Previsioni per il Mobile nel 2011

Mobile 2011

Il Mobile è letteralmente esploso nel 2010, grazie all’aumento delle vendite di smartphone, alla crescita di iPad e iPhone [e anche a quella di Android, ovviamente]. I dispositivi mobili sono sempre più potenti, le connessioni dati sempre più veloci e gli sviluppatori stanno ridefinendo i confini di quella che attualmente definiamo una mobile app.

E’ sempre difficile fare previsioni sulla tecnologia a causa della velocità dell’innovazione: questo è vero specialmente per la tecnologia mobile, dove lo scenario può cambiare nell’arco di 6 mesi, figuriamoci in un anno.

Queste sono comunque le previsioni di ciò che potrà accadere nel campo del mobile nel corso del 2011:

1. La “Tablet Mania” raggiungerà il suo culmine

Mark Zuckerberg può anche pensare l’iPad non sia un dispositivo mobile, ma io non sono d’accordo. Definisco la “mobilità” in termini di “portabilità”, non nell’essere “tascabile”.

Molte persone hanno predetto che il 2010 sarebbe stato l’anno del tablet, ma in realtà è stato l’anno di UN tablet, l’iPad. Mi aspetto che l’iPad continui ad avere successo nel 2011, ma finalmente avrà qualche concorrente.

La lezione più importante che chi produce tablet dovrebbe aver capito dall’iPad, è che ciò che conta è la user experience. Lo stiamo già vedendo nelle prime demo del BlackBerry PlayBook e nel tablet di Motorola.

E forse vedremo anche se HP utilizzerà Palm per immettere sul mercato dei tablet con webOS.

2. La condivisione di foto si espanderà ai video

Il boom della condivisione di foto via mobile, guidato da applicazioni come Instagram e PicPlz, è stata una bella sorpresa nel 2010. La somma fra le fotocamere (di migliore qualità rispetto ad un tempo) presenti nei telefoni con la possibilità di condividere foto sulle reti sociali è qualcosa che ha davvero messo d’accordo gli utenti di tutto il mondo.

Diversi smartphone hanno la capacità di registrate video di lunga durata – e i migliori telefoni sul mercato registrano e caricano in qualità HD. Eppure, i video non hanno preso piede allo stesso modo delle foto.

Questo in parte perché, pur migliorando, la qualità di una videocamera di uno smartphone non può sostituire quella di una “vera” videocamera e, molto più importante, la banda necessaria per inviare un video via mobile non è disponibile ovunque.

Ma non appena i principali provider nel mondo passeranno alla tecnologia 4G, il problema della banda sparirà e le cose andranno sicuramente meglio.

Inoltre, le tecnologie di compressione permettono di inviare video da un dispositivo più velocemente, senza sacrificare troppo la qualità. Le aziende che producono sensori per smartphone stanno introducendo modelli che supportano i video in modalità 1080p, il che significa che il full HD su un dispositivo mobile è oramai all’orizzonte.

Forse non vedremo la condivisione di film eguagliare quella delle foto, ma mi aspetto un 2011 grande e migliore per i video.

3. Le app in HTML5 esploderanno

Molti sviluppatori di app – o molte persone che assumono sviluppatori di app – dibattono su come le app debbano essere sulle piattaforme mobile.

La applicazioni native possono sfruttare meglio le funzionalità hardware dei dispositivi e hanno una integrazione più stretta con alcuni dei componenti fondamentali di un sistema operativo mobile, ma le applicazioni web possono essere più facilmente “portate” su altri tipi di dispositivi e possono essere utili dove servono aggiornamenti interattivi e ambienti di test.

Grazie a HTML5 molte di queste funzionalità (anche a livello di sistema) potranno essere sfruttate da una web app. Inoltre gli sviluppatori potranno creare applicazioni basate su HTML5, mantenendo comunque un wrapper nativo per poter usufruire di alcune funzionalità specifiche del dispositivo.

Quando si confrontano le web app di Chrome con le loro controparti di iPad, è facile vedere come una implementazione basata su HTML5 possa essere portata direttamente dentro una web app.

Questa è l’idea di base che sta dietro a toolkit come Appcelerator Titanium, e con sempre più dispositivi con schermi diversi e processori diversi che invadono il mercato, puntare al browser e quindi apportare modifiche per lo specifico dispositivo diverrà cosa sempre più diffusa.

4. Non vedremo Flash sui dispositivi mobile

E’ stato un anno interessante per Adobe: Flash ha resistito alle critiche di Steve Jobs, è stato annunciato da RIM ed è ora disponibile sui dispositivi Android.

Adobe sta facendo un sacco di lavoro per fare in modo di rendere Flash più idoneo per le piattaforme mobile; il problema è che i contenuti in Flash devono essere riottimizzati.

Per molti sviluppatori o aziende, se un sito necessita comunque di una revisione, è meglio a questo punto adottare HTML5 che funzionerà su una gamma molto ampia di piattaforme mobile.

Flash 10.1 ha subito parecchi miglioramenti e la versione 10.2 sarà ancora meglio, ma non penso che Flash stia per diventare una tecnologia adottata in modo massiccio nel mondo mobile.

Questo non vuol dire che Flash sia morto, ma HTML5, CSS3, JavaScript e altre librerie native hanno uno spazio in ambito smartphone/mobile che difficilmente verrà usurpato da Flash.

Liberamente tradotto da: Predictions for Mobile in 2011, di Christina Warren.

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

Tags:

2 Comments

  1. Mario 30 Dicembre 2010
  2. web marketing blog 2 Gennaio 2011

Leave a Reply