Google Checkout store gadget, l’ecommerce di Google

Google Checkout store gadget

Se sogni da tempo di lanciare il tuo piccolo ecommerce, ma hai sempre accantonato l’idea per problematiche economiche o tecniche, ora Google ha la soluzione che fa per te.

Sto parlando di Google Checkout store gadget, sistema che ti permette di creare un online store in 5 minuti, in 3 semplicissimi passaggi:

1. Crea un account merchant su Google Checkout
2. Inserisci i prodotti che vuoi vendere in un foglio di calcolo di Google Docs (seguendo questo template)
3. Embedda il tuo store in qualsiasi sito web, con la stessa semplicità con cui embeddi un gadget. Il gadget potrà essere di 3 misure: Large (800×400),

Esempio di Google Checkout store gadget Large (800x400)

Small (320×300)

Esempio di Google Checkout store gadget Small (320x300)

o Tiny (215×250)

Esempio di Google Checkout store gadget Tiny (215x250)

Cosa penso

PayPal non ha mai temuto la concorrenza di Google Checkout, ma il neonato store gadget, con la sua disarmante semplicità, potrebbe forse riuscire a portar via quote nel territorio dei servizi business di PayPal.

Certamente il setup è molto più semplice dei vari osCommerce o Zen Cart, e probabilmente il servizio potrà interessare le micro-aziende con un catalogo di pochi prodotti o i piccoli e piccolissimi editori: mi vedo, ad esempio, il blogger che ha scritto alcuni ebook e vuole trovare il modo di metterli “in vetrina” e quindi monetizzarli 🙂

Purtroppo però, se stai già pensando al setup del tuo nuovo luccicante shop, devo darti una grossa delusione: Google Checkout store gadget è disponibile per ora solo negli USA.

UPDATE: il 10 Luglio 2015, Google ha completamente eliminato ogni riferimento a Google Checkout store gadget dal sito di Google Labs…

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

7 Comments

  1. Giorgio Marandola 4 Agosto 2009
  2. Alessandro Sportelli 4 Agosto 2009
  3. Bingoogle 4 Agosto 2009
  4. Alessandro Sportelli 4 Agosto 2009
  5. Bingoogle 4 Agosto 2009
  6. Roberto Fumarola 5 Agosto 2009
  7. Antonio 9 Ottobre 2010

Leave a Reply