Cosa ho imparato fondando 3 startup

Startup

Jason Goldberg è un imprenditore seriale, investitore e advisor in parecchie tech company, attivo dal 1999.

Il suo motto è “ship it”: fai le cose in fretta, dalle alle persone, ottieni il loro feedback, e ricomincia.

Durante la sua lunga carriera nel mondo delle startup ha imparato moltissime cose; queste sono le sue 57 lezioni:

1. Costruisci qualcosa che ti appassiona davvero. Sei tu il tuo migliore focus group.

2. La user experience è molto importante. La maggior parte dei prodotti fallisce perché gli utenti non riescono a capire come trarne valore. Molti prodotti falliscono perché sono troppo complessi.

3. Sii tecnico. Non devi saper scrivere il codice, ma devi capire come è fatto e come funziona.

4. Il CEO di una startup deve, deve, deve essere il product manager. Deve avere pieno possesso delle funzionalità della user experience.

5. Fai una lista di priorità delle feature. Due feature non sono mai uguali fra loro. Non puoi fare tutto in una volta. Prioritizza.

6. Usa un sistema di bug tracking e gestisci religiosamente il suo sviluppo/gestione.

7. “Ship it”. Non saprai mai quanto è buono il tuo prodotto fino a quando non l’avrà toccato una persona, e ti avrà dato il suo feedback.

8. “Fai in fretta e fai spesso”. Non preoccuparti di aggiungere altre feature. Parti con le funzionalità minime e inizia a raccogliere feedback dagli utenti. Ottieni feedback, ripeti il processo, e fai la prossima versione e poi ancora la prossima il più velocemente possibile. Se ci metti più di 3 mesi per rilasciare la tua prima versione vedibile, ci stai mettendo troppo. Rilascia piccole cose settimanalmente, se non più volte la settimana. Rilascia versioni significative ad intervalli di 3 settimane.

9. L’unica cosa che conta è quanto è buono il tuo prodotto. Tutto il resto è rumore.

10. L’unico giudice di quanto è buono il tuo prodotto è quanto gli utenti lo utilizzano.

11. Pertanto (sommando la 9. con la 10.): nei primi giorni il fattore determinante del tuo futuro successo è il “supporto”. Trascorri la maggior parte del tuo tempo per capire come arrivare agli early adopter e come ottimizzare tutto in funzione del supporto. Il supporto genera più supporto.

12. Stai andando molto bene se il 50% di quello che hai originariamente pianificato si è effettivamente realizzato. Segui i tuoi utenti, per quanto possibile.

13. Ma non basarti su quello che ti dicono i focus group. I focus group possono dirti cosa sistemare e ti aiutano ad identificare cose potenzialmente interessanti (da affinare successivamente), ma è necessario che tu capisca come sintetizzare questi input e da dove prendere i tuoi utenti.

14. La maggior parte delle persone usa massicciamente solo 5-7 servizi. Se vuoi creare un prodotto importante e un grosso business, devi capire come essere uno di quei 5-7 servizi, il che significa catturare il fascino, l’entusiasmo e la fiducia dei tuoi utenti. Devi offrire ai tuoi utenti una ragione reale per dedicarti del tempo.

15. Cavalcare l’onda o creare un nuovo mercato? Se ti è possibile, buttati dentro una tendenza emergente e guidala.

16. Trova un “sherpa”. Un sherpa è qualcuno che lo ha fatto prima di te – ha raccolto fondi, ha stretto accordi, ha lavorato con le startup. Dai a questa persona l’1-2% della tua azienda, in cambio del suo tempo. Facci affidamento per farti aprire le porte a futuri investitori. Usala come cassa di risonanza per sviluppare la tua azienda. Non farlo con un consiglio d’amministrazione. Gli advisory board non servono poi così tanto. Trova una persona, fanne il tuo sherpa e appoggiati a lui.

17. Lavora al tuo progetto con le migliori persone possibili, indipendentemente da dove si trovino.

18. Telelavora, ma sii disposto a viaggiare per coordinare fra loro gli uffici remoti. La collaborazione online può durare al massimo 3-4 settimane di fila, il che significa che devi impegnarti a viaggiare quasi ogni mese.

19. Lavora con le persone che ti piacciono. Non ha senso fare la guerra con persone che non ti piacciono.

20. Lavora con persone delle quali hai fiducia, come una famiglia.

21. Lavora da casa il più a lungo possibile.

22. Posiziona la tua scrivania in modo che tu possa vedere gli altri, e gli altri possano vedere te. Se sono persone alle quali non piace guardarsi tutti i giorni, stai lavorando con le persone sbagliate.

23. Utilizza un tool come Yammer per condividere internamente le cose sulle quali si sta lavorando. E’ più facile per molte persone (specialmente per gli sviluppatori) pubblicare uno status update, piuttosto che scrivere una email.

24. Utilizza un servizio di condivisione file come Basecamp. E’ possibile per chiunque tenere traccia di ogni file inviato alla propria casella di posta elettronica. Usa quindi Basecamp sia per tenere una history che come repository centralizzato.

25. Capisci in fretta in cosa sei bravo e concentra il tuo tempo su quelle attività. Lascia che gli altri facciano il resto.

26. Circondati di persone in grado di riempire le tue lacune. Lascia fare loro le cose che che san fare meglio di te. Non fare il loro lavoro.

27. Lavora con persone più intelligenti di te (in certi campi).

28. Lavora con persone che discutono con te, e che ti dicono di no.

29. Sii disposto a combattere duramente durante la giornata lavorativa, ma riappacificati quando torni a casa.

30. Lavora con persone che amano lavorare alla soluzione dei problemi. La passione per creare un business non è sufficiente; ci deve essere la passione per i tuoi clienti e per risolvere i loro problemi.

31. Fai in modo che le persone che ti sono vicine ci mettano la stessa cura che ci metti tu.

32. Sii leale. “Coltiva” e “forma” le persone, piuttosto che aggredirle.

33. Non sei mai nel giusto come pensi di essere.

34. Vai in palestra e/o corri almeno 4 volte a settimana. Mantieni il tuo corpo in forma, se vuoi mantenere la tua mente in forma.

35. Non bere sugli aerei se non nel caso di viaggi più lunghi di 8 ore. Ti rovina e ti fa perdere tempo.

36. Scegli i tuoi investitori in base a con chi vuoi lavorare, con chi vuoi essere amico, e con chi vuoi ricevere consigli.

37. Non scegliere i tuoi investitori solo in base alla valutazione economica. Un paio di punti di dilution non sono un problema sul lungo periodo, lo è lavorare con le persone giuste.

38. Recupera la minor somma possibile per partire. Sforzarsi a lavorare con budget risicati ti indurrà a spendere ogni tuo dollaro come se fosse l’ultimo.

39. Una volta che hai ottenuto qualche forma di supporto, raccogli più soldi di quanti necessiti ma non più di quelli che sai che ti servono. Questo è un punto difficile. Non lesinare sul fundraising per i timori di una dilution.

40. Spendi ogni tuo dollaro come se fosse l’ultimo.

41. Sii consapevole del tipo di azienda che stai tentando di costruire. Ci sono ben poche Google e ben poche Facebook. Un buon risultato potrebbe essere una exit di 10, 20, 100 milioni, o anche non fare alcuna exit. Pianifica il business che vuoi costruire. Non puntare solo alla Luna: possedere il 20% di una exit da 20 milioni di dollari in 2 anni è molto meglio che possedere il 3% di un business da 100 milioni di dollari in 5 anni.

42. Cerca di capire se il tuo business è un business da Venture Capital oppure no. un VC si aspetta di restituire il 10x agli investitori. Significa che se prendi 5 milioni l’aspettativa e di fare una exit da 50. Se i milioni sono 10 l’obiettivo è 100. Questo non vuol dire che non puoi vendere la società per meno e le persone coinvolte non ne siano felici se ci riesci, ma solo che quando firmi con un VC devi sapere cosa si aspetta. Conosci queste implicazioni significa comprendere le aspettative che il VC ha su di te.

43. Assicurati che i tuoi obiettivi siano allineati con quelli dell’investitore. Il business avrà successo solo se sei motivato. Gli investitori non possono darti queste motivazioni. E non possono certamente forzare un CEO ad occuparsene.

44. Le conferenze sono solitamente una perdita di tempo.

45. Sorridi. Ridi. Indossa calze buffe. Io indosso calze buffe per ricordare a me stesso di non essere noioso ma creativo.

46. Fai qualcosa, qualsiasi cosa che mostri che non sei solo un robot. Fai in modo che le persone possono conoscerti per quello che davvero sei.

47. Fai luce sui tuoi problemi.

48. Indossa la maglietta della tua azienda ovunque.

49. Sii il tuo servizio clienti.

50. Racconta una bella storia.

51. Ma non mentire. Mai.

52. Trova l’ispirazione nelle persone che ti circondano.

53. Divertiti tutti i giorni. Se non lo trovi divertente, smetti di farlo.

54. E’ vero ciò che dicono nelle vendite, sei solo buono come la tua ultima vendita.

55. Commetti degli errori, ma impara da questi. Io ne ho commessi a centinaia.

56. Matura, ma non crescere.

57. Non mollare mai.

Liberamente tradotto da 57 things I’ve learned founding 3 tech companies, di Jason Goldberg.

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

Tags:

28 Comments

  1. emanuele tha 10 Novembre 2010
  2. Riccardo 10 Novembre 2010
  3. Recupero domini in scadenza 10 Novembre 2010
  4. Duccio 10 Novembre 2010
  5. Paki90 10 Novembre 2010
  6. Ludovico 10 Novembre 2010
  7. BraGiu 10 Novembre 2010
  8. Marco 10 Novembre 2010
  9. andrea 10 Novembre 2010
  10. Guido Alberti 10 Novembre 2010
  11. Giuseppe 10 Novembre 2010
  12. yeswebcan 10 Novembre 2010
  13. Valentino 10 Novembre 2010
  14. Matteo Mucchetti 10 Novembre 2010
  15. Lorenzo 10 Novembre 2010
  16. Ascoltare Musica Gratis 10 Novembre 2010
  17. Stampa Foto 10 Novembre 2010
  18. applicazioni facebook 10 Novembre 2010
  19. applicazioni facebook 10 Novembre 2010
  20. Icaro 10 Novembre 2010
  21. Emanuele 10 Novembre 2010
  22. Mik 10 Novembre 2010
  23. Mik 10 Novembre 2010
  24. Pigi 11 Novembre 2010
  25. Johnnie Maneiro 11 Novembre 2010
  26. andrea 12 Novembre 2010
  27. Jacopo 13 Novembre 2010
  28. Ricambi Fiat 500 14 Novembre 2010

Leave a Reply