La “pubblicità sociale” rende

Social Activity Index

Una ricerca pubblicata alcuni giorni fa da appssavvy rileva che la pubblicità integrata all’interno di attività sociali (social game, applicazioni e siti) è una delle forme più efficaci di digital marketing.

Nello specifico, il report (denominato “Social Activity Index – Measuring the Effectiveness of Social Advertising“) ha mostrato che la “social activity advertising” è efficace quasi quanto la paid search, doppia i rich media e supera di 11 volte la display.

Le performance sono state misurate in base ai dati estratti da 170 campagne di “social activity” americane, utilizzando un indice denominato EDI (Equivalent Display Impressions) che misura la capacità di un formato pubblicitario di creare engagement col brand.

La “social activity advertising” coinvolge quello che il brand comunica in attività che hanno a che fare con i social game, le applicazioni o i siti web. Esempi di queste attività sono l’invio di virtual gift, il giocare un livello sponsorizzato da un brand all’interno di un videogioco, il completare un sondaggio o un quiz, il partecipare ad un photo contest.

Questa tipologia di pubblicità combina il messaggio del brand ad una azione sui social, come il condividere, il “seguire” (su Twitter) o il cliccare “Mi piace” (su Facebook).

Ed è nell’ambito dei social game che vengono registrate le performance più elevate, che arrivano a superare fino a 37 volte l’attività di una campagna display:

L'EDI nei formati pubblicitari sui Social Game

Si è infine notato che il 2,1% dei “social ads” è stato condiviso sui social network (come Facebook e Twitter), aumentando di conseguenza in modo importante il numero di visualizzazioni del messaggio.

Come abbiamo più volte scritto su questo blog, le metriche e i formati pubblicitari dovranno necessariamente evolvere per sopravvivere, e la strada dei social pare essere oggi quella più ovvia.

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

5 Comments

  1. jscm 13 Aprile 2011
  2. Luca 13 Aprile 2011
  3. Ilaria Cardani 13 Aprile 2011
  4. Indamix 16 Aprile 2011
  5. Piero Iacono 23 Aprile 2011

Leave a Reply