La Filosofia DAO

DAO e tutto internet

Dao, dal cinese “via”, “strada”, “percorso”, “metodo”, è il concetto principe della filosofia cinese che da più di duemila anni influenza e permea non solo questa cultura ma anche buona parte del sud est asiatico. Una filosofia di vita, un insieme di concetti, regole, teorie, diventati poi disciplina, guida di vita e di governo, un modus vivendi ed operandi.

Come nella filosofia del Dao, anche nel mondo digitale è presente un DAO, acronimo di Digital Asset Optimization, ma pur sempre un percorso, una ricerca, un metodo e direi anche una filosofia di vita, che vuole approcciare il digitale in un modo tutto nuovo e libero, senza alterare le sue infinite potenzialità che continuano ad influire e trasformare non solo la nostra vita relazionale, ma anche la nostra interazione con gli strumenti tecnologici.

Recentemente Wired è uscito con un’articolo in prima pagina dal titolo “Il Web è morto”. Dopo soli venti anni dalla sua nascita, il giovane www è già in declino? Io credo non alla sua morte, ma certamente siamo davanti ad un cambiamento, ad una rivoluzione.
Da qui la mia Filosofia DAO è: Ottimizzare tutta la comunicazione digitale in tutte le sue forme, testo, audio, video ed immagini.

Perchè la DAO non è l’evoluzione della SEO

Nel 2008 durante uno speech ad un convegno iniziai a parlare di “DAO”, ed inizialmente pensavo alla ottimizzazione in funzione della Universal Search, ma poi ho cambiato opinione. Perchè?

La SEO come dice l’acronimo stesso è Search Engine Optimization, quindi solo motori di ricerca, e solo web. La DAO oltre al web tutto quello che è Digitale, quindi non solo web ma anche oltre e non solo Pull ma anche Push.

Cerchiamo di chiarire meglio. La SEO, per sua definizione si occupa solo di Search, quindi della componente “Pull”, ovvero quello che è appunto ricercato nei motori. Ottimizzare un sito o se estendiamo anche alla Universal Search, ottimizzare immagini, video, testo quindi news e blog, microblog per essere trovati nella ricerca nei motori.
Questo banalmente già ci mette nelle condizioni di creare un keyset volto principalmente alle ricerche. La famiglia semantica sarà conseguentemente quella della ricerca (Pull).

Uno degli obiettivi di un motore è dare risposte alle domande formulate. Mi spiace citare come esempio ASK che si poneva esattamente in quest’ottica. Mi spiace citarlo perché ne è stata appena annunciata la chiusura 🙁 . In ogni caso, le persone cercano e spesso scrivono domande, nei contenuti si scrivono risposte.

Ma nell’ambito digitale c’è un’altra componente ed è “Push”! La comunicazione digitale in fase di lancio di un nuovo prodotto o servizio, una novità che per definizione non può essere cercata se non esisteva. Il display (banner, adsense ecc) per esempio ne è una componente importante anche in termini di investimenti, ma non è l’unica. La televisione digitale, i giochi (video games), Product Placement (pubblicità nei film) ecc ecc. la strategia Pull stimola le persone a ricercare, prodotti, servizi, luoghi ecc.

Vi faccio un esempio: dopo la pubblicità di una “nota” auto 🙂 le persone hanno cercato il titolo della canzone della colonna sonora dello spot.
La canzone “meravigliosa creatura” è stata trasmessa per la prima volta dalle radio il 1 gennaio 1995, ma se guardate Google Trends cosa accade verso fine gennaio, che fa salire così le ricerche? Accadde che il 31 gennaio 2007 viene presentato lo spot ed ecco il picco.
La DAO inoltre comprende anche tutti i servizi proposti oggi per i devices (palmari, smartphone, cellulari, tablets ecc) – le Apps (Applications), che non sono web, sono estesi ad internet nella sua totalità.

Altro esempio: se utilizziamo Google Insights e cerchiamo “ipad” e “iphone”, noterete che applicando tutti i filtri, in ogni uno di essi la parola “ipad” è stata cercata a partire da gennaio 2010 ovvero dopo l’annuncio del nuovo prodotto. Quindi in ottica SEO se avessimo fatto la ricerca durante il 2009 non avremmo preso in considerazione iPad come chiave che genera interesse nell’ambito newtec! Bella scoperta!! Direte voi. Beh ma quante volte siete coinvolti prima del lancio di un prodotto? Quante volte siete seduti al tavolo che studia la strategia di marketing di un nuovo prodotto o servizio?

La SEO viene ancora percepita come un’attività da fare “dopo”, una “cosa” che si applica … come se fosse un’accessorio, lo so che è sbagliato, ma è così.

La DAO è invece avendo un’approccio totalmente diverso si pone come un’attività integrata a tutti i processi strategici della comunicazione sia pull che push. Quindi in estrema sintesi:

SEO = Search Engine Optimization = WebPull
DAO = Digital asset optimization = Internet (web) + Digital, Pull e Push

Autore: Cesarino Morellato, per il TagliaBlog.

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

Tags:

17 Comments

  1. Fabio Malamocco 17 Novembre 2010
  2. Giovanni 17 Novembre 2010
  3. Mik 17 Novembre 2010
  4. Cesarino 17 Novembre 2010
  5. Alessandro Sportelli 17 Novembre 2010
  6. Alessandro Sportelli 17 Novembre 2010
  7. Tagliaerbe 17 Novembre 2010
  8. Renato 17 Novembre 2010
  9. Cesarino 17 Novembre 2010
  10. fradefra - consulente web marketing 17 Novembre 2010
  11. Renato 17 Novembre 2010
  12. Mik 17 Novembre 2010
  13. fradefra - consulente web marketing 17 Novembre 2010
  14. Paolo - Web Marketing 18 Novembre 2010
  15. Elena 18 Novembre 2010
  16. monica 18 Novembre 2010
  17. Alessandro Casto 9 Dicembre 2010

Leave a Reply