L’iPad cambierà l’editoria online?

L'evoluzione dell'editoria

Negli ultimi mesi ho letto un sacco di notizie che continuano ad avanzare ipotesi su come sarà il futuro dei giornali, non solo di quelli offline (spesso moribondi) ma anche di quelli online, che faticano a trovare un modello di business convincente ed economicamente redditizio.

Nello specifico mi sono capitati 2 articoli all’apparenza diversi, ma legati dello stesso filo conduttore, che possono aiutarci a tracciare una prima sommaria bozza di questo discusso e controverso tema:

1. Murdoch: editoria sulla cresta dell’onda con la tavoletta (ovvero il magnate australiano innamorato di iPad e che crede che i tablet rappresenteranno il futuro dei giornali).

2. Tramonta l’era del Libero Web (ovvero il rumor secondo cui il direttore di Wired Chris Anderson si appresterebbe a titolare “Il Web è morto?” sul prossimo numero della rivista).

Il filo conduttore che lega i 2 pezzi è, ovviamente, quello dei contenuti (che dovranno diventare prima o poi) a pagamento, e anche quello di un cambio di strategia che alcuni grossi publisher si stanno apprestando a mettere in atto.

Partiamo da questo strano “infoiamento” per l’iPad (e più in genere per i tablet). Perché catalizzano l’interesse di imprenditori come Murdoch o di gruppi editoriali come Condé Nast? la risposta non è semplice, ma la riassumerei così: il tablet può essere visto come il trait d’union fra la carta e il web. Lo prendi in mano come un libro, lo usi leggi comodamente sul divano come un giornale, e soprattutto NON lo utilizzi passando dal browser, ma principalmente dalle app.

Ed ecco che queste app possono “reinventare” la navigazione e la lettura sul web, che non avviene più all’interno del solito “quintetto” (costituito da Internet Explorer, Firefox, Chrome, Safari o Opera), ma prende nuova linfa vitale all’interno di una applicazione dedicata.

Anche il sottoscritto, prima di acquistare un iPad, era scettico circa certe app… mi domandavo: “Cosa potranno avere mai di diverso da un feed reader?”. Poi ho installato Flipboard e mi sono ricreduto:



L’app qui sopra (gratuita) crea una lettura coinvolgente e allo stesso tempo rilassata, così come l’app di Wired, bellissima anche se da molti contestata in quanto zeppa di pubblicità:



Il passaggio, delicatissimo, è infatti quello di riuscire a far pagare la “versione app” della rivista, e comunque guadagnare anche dagli introiti pubblicitari (innovativi e magari più remunerativi) inseriti nell’applicazione.

Casi di successo? pochissimi, ma sicuramente fan riflettere i 2,4 milioni di dollari fatti dall’app iPad del WSJ.

Per gli editori sarà un autunno caldo, puoi scommetterci.

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

32 Comments

  1. Mik 9 Agosto 2010
  2. Mauro G. Meli 9 Agosto 2010
  3. Mik 9 Agosto 2010
  4. stefan marton 9 Agosto 2010
  5. Mauro G. Meli 9 Agosto 2010
  6. Tagliaerbe 9 Agosto 2010
  7. Mik 9 Agosto 2010
  8. andres 9 Agosto 2010
  9. Mario 9 Agosto 2010
  10. Tagliaerbe 9 Agosto 2010
  11. Davide 9 Agosto 2010
  12. Mauro 9 Agosto 2010
  13. Tagliaerbe 9 Agosto 2010
  14. Mauro 9 Agosto 2010
  15. Tagliaerbe 9 Agosto 2010
  16. Mauro 9 Agosto 2010
  17. Mik 9 Agosto 2010
  18. Tagliaerbe 9 Agosto 2010
  19. Marco Toscano 9 Agosto 2010
  20. Riccardo Campaci 9 Agosto 2010
  21. Mauro G. Meli 9 Agosto 2010
  22. deart 9 Agosto 2010
  23. Riccardo Campaci 9 Agosto 2010
  24. Tagliaerbe 9 Agosto 2010
  25. andres 9 Agosto 2010
  26. andrea 9 Agosto 2010
  27. Pigi 10 Agosto 2010
  28. andres 12 Agosto 2010
  29. Tagliaerbe 14 Agosto 2010
  30. andres 19 Agosto 2010
  31. Tagliaerbe 19 Agosto 2010
  32. domenico 13 Ottobre 2011

Leave a Reply