Google One Pass, gli editori potranno vendere i contenuti!



A seguito dell’annuncio di ieri circa la nascita di Google One Pass, in molti hanno pensato fosse banalmente la pronta risposta di Google al nuovo servizio di Subscription di Apple, del quale è uscito il comunicato stampa proprio 3 giorni fa.

In realtà One Pass mi sembra sia semplicemente il nuovo nome di Newspass, servizio del quale si parla ormai da ben 7 mesi e che a brevissimo vedremo diffondersi anche in Italia (oltre che in Canada, Francia, Germania, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti).

Le FAQ di Google One Pass parlano di un sistema che permette all’editore di vendere i propri contenuti, scegliendo sia il prezzo che la tipologia di abbonamento: è infatti possibile vendere il singolo articolo, offrire abbonamenti mensili o anche formule “a pacchetto”.

Google lo vede come un nuovo canale per generare entrate, da affiancare a quelli già esistenti (=advertising), e che consente di monetizzare “notizie di altà qualità” (in un’altra pagina del sito vengono proprio chiamate “News Premium”).

La gestione dei pagamenti è (ovviamente) affidata a Google Checkout, e stando a quanto dichiarato da Eric Schmidt “l’intenzione di Google è che i publisher possano tenersi tutti i soldi. Una quota del 10% potrebbe coprire i costi” (lasciando così intendere che all’editore potrebbe rimanere in tasca il 90% del prezzo praticato).

E’ bene precisare che Google One Pass non è aperto a tutti, ma è attualmente limitato a pochi publisher (che possono chiedere l’adesione tramite questo form): solo il tempo decreterà il flop o il successo della formula, ma di certo il fatto che 2 colossi come Google e Apple siano scesi in campo, contemporaneamente, con un modello finalmente alternativo a quello pubblicitario, è un segnale molto forte, che gli editori (ma anche i lettori…) dovranno valutare con grande attenzione.

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

7 Comments

  1. Luca 18 Febbraio 2011
  2. lube12 18 Febbraio 2011
  3. web marketing blog 18 Febbraio 2011
  4. Gregorio 18 Febbraio 2011
  5. stefan marton 19 Febbraio 2011
  6. web agency 20 Febbraio 2011
  7. Enrico Giubertoni 28 Febbraio 2011

Leave a Reply