Matt Cutts annuncia l’aggiornamento del PageRank (e la fine delle penalizzazioni)

“Hey folks, I wanted to let you know that new toolbar PageRank values should become visible over the next few days. I’m expecting that also in the next few days that we’ll be expiring some older penalties on websites.”

Con questo mini-post, Matt Cutts ha annunciato nella giornata di giovedì l’aggiornamento del PageRank (quello visibile sulla barretta, ovviamente…), e la fine di alcune vecchie penalizzazioni che ancora gravavano su certi siti.
E l’update è stato effettivamente notato già dallo stesso giorno su diversi forum esteri, e poco dopo anche in Italia.

Provo ora ad analizzare in dettaglio la frase di Matt Cutts, dividendola in 2 (mettendo da un lato il PageRank, e dall’altro le penalizzazioni).

PageRank

“Volevo farvi sapere che i nuovi valori del PageRank sulla toolbar dovrebbero diventare visibili nei prossimi giorni.”

Matt Cutts, pur senza averne la certezza assoluta (“should”), ha deciso di annunciare l’aggiornamento del PageRank con qualche ora di anticipo.
Dopo lunghe discussioni sull’ipotesi della sparizione del PageRank dalla barretta, e dopo una attesa assolutamente “nella norma” (poco meno di 3 mesi dall’update precedente), il PageRank torna dunque ad aggiornarsi, mostrando ancora una volta di saper catalizzare una notevole attenzione da parte di webmaster e SEO (il post di Matt Cutts ha generato fino ad ora oltre 240 commenti, ed è stato linkato da decine di forum e blog)… Matt sa bene che i SEO amano parlare del PageRank (ecco infatti come autocommenta il suo post: “I figured the SEO industry could use something to discuss, so I thought I’d give people a heads-up about the toolbar PageRanks”).

Una curiosità: contemporaneamente al post di Cutts, Microsoft ha annunciato la sua idea di PageRank.
Il BrowseRank (questo il nome dato da MS al suo algoritmo), si ispira ad un “user browsing graph” (in contrapposizione al “link graph” del PageRank di Google): in pratica, un rank basato sul comportamente dell’utente (per esempio, sul numero di visite che ottiene la pagina, o sul tempo trascorso sulla stessa dagli utenti), invece che sulla quantità/qualità dei link ricevuti.

Microsoft BrowseRank: il PageRank di Microsoft

Penalties

“Mi aspetto inoltre che nei prossimi giorni scadranno alcune vecchie penalizzazioni sui siti web.”

A parte la solita mezza incertezza espressa nella frase (“i’m expecting”), ad una prima lettura non avevo francamente capito se Matt Cutts facesse riferimento alla fine delle penalizzazioni del PR per vendita link (come ipotizzano praticamente tutti, da Search Engine Land (“I assume the penalties refer to the toolbar PageRank massacre that began about ten months ago for selling paid links”) a Search Engine Journal (“Google will be expiring some of the older [PageRank] penalities on websites”)), o alle recenti penalizzazioni in SERP (cosa che credo importi un pò di più della lunghezza della barretta verde…).

“No update to the way that new penalties are assessed; just the expiration of some older ones.” dice Matt Cutts rispondendo ad un utente che chiedeva delucidazioni nel suo recente post.
Sembra quindi che non verranno modificati i criteri con i quali viene abbassato il PR visibile sulla barretta, mentre verranno eliminate alcune vecchie penalizzazioni (forse a chi si è “pentito”, eliminando i paid link?).

Sotto con le interpretazioni 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

6 Comments

  • Ciao Taglia 🙂

    Io in tutta onestà, visto che ho ricevuto aumenti su tutti i fronti stavo pensando si iniziare a “vendere”, sempre molto soft.

    Del tipo che io il widget lo metto, poi se qualcuno me lo chiede… 😀

    Direi che visto che qualche richiesta mi è arrivata specialmente per uno a pr6, ci ho pensato, ma sto cercando di capire se mi conviene il banner o un link testuale.

    Vista la mia tendenza a testare e ad essere sufficientemente paziente, starò a vedere anche se e cosa è più appetibile.

    Non lo faccio di certo per soldi soprattutto se parliamo di TAL o similari, ma soprattutto a scopo di test

    Staremo a vedere

    BacionI!

  • Staremo a vedere quanto questo nuovo algoritmo di Microsoft riuscirà a risollevare le sorti del suo motore sempre più in declino.
    Certo è che incuriosice la storia di “dove prendereranno i valori dei tempi medi di visita”. Si inventeranno anche loro la toolbar acchiappa informazioni?

  • Ciao Taglia,
    ma sbaglio o anche tu hai ricevuto dei miglioramenti in PR, con il tuo blog, prima non stavi a 4?

  • Si, eri a 5, ed anche ora, secondo la barretta della mia toolbar. Io invece sono balzato da un “non disponibile” a 3 con il mio blog: posso ritenermi più che soddisfatto.

  • Se Microsoft lancierà il BrowseRank e lo utilizzerà presto dovrebbero esserci SERP molto più pertinenti e utili agli utenti, perchè è l’utente a valutare meglio di qualsiasi altro spider la pagina inidicizzata.

    Mi stavo chiedendo tempo fa perchè non stessero già facendo in questo modo, credo ci sarà da divertirsi.

    Tuttavia come potenza hardware credo Microsoft abbia ancora da investire molto, lo spider MSN non è così frequente come quello di Google o Yahoo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy