Quanti utenti devo avere per monetizzare il mio blog con i banner?

Quanti lettori per monetizzare il blog?

Ieri (probabilmente a seguito del mio post di venerdì…) un lettore mi posto proprio la domanda che vedi nel titolo.
E’ il tipico quesito al quale si risponde con un bel “dipende” 🙂
OK (mi dirai), ma dipende da cosa?

Dall’argomento

Le grosse nicchie sono solitamente ricche di inserzionisti, quelle piccole un pò meno.
Mi viene in mente da un lato il turismo, che pullula di annunci contestuali e di programmi di affiliazione, e dell’altro la nicchia SEO, dove è molto più difficile trovare advertiser di qualità (almeno in Italia).

Dagli utenti

Parametro strettamente legato all’argomento è quello relativo alla tipologia dell’utente.
Più questo è evoluto e meno clicca sul banner: questa è la dura legge del web.
Pertanto, più ti sposti su un argomento tecnologico, e più troverai utenti abituati a “schivare” (se non addirittura ad ignorare) i messaggi che esponi sui banner.

Dal tipo di traffico

E’ bellissimo avere tanti utenti fidelizzati, ma la cosa può avere un piccolo svantaggio: l’utente fidelizzato conosce a menadito il layout del tuo sito (nonchè la disposizione e la tipologia degli annunci pubblicitari), e quindi sarà più propenso ad ignorarli, man mano che aumenta la sua frequentazione del blog.
Viceversa se la stragrande maggioranza del tuo traffico proviene dai motori di ricerca, è assai probabile che il CTR sui banner sia interessante.

Dal layout

Già, nel punto appena sopra accennavo al layout.
La regola vuole che i banner siano molto più visibili (e cliccati) se posti above the fold, o comunque ben integrati nei post.
Un layout più o meno banner friendly potrebbe quindi cambiare di parecchio la resa economica del tuo blog.

Dalla lingua

Ci sono mercati più evoluti, ed altri meno.
Parlando dal punto di vista dell’advertising e delle affiliazioni, il mercato anglofono è probabilmente quello più avanzato, anche grazie all’enorme numero di lettori e, di conseguenza, di editori.
Credo inoltre che alcuni popoli siano più propensi ad acquistare prodotti/servizi pubblicizzati online (nonchè a cliccare sui banner) rispetto ad altri (per esempio, ho notato che su alcuni noti blog in lingua inglese che promuovono coaching o ebook a pagamento, intervengono spesso utenti asiatici o indiani).
In Italia abbiamo un discreto numero di lettori, ma praticamente tutti gli editori sono “coricati” su AdSense e gli utenti sono ancora assai diffidenti ad acquistare qualcosa online, nonchè dotati di una cerca componente di “tirchieria”.

Riepilogando…

Potresti pensare che il mio suggerimento sia questo: scegli un argomento di massa, dove si muovono utenti piuttosto ignoranti, cercando di fare in modo che provengano solo dai motori di ricerca, camuffa i banner col contenuto e possibilmente non scrivere in italiano.
Sbagliato! forse la regoletta qui sopra può essere valida se punti ad un business “mordi e fuggi”, esclusivamente rivolto al “guadagno online”, basato su annunci CPC (come AdSense).
Ma se crei qualcosa pensato a durare nel tempo, dovrai necessariamente puntare alla fidelizzazione dell’utente, ad una grossa percentuale di traffico diretto e “di ritorno”, e a una raccolta pubblicitaria non necessariamente legata ad AdSense.

Concludendo?

Concludendo non c’è un numero minimo di utenti per iniziare a guadagnare.
Certo, probabilmente non potrà essere troppo basso (diciamo almeno 100 al giorno, giusto per sparare una cifra), e possibilmente ben distribuito fra utenti vecchi e nuovi.
Se sul tuo blog utilizzi AdSense, dovranno essere utenti propensi al click (e comunque dovrai disporre gli annunci in modo che siano ben integrati e visibili).
Se vuoi monetizzare tramite programmi di affiliazione, dovrai fare in modo che questi siano perfettamente in target, di grossa utilità per i lettori, e possibilmente ad alta remunerazione per te.
Chiudo con un ultimo suggerimento: pensa dapprima a creare con costanza buoni contenuti per almeno un paio di stagioni, e solo a quel punto, se noti un riscontro positivo da parte di utenti e motori di ricerca, prova in modo serio a monetizzare il tuo lavoro.
Se entro un annetto non avrai ricavato almeno i soldi per pagarti dominio e spazio web, significa probabilmente che non sei tagliato per gli affari… oppure che non hai applicato per bene i tips & tricks che trovi sul TagliaBlog 😀

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

39 Comments

  1. Tony 26 Gennaio 2009
  2. Satollo 26 Gennaio 2009
  3. Paolo - alVerde.net 26 Gennaio 2009
  4. notoriousxl 26 Gennaio 2009
  5. Satollo 26 Gennaio 2009
  6. notoriousxl 26 Gennaio 2009
  7. Satollo 26 Gennaio 2009
  8. notoriousxl 26 Gennaio 2009
  9. pdellov 26 Gennaio 2009
  10. Roberto Marabini 27 Gennaio 2009
  11. notoriousxl 27 Gennaio 2009
  12. Roberto Marabini 27 Gennaio 2009
  13. notoriousxl 27 Gennaio 2009
  14. Satollo 28 Gennaio 2009
  15. Pigi 11 Febbraio 2009
  16. Francesca 6 Marzo 2009
  17. Stefano 6 Marzo 2009
  18. Francesca 7 Marzo 2009
  19. Stefano 7 Marzo 2009
  20. aghost 22 Aprile 2009
  21. Roberto Marabini 22 Aprile 2009
  22. Stefano 22 Aprile 2009
  23. Roberto Marabini 23 Aprile 2009
  24. aghost 23 Aprile 2009
  25. Stefano 23 Aprile 2009
  26. Francesca 23 Aprile 2009
  27. Francesca 23 Aprile 2009
  28. Roberto Marabini 23 Aprile 2009
  29. Francesca 23 Aprile 2009
  30. Dman 20 Settembre 2009
  31. Roberto Marabini 20 Settembre 2009
  32. aghost 20 Settembre 2009
  33. Stefano 21 Settembre 2009
  34. Roberto Marabini 21 Settembre 2009
  35. luciano 22 Settembre 2011
  36. Michele Rutigliano 2 Aprile 2014
  37. Antony 8 Ottobre 2015
  38. Elvis Crespi 16 Dicembre 2015
  39. Beppe 15 Aprile 2016

Leave a Reply