Acquistare e vendere link: occhio!

Andando a proseguire un discorso iniziato nel 2005, Matt Cutts torna sull’argomento text link, con un post dall’eloquente titolo How to report paid links, nel quale viene spiegato in dettaglio come segnalare a Google i siti che comprano o vendono link.
La cosa mi ha lasciato (e non solo a me… basta leggere i commenti al post di Matt Cutts…) un pò perplesso.
Ad oggi, una delle “armi” più potenti per il posizionamento di un sito web rimane (checchè se ne dica) il link: ottenere link spontanei e tematizzati, è infatti garanzia di buon posizionamento nei motori di ricerca, specialmente in Google (che ha basato il suo search engine proprio sul noto algoritmo denominato PageRank).
Purtroppo non sempre è possibile ottenere link di buona qualità (naturali e a tema); ne consegue che, specialmente negli ultimi tempi, è esploso un vero e proprio mercato dei link.
Tale mercato ha 2 facce:

  • il “mercato pubblico”, con tanto di siti ufficiali e tariffe in bella vista;
  • il “mercato sommerso”, fatto da SEO e webmaster che via email e private message sui forum si accordano su termini e condizioni di acquisto/vendita/scambio di link.

Ora Google è interessato in quale modo a tracciare tutto questo business, al punto che Matt Cutts parla addirittura della futura creazione di un apposito form per segnalare chi fa uso di link testuali.
Lo scopo è solo “statistico”, o c’è qualcosa di più? io azzardo 2 ipotesi (pessimistiche):

  • acquisto di link: al link acquistato (e quindi non spontaneo) verrà attribuito un valore (quasi) nullo, azzerando di fatto lo scopo di chi compra link (= scalare i motori ed acquisire PageRank);
  • vendita di link: visto quanto sopra, i prezzi dei link testuali precipiteranno, rimanendo utili solo per portare un pò di visitatori verso il sito linkato.

Certo che almeno la possibilità di fare qualche soldo vendendo link potevano lasciarla… mica tutti sono obbligati ad usare AdSense… oppure si? 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

One Comment

  • d’altra parte un link comprato non “certifica” in alcun modo la qualita’ del sito linkato.. perche’ un motore di ricerca dovrebbe tenerne conto?

    i link si comprano per fregare il motore di ricerca.. che cerca di difendersi.

    Io lo trovo piu’ che legittimo, nonche’ corretto nei confronti dell’utente. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy