Come posizionare i banner nell’era del Google Panda

Google Panda e i Banner

I siti web sono pagati dalla pubblicità, ovvero dai banner che ci vedi sopra: la pubblicità è la benzina che fa andare avanti il web, e senza i ricavi generati da questa la maggior parte dei siti e blog che abitualmente frequenti non potrebbe esistere.

I banner sono dunque una cosa buona, ma occhio a non esagerare: Matt Cutts, durante il suo intervento all’ultimo PubCon, ha detto piuttosto chiaramente che Google potrebbe penalizzare le pagine con troppi annunci pubblicitari.

Le posizioni banner prima del Panda

Fino a pochi mesi fa, queste erano le classiche posizioni banner di moltissimi siti web:

Banner posizionati Above the Fold

Con l’arrivo del Google Panda, siti come quello qui sopra sono stati colpiti molto duramente. E pure siti con contenuti di qualità sono stati penalizzati, se includevano un eccesso di banner above the fold. Non so se il sito qui sopra sia stato effettivamente penalizzato dal Panda, ma se così fosse un semplice cambio di layout potrebbe aiutarlo in modo significativo.

1. Annunci pubblicitari come fattore di ranking

I Ranking Factors del 2011 hanno mostrato una correlazione negativa fra il posizionamento e la quantità di annunci AdSense presenti su una pagina.

Successivamente il Panda è stato aggiornato più volte, e probabilmente oggi la correlazione è ancora più negativa di qualche mese fa.

Anche se AdSense non è l’unico player in quel mercato, è quello dal quale i SEO attingono maggiori informazioni. Matt Cutts stesso ha ammesso che il suo team parla col team AdSense per aiutare i webmaster a conformarsi alle linee guida di Google.

In Aprile, dopo il Panda, AdSense ha modificato le sue best practice sul posizionamento degli annunci.

2. Layout a misura di Panda

I nuovi layout consigliati da Google suggeriscono di non posizionare i contenuti below the fold.

I layout secondo Google AdSense

I 2 layout a sinistra sono quelli “buoni” secondo Google, dove una parte dei contenuti è posizionata above the fold; quello a destra invece è sconsigliato, in quanto tutti i contenuti sono in basso e in alto sono presenti quasi esclusivamente annunci pubblicitari.

3. Cerca di equilibrare il tuo template footprint

I banner sono uno dei componenti del tuo sito web. Il template footprint è costituito da tutti i contenuti non univoci che compaiono sulla tua pagina, contrapposti ai contenuti che la rendono unica.

Template Footprint

Cerca di mantenere il più alto possibile il rapporto fra contenuti unici e template footprint. Se non puoi ridurre quest’ultimo, fai almeno in modo di posizionare il contenuto più in alto, nel posto più visibile possibile.

4. Utilizza un posizionamento banner valido anche per il futuro

Le nuove indicazioni date da AdSense nella sua guida vanno bene per il Panda, ma saranno in grado di non creare problemi in futuro?

Il New York Times ha fatto un buon lavoro di bilanciamento fra banner e contenuti. Il loro posizionamento degli annunci pubblicitari è fatto per non infastidire gli utenti, e non li mette a rischio nel caso di eventuali futuri cambiamenti algoritmici.

Le posizioni pubblicitarie del New York Times

Un posizionamento banner troppo aggressivo tende ad allontare i lettori, e quindi può influenzare la frequenza di rimbalzo, il tempo sul sito e le pagine visualizzate. Tutti questi parametri possono avere conseguenze spiacevoli a lungo termine, soprattutto per gli editori che vogliono lavorare sul lungo periodo.

5. Oltre il CTR

E’ vero, l’idea di ottenere più click sui banner spinge i webmaster a metterli principalmente above the fold, ma questo non è l’unico modo per aumentare i guadagni. Se sei un publisher AdSense, dovresti conosce concetti come:

• Coverage
• Cost-Per-Click (CPC)
• Cost Per Impression (CPI o CPM)
• Impression

Tutti questi elementi possono essere ottimizzati per accrescere i ricavi. L’ultimo punto, le impression, è quello più perseguibile dal punto di vista SEO: se produci ottimi contenuti e li promuovi nel giusto modo, puoi fare un sacco di pagine e quindi un sacco di revenue. Negli USA, il solo SuperBowl farà sempre più soldi con la pubblicità di tutte le repliche della Signora in Giallo.

Se vendi spazi pubblicitari, cerca di essere il SuperBowl dei contenuti. Produci i migliori contenuti possibili e immaginabili, e potrai ricavare dalla pubblicità la cifra più alta.

Liberamente tradotto da An SEO Guide to Adsense, Ads and Placement, di Cyrus Shepard.

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

9 Comments

  1. primopremio.net 11 Novembre 2011
  2. Federico Zonca 11 Novembre 2011
  3. Luca 11 Novembre 2011
  4. Stefano 11 Novembre 2011
  5. Angelo Milan 11 Novembre 2011
  6. marco 11 Novembre 2011
  7. Altromondo 11 Novembre 2011
  8. ideativi 16 Novembre 2011
  9. Mik 20 Dicembre 2011

Leave a Reply