PageRank (Sculpting) e Nofollow: le cose (forse) son cambiate…

Esempio di PageRank Sculpting :-)

“L’attributo rel=”nofollow” continua a bloccare il trasferimento del PageRank attraverso quel particolare link. Ma non crea più un aumento del PageRank che viene trasferito agli altri link presenti nella pagina. Il PageRank “bloccato” ora cade all’interno di un “buco nero”.
L’uso del PageRank sculpting contribuirà a mantere il rank delle pagine su cui è applicato, ma non aiuterà il rank delle altre – e questo è uno dei motivi per cui i webmaster utilizzano questa tecnica sui link interni”.
(tedster, dal thread Google Changes Treatment of PR ‘Saved’ by rel=nofollow Sculpting).

In questa frase c’è il perfetto riassunto di come (forse) è cambiato da qualche giorno il modo con cui Google ha deciso di trattare il nofollow, causando una vera e propria bufera dell’ambiente SEO. Ma analizziamo i fatti.

Cos’è il PageRank Sculpting?
Partiamo innanzitutto dalla definizione: il PageRank Sculpting (o Siloing) è la tecnica che consente di far fluire il link juice verso le pagine del nostro sito che riteniamo più importanti, escludendo quelle meno interessanti. Deve la sua diffusione all’introduzione del nofollow, attributo che permette in modo molto semplice di dire al bot di non seguire la risorsa linkata e di non considerarla ai fini del rank. In altre parole, il SEO “scolpisce” il proprio sito eliminando (dalla vista dei bot) le pagine inutili, dando invece maggior risalto a quelle che vuol posizionare meglio nelle SERP. Ecco una bella immagine esemplificativa:

Semplice esempio di PageRank Sculpting

What are your views on PageRank sculpting?



In questo recentissimo video, Matt Cutts parla di come ognuno ha il diritto di fare ciò che vuole col suo sito web, incluso il controllo di come il PageRank fluisce all’interno del sito. Cutts, è vero, afferma che il PageRank sculpting non è la prima cosa su cui focalizzarsi: meglio lavorare sul prendere più link e sullo sviluppare contenuti di alta qualità.

Ma comunque NON condanna la pratica del PageRank sculpting, anzi: in diversi punti del video Cutts sottolinea proprio la possibilità di utilizzarlo per dare maggior rilevanza ad una pagina piuttosto che ad un’altra. Eppure, solo pochi giorni dopo, le cose sono cambiate profondamente.

Il vecchio e il nuovo PageRank, e gli effetti sul “nofollow sculpting”
Per chi non avesse compreso bene l’esempio in testa a questo post, l’immagine qui sotto (tratta da Google (Maybe) Changes How the PageRank Algorithm Handles Nofollow) servirà a dipanare ogni dubbio:

Nofollow e PageRank

“Facciamo questo paragone. Immagina che il valore del tuo PageRank sia denaro, e in particolare che hai 10 dollari da poter spendere. Se linki 10 pagine, ad ognuna dai 1 dollaro (10 dollari divisi su 10 pagine). Se ne linki 20, ad ognuna dai 50 centesimi (10 dollari divisi su 20 pagine). Se ne linki 5, ad ognuna ne dai 2.
Questo valeva fino a pochi giorni fa.
Ora, in base a quanto Matt Cutts ha detto all’SMX Advanced, se tu hai 10 dollari da spendere su 10 link, e ne blocchi 5 col rel=”nofollow”, gli altri 5 non prenderanno 2 dollari ognuno. Ne prenderanno 1 solo. Il che significa che 5 andranno persi.”
(Danny Sullivan, dall’articolo Google Loses “Backwards Compatibility” On Paid Link Blocking & PageRank Sculpting).

Tutto chiaro ora?

Gli effetti
Ipotesi 1: potrebbe essere un bluff. C’è chi ha ipotizzato possa trattarsi di una sparata di Matt Cutts, atta a mitigare l’uso eccessivo del PageRank Sculpting. Così quota randfish in un suo recente articolo: “se sei un buon SEO, se sai come muoverti e hai eseguito parecchi test, sai che il sistema funziona ancora molto bene. Google vuole solamente che i webmaster non troppo skillati la smettano di concentrarsi sui loro link, e stiano lontano da un eccessivo uso del nofollow che può danneggiare sia l’indicizzazione che la rilevanza.”

Ipotesi 2: potrebbe essere vero. In tal caso, prepariamoci ad un rivoluzione epocale nelle SERP. Quelli di SEOmoz hanno infatti calcolato che l’impatto potrebbe ricadere su qualcosa come 9,3 miliardi di link, di cui il 73% interni: immagina solo tutti i link inclusi in tutti i commenti dei blog, link che di default hanno il nofollow.

E tu, per qualche ipotesi voti? 🙂

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

Tags:

25 Comments

  1. Enrico Altavilla 8 Giugno 2009
  2. Criss 8 Giugno 2009
  3. Enrico Altavilla 8 Giugno 2009
  4. SilentMohai 8 Giugno 2009
  5. diegalax 8 Giugno 2009
  6. Criss 8 Giugno 2009
  7. Devilio 8 Giugno 2009
  8. flapane 8 Giugno 2009
  9. Bunkr 8 Giugno 2009
  10. Stefano Bagnara 8 Giugno 2009
  11. andrea 8 Giugno 2009
  12. Enrico Altavilla 8 Giugno 2009
  13. Mik 9 Giugno 2009
  14. SeoGuru 9 Giugno 2009
  15. Abruzzo Seo 9 Giugno 2009
  16. NG 9 Giugno 2009
  17. fradefra 10 Giugno 2009
  18. Andrea Serravezza 10 Giugno 2009
  19. Everfluxx 10 Giugno 2009
  20. Criss 11 Giugno 2009
  21. Piersante 12 Giugno 2009
  22. andrea serravezza 12 Giugno 2009
  23. SeoGuru 14 Giugno 2009
  24. Everfluxx 14 Giugno 2009
  25. Luvaltol 23 Settembre 2009

Leave a Reply