Occhio ai commenti spammosi!

Commento spammoso

Ricordi quando a giugno parlai di un caso di penalizzazione da commenti spammosi (anche se questi avevano l’attributo rel=”nofollow”)?

Ebbene, 5 mesi dopo Google ha ufficialmente chiarito gli Hard facts about comment spam in un post comparso sull’Official Webmaster Central Blog: traduciamolo e commentiamolo insieme.

E’ probabilmente successo anche a te: stai leggendo un articolo o guardando un video sul web, e ti trovi davanti a dei commenti stupidi, senza senso. Si tratta di webmaster che “abusano” di altri siti sfruttando il campo dei commenti, postando una infinità di link che puntano alle loro pagine nel tentativo di ottenere un posizionamento migliore per il loro sito. In alcuni casi, l’approccio è quello di inviare un commento generico (del tipo “Bel sito!”) con nell’ancora un nome commerciale ed un link al loro sito.

Perchè ciò è negativo?

Principalmente per 2 motivi:

– abusare del campo commenti di un sito “innocente” è un modo brutto e rischioso di ottenere link per il tuo sito. Se scegli di farlo, macchi il duro lavoro di altre persone ed abbassi la qualità del web, trasformando una risorsa dal buon potenziale in un elenco di parole chiave senza senso.

– i commenti spammosi sono spesso il tentativo di migliorare il posizionamento organico del proprio sito mediante la creazione di inbound link. Ma Google comprende la struttura dei link sul web, e il suo algoritmo è in grado di scoprire ed affrontare questi tentativi di alterazione. Uno spammer potrebbe passare ore a mettere link che verranno considerati poco o nulla, perchè Google è in grado di svalutare questo genere di link. Pensa a tutte le cose più produttive che si potrebbero fare avendo a disposizione quel tempo e quell’energia, cose che forniscano un valore per il proprio sito sul lungo periodo.

Promuovi il tuo sito senza far uso dei commenti spammosi

Se vuoi migliorare la visibilità del tuo sito nelle SERP, i commenti spammosi non sono certamente la strada da percorrere. Pensa invece ad offrire agli utenti ciò che stanno cercando, come informazioni e strumenti utili.

Avere contenuti originali e utili e rendere il tuo sito search engine friendly sono la miglior strategia per un miglior posizionamento. Con un sito “attraente” e interessante, verrai riconosciuto dalla community come una fonte affidabile, e i link verso il tuo sito cresceranno in modo naturale.

Inoltre, Google ha reso disponibile una guida SEO con una lista di consigli per migliorare crawlability e indexability del proprio sito web.

Come faccio ad evitare lo spam sul mio sito?

I commenti possono essere un’ottima fonte di informazioni e un modo efficace per coinvolgere gli utenti nella discussione. Questi contenuti di valore non possono essere sostituiti da link e parole chiave stupide e senza senso. Ecco alcune tecniche per mettere in sicurezza il proprio sito e disincentivare gli spammer:

– disabilita i commenti anonimi
– usa i CAPTCHA o altri sistemi che possano prevenire commenti automatici
– abilita la moderazione dei commenti
– usa l’attributo “nofollow” per i link inclusi nei commenti
– disabilita i link nei commenti
– blocca le pagine dei commenti usato il robots.txt o i meta tag

Per ulteriori informazioni, consulta questa pagina.

Il mio sito è pieno di commenti spammosi, cosa posso fare?

Non è mai troppo tardi! Non lasciare che gli spammer possano rovinare l’esperienza degli altri tuoi utenti. Adotta le misure di sicurezza indicate qui sopra, e spendi un pò di tempo per eliminare i commenti spammosi e bannare gli spammer dal tuo sito. A dipendenza della piattaforma che utilizzi, potresti risparmiare del tempo bannando gli spammer e rimuovendo i loro commenti tutti in una volta, piuttosto che uno ad uno.

Se ho spammato tramite i commenti presenti su altri siti, cosa posso fare?

Se hai utilizzato questo approccio nel passato e vuoi risolvere il problema, dovresti dare una occhiata ai link in ingresso nei Webmaster Tools. Per fare ciò, entra nella sezione Il tuo sito sul Web -> Link che rimandano al tuo sito. Controlla i link “sospetti”, provenienti da blog o altre piattaforme che consentono i commenti. Se vedi un link spammoso che hai creato tu (su qualche tuo sito), prova ad eliminarlo, altrimenti contatta il webmaster e chiedigli di rimuoverlo. Una volta che hai eliminato tutti i link spammosi che hai messo in giro, puoi compilare una richiesta di riconsiderazione.

Concludendo

I commenti spammosi possono causare danni, sia se è il tuo sito a riceverli, sia sei tu a metterli su altri siti (per puntarli verso il tuo): queste sembrano essere le conclusioni alle quali sono giunti rispettivamente Search Engine Roundtable (che titola Google: Comment Spam Can Hurt Your Site’s Ranking) e Search Engine Journal (Google Says Spamming Other Sites Can Lower Site Ranking).

Personalmente sono dell’idea che:

– per il proprio blog, sia meglio agevolare in tutti i modi i commenti, e quindi applicare la moderazione umana a posteriori: mettere troppi filtri prima che un lettore possa commentare può essere “frenante”.
– commentare su altri blog/forum, è utile solo quando si ha qualcosa di davvero buono da dire: un commento deve impreziosire il sito che lo riceve, fornire un arricchimento alla discussione, lasciare una buona impressione di te e in ultima analisi incuriosire chi legge il tuo commento al punto da cliccare il link che hai messo nel form/in firma.

Secondo te?

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

Tags:

13 Comments

  1. gaianorm 1 Dicembre 2009
  2. Paki90 1 Dicembre 2009
  3. Francesco Caruccio 1 Dicembre 2009
  4. ------ >>>>> Francesco Martino 1 Dicembre 2009
  5. Enrico Altavilla 1 Dicembre 2009
  6. Paolo Leonardi 1 Dicembre 2009
  7. Gae79 1 Dicembre 2009
  8. Lorenzo 1 Dicembre 2009
  9. KDeP 1 Dicembre 2009
  10. Filippo A. 1 Dicembre 2009
  11. ------ >>>>> Francesco Martino 2 Dicembre 2009
  12. Super_Seo 2 Dicembre 2009
  13. DoZ 3 Dicembre 2009

Leave a Reply