare la nicchia.
Come fare?
Semplice, dovrete rivolgervi ai settori limitrofi al vostro.
Facciamo un esempio.
Avete un sito che parla esclusivamente di carne di maiale cucinata alla griglia.
Come allargare la nicchia?
Per esempio, parlando di carne di maiale cucinata in altri modi.
Oppure di carne di altro tipo cucinata alla griglia.
Oppure, allargandosi un poco, di birre da abbinare alla carne alla griglia (il binomio carne alla griglia + birra è infatti molto forte).
Insomma, pensate a tutti gli argomenti strettamente legati al topic principale del sito, prendete quelli più affini, e provate ad inserirli.

E ora?

Quando avrete allargato la nicchia, sorgeranno 2 problemi:

Wordlift
  • Aumenterà il lavoro (aumentando gli argomenti da trattare, è chiaro che dovrete produrre più contenuti)
  • Inizieranno le critiche (inevitabilmente, alcuni utenti storici inizieranno a storcere il naso).

Su quest’ultimo punto è doveroso un approfondimento.
Tornando all’esempio di cui sopra, i vecchi utenti “fedeli” alla carne di maiale potrebbe sentirsi traditi dall’inserimento di articoli e post relativi ad altri tipi di carne.
Potrebbero pensare che diminuirete le news sul maiale, concentrandovi invece su quelle del manzo.
Non traditeli!
Fate capire ai vostri aficionados che manterrete inalterata la mole di contenuti storici e, anzi, ne inserirete di nuovi a tutto beneficio del sito e della comunità.

Conclusione

Se volete crescere come utenti unici, pagine visualizzate (e, diciamocelo pure, introiti derivanti da annunci pubblicitari 🙂 ), è necessario allargarsi.
Allargarsi vuol dire trovare sempre nuovi argomenti e temi, anche perchè alcuni ambiti non sono infiniti (=non potrete parlare in eterno, tutti i giorni, di carne di maiale alla griglia).
Iniziate quindi da subito a pensare a nuove nicchie aderenti alla vostra, e cercatevi qualche collaboratore competente in grado di gestirle (a proposito, io son sempre a caccia di qualche buon guest poster 🙂 ).

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

6 Comments

  • Eh si io differenzio vari argomenti spesso incoerenti tra loro, la chiave in comune è solo il computer con il quale scrivo che è sempre lo stesso 😀

    Non sono mai stato capace di tenere ritmi regolari o di postare sempre argomenti dello stesso settore, sono uno scombinato e il blog ne risente sulle visite in quanto difficilmente arrivo al doppio delle pagine viste rispetto al numero di visite uniche in una giornata e questo lascia capire molto 😉

    PS: va bene che si vuole massimizzare il profitto, ma forse non è un po troppo lunga la lista di post correlati?? Ti consiglierei di inserire un collegamento che porta direttamente giu alla sezione dei commenti 🙂

    Reply
  • prova a pensare che chi rimbalza forse non è interessato da quello che scrivi o comunque non piace come scrivi, ad esempio… forse un motovo è proprio questo… sembrano stupidate ma molte volte il problema è proprio li.. poi bisogna vedere l’argomento e a quante persone può interessare…

    in secondo luogo c’è la promozione ed infine (ma non per ultimo) la qualità del contenuto…

    Reply
  • e come si fa per auementare i lettori ?

    quelli mi interessano, chi legge e chi apprezza

    le “visite” non mi interessano, sul serio

    sono solo “hit”, “pageviews”, rimbalzi, scheggie impazzite

    quelle non mi interessano

    mi piace pensare di essere letto, e bon

    Reply
  • Grazie per i preziosi consigli!
    Quello di gestire troppi argomenti è uno dei problemi del mio blog, ma d’altra parte mi piace scrivere ciò che mi passa per la testa, quindi… oggi parlerò di ricette!

    Ciao

    Reply
  • ottimo post… come sempre!

    un’altra cosa secondo me importante (mi sembra che non sia indicata) anche se non riguarda nello specifico l’ambito “nicchia” ma più in generale un blog, ma che tuttavia è molto importante, è la frequenza di post e l’avviso in caso di modifica della stessa…

    quando un blog inizia ad essere interessante nei contenuti e la gente ci si affeziona, con ogni giorno puntuale a quella determinata ora oppure ogni settimana quel giorno, ecc…, una modifica del tempo di post improvvisa fa perdere di rilevanza, e diminuisce la fiducia nel blogger…

    questo l’ho notato e provato in prima persona (sia come blogger che come lettore)

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Aumentiamo i visitatori allargando la nicchia
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi