Google penalizza lo scambio link?

Sul fatto che i link “a senso unico” hanno un peso maggiore (agli occhi dei motori) di quelli reciproci, son tutti d’accordo.
Ma da qui a dire che lo scambio link è causa di penalizzazione, ce ne passa.
Su Threadwatcher.com si sono spinti ben oltre: parlano addirittura di The Reciprocal Link Ban!.
Il motivo scatenante è la comparsa di una pagina denominata Schemi di link all’interno del Centro assistenza webmaster di Google.
Nella pagina, fra i 4 esempi di schemi di link non visti di buon occhio da Google, è riportato:

Schemi di scambio di link e di link reciproci (“Collegati a me e io mi collego a te”)

Si, proprio il tanto usato (e abusato) scambio link!
Per fortuna, a calmare gli animi è intervenuto addirittura Adam Lasnik, “Search Evangelist” di Google, che ha chiarito il senso di quel testo.
Adam spiega che la frase non deve essere presa fuori dal contesto della pagina, e che l’accento va posto sul paragrafo poco sopra, che recita “tuttavia, alcuni webmaster partecipano a schemi di scambio di link e creano pagine partner utilizzate esclusivamente a fini di crosslinking, senza tenere conto della qualità dei link, delle fonti e dell’impatto a lungo termine sui propri siti”.

Sono confuso… quindi tu sei pro o contro per lo scambio link?

Io sono contro, e lo dico da sempre.
In un mondo perfetto, i link dovrebbero essere:

  • spontanei (= non richiesti a destra e a manca);
  • tematizzati (= da siti a tema col nostro);
  • provenienti da siti con un buon trust (= siti ben visti da motori e utenti).

Eppoi, pensate davvero che scambiare link con un sito appena nato, fuori tema e che linka ennemila altri siti possa in qualche modo giovarvi?

Prova GRATIS SEMrush, il miglior tool per fare SEO/SEM!

8 Comments

  1. Federico 10 Agosto 2007
  2. Daniele Salamina 10 Agosto 2007
  3. Tagliaerbe 10 Agosto 2007
  4. Mattia Soragni 11 Agosto 2007
  5. Tagliaerbe 11 Agosto 2007
  6. fiore 17 Marzo 2017
  7. Stefano 29 Maggio 2019
  8. Tagliaerbe 29 Maggio 2019

Leave a Reply