50 euro di sconto in cambio di un link

Trascorro da anni parecchio tempo sul web, e (di conseguenza) visualizzo quotidianamente un numero imprecisato di pagine, le quali contengono (generalmente) uno o più banner.
Osservo sempre tali annunci con una certa attenzione, anche se non li clicco praticamente mai… ma poco fa ho visto un leaderboard AdSense davvero “particolare”:

50 euro di sconto in cambio di un link

Stavolta l’ho cliccato, e mi sono ritrovato su questa pagina: si tratta di una promozione ideata dalle agenzie di viaggio Tui.it, che promettono uno sconto (da 20 a 50 euro) sulla prenotazione di una vacanza in cambio di un link.

Promozione ideata dall’agenzia di viaggi, o oculata strategia SEO?

Nelle specifiche indicate sulla pagina, si nota chiaramente la mano di un SEO; si richiede infatti (tra parentesi la mia interpretazione):

  • l’inserimento permanente del link testuale, e da una pagina non secondaria del sito (=il link va messo (a vita?) in una pagina ben linkata e con un PR elevato)
  • l’aspetto del link verrà personalizzato per forme e colori in modo da renderlo in linea con il tuo sito (=il link riprenderà il look&feel del sito, in modo da sembrare naturale (e non acquistato))
  • non vengono considerati siti di personal sharing come spazi messenger, facebox, myspace e simili (=avran voluto dire Facebook, spero 🙂 … comunque il link dovrà essere inserito in un sito di qualità)
  • sono ben accetti i blog con almeno un anno di attività (=un link da un blog aggiornato e “stagionato” fa sempre comodo)
  • le directory possono risultare interessanti solo se qualitativamente e tecnicamente rispettano i requisiti necessari (=un link da una directory che non esegue un minimo controllo editoriale (o peggio da una “spam directory”) non ci serve assolutamente a nulla (o può risultare addirittura deleterio))
  • i link vengono controllati automaticamente per integrità e correttezza [omissis] vogliamo solo che il link approvato rimanga sul sito e non venga modificato (=deve esserci una garanzia circa l’inserimento e la presenza nel tempo del link)

Conclusione

In questi giorni si parla tantissimo di penalizzazioni (vere o presunte) applicate da Google a seguito della vendita di text link.
Ma il marketplace della compra-vendita di link testuali è forte, solido e duro a morire: in settori molto competitivi, come quello dei viaggi e del turismo, procurarsi link tematizzati con un forte trust rimane una delle pratiche più in uso (e uno dei fattori di maggior importanza per un buon posizionamento nelle SERP dei motori).
Google gioca la sua partita (a suon di FUD), i SEO la loro (a suon di link 🙂 ).

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

9 Comments

  • Ciao Davide,

    non dicono nulla di link con nofollow o javascript, o non diretti (es. preceduti da redirect lato server) strana dimenticanza per un provider turistico con sede nella Riviera Romagnola dove ogni giorno si combatte una guerra spietata 😀

  • grazie davide, quindi robin good aveva ragione riguardo la forte penalizzazione che google ha applicato sul suo blog…
    non rimane che attendere questo aggiornamento e vederne i risultati, meno tranquilli saranno quelli che adottano tecniche di textlink nel proprio sito, che fare?? Correre ai ripari e ripulire il sito o affrontare la mannaia del pagerank a muso duro??

  • Da tempo Google sta combattendo la sua battaglia contro i link a pagamento.
    Questo documento, presente all’interno del Centro assistenza webmaster: http://www.google.com/support/webmasters/bin/answer.py?answer=66736 NON parla espressamente di penalizzazioni (dice addirittura “Non tutti i link a pagamento vìolano le nostre istruzioni. L’acquisto e la vendita di link fanno parte normalmente dell’economia del Web, se eseguiti a fini pubblicitari e non di manipolazione dei risultati di ricerca”), ma certamente condanna (e, anzi, invita a segnalare) la pratica della compra-vendita dei link volti a manipolare i risultati delle SERP.
    Ognuno agisca come crede 🙂

  • @flashmotus

    Il temporaneo calo nei posizionamenti di Masternewmedia.org non aveva a che fare con i link a pagamento. Un link in ingresso ad oggi NON può danneggiare un sito, tagliaerbe parla dei link in uscita.

    La questione di Masternewmedia è in parte irrisolta ma le tesi più realistiche riguardano

    – la presenza di testo nascosto
    – una rivalutazione provvisoria da parte di Google del valore dato all’insieme di link interni

    Per quanto riguarda le “penalizzazioni da link” oggi possiamo immaginare soltanto che Google punisca chi dà link a pagamento e chi linka siti spam, quindi non i link in ingresso.

  • In alcuni casi credo che Google possa penalizzarti anche a causa della natura dei link in ingresso.
    Faccio un esempio:
    un sito giovane, debole, con pochi link in ingresso (e quei pochi non rilevanti) viene linkato da un grosso network di siti spam.
    In un caso del genere, Google potrebbe credere che il sitarello faccia a sua volta parte dello spam network, estromettendolo dalle SERP.
    Sul lato opposto, è chiaro che chi possiede un sito stagionato, con un buon trust e forti link in ingresso non possa subire danni se per sbaglio (o intenzionalmente…) viene linkato da risorse spammose.

  • “un sito giovane, debole, con pochi link in ingresso (e quei pochi non rilevanti) viene linkato da un grosso network di siti spam.”

    Non so per il futuro, ma ad oggi dalle prove che ho fatto non ho visto particolari differenze da un sito nuovo privo di link rilevanti: semplicemente non ottiene benefici.

    Poi ci sarebbe molto da dire sulla reale scientificità delle prove che ho fatto…
    Però diciamo che almeno ho rinforzato l’impressione che non succeda nulla 🙂

    Fa eccezione il discorso delle lingue: se su un sito nuovo e debole arrivano molti link da una lingua “sbagliata” allora posso verificarsi dei problemi (come Stefano Gorgoni qualche tempo fa aveva evidenziato).

  • Magari dire che il sito che linka deve essere travel related? no eh…

  • I blogger come fanno a sapere che un sito è spam, se non dopo molto tempo che ha già combinato il guaio.

    C’è in rete un elenco di tutti i siti spam?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy