17enne guadagna $ 70.000 al mese …

Dopo la blogger 15enne da 900 dollari al mese, ho appena letto la storia di un’altra ragazzina (questa volta 17enne), che con un suo sito sta facendo una fortuna (e qui non parliamo di qualche centinaio di verdoni al mese).

Ashley Qualls (questo il nome della teenager) riesce infatti ad intascare circa 70.000 dollari al mese, grazie ad un sito (Whateverlife.com) che offre gratuitamente layout per MySpace.

Il website in questione pare faccia qualcosa come 7 milioni di visitatori al mese e 60 milioni di pageview, cosa che ha permesso alla giovane di incamerare fino ad oggi oltre 1 milione di dollari (e di rifiutare una offerta di “buyout” per 1,5 milioni).

La storia è da sogno americano: Ashley apre Whateverlife.com nel 2004 (all’età di 14 anni), e nel 2005 è già costretta a passare su di un server dedicato (a causa dell’enorme traffico che il sito generava). Non è però in grado di pagare la retta mensile del server, e il suo hoster le suggerisce di inserire sul sito gli annunci pubblicitari di Google.

Il suo primo assegno di AdSense fu di 2.790 dollari, superiore allo stipendio di sua madre.

E superiore allo stipendio della maggior parte degli italiani che lavorano su Internet (aggiungo io).

Tre punti su cui meditare:

  • il mercato dei teenager (che passano sempre più tempo collegati ad Internet) è molto ampio, interessante e redditizio;
  • un sito che offre servizi gratuiti può fare parecchi soldi (un altro esempio? Markus Frind col suo PlentyOfFish);
  • certe cose capitano solo negli USA… facciamo un sito in lingua inglese, o ci trasferiamo là? 😀

Fonti: FastCompany.com e doshdosh

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

13 Comments

  • Si vede Pluto che conosci bene la lingua, mannaggia a me che non sono rimasto in buoni rapporti con una ragazza che ha vissuto 7 anni a New York, mi avrebbe fatto comodo, oppure usi un translator?.

    Purtroppo in Italia rimangono solo le briciole, a proposito ma boo-box è già attivo?.

  • Incredibile!!!da non crederci!!Sono rimasto a bocca aperta quando ho letto la news…
    Davvero complimenti alla ragazza!!

  • Se siete geni del pc vi metto a disposizione il mio blog! Mi fate diventare ricca ricca??? 😀

  • Ma come diavolo è possibile…? L’unica spiegazione è siano diversi gli advertiser sull’argomento e che producano anche ads interessanti..Nella tua intervista però, Robin Gooh, pur riconoscendo la maggior ampiezza del mercato di lingua inglese, aveva ammesso che , con buoni numeri di traffico, sarebbe stato possbile ottenere una buona monetizzazione anche con siti in lingua italiana. Ma sinceramente non ho mai sentito nulla di simile qua da noi, nemmeno tra i più quaquaraqua..

  • Semplicemente non esistono, in Italia, siti che regalano layout in grado di attrarre 7 milioni di visitatori e 60 milioni di pageview al mese.
    Anzi, son numeri che (da noi) fanno pochissimi siti, e non sicuramente regalando layout per MySpace.
    E’ per tale motivo che suggerisco, se si desidera puntare sui grandi numeri, di rivolgersi al mercato anglofono, enormemente più grande e ricco.

  • La ragazzina credo comunque che sia stata molto fortunata e le auguro di ottenere sempre maggiori consensi.

    In Italia,si possono ottenere gli stessi risultati se non superiori ma occorre avere un progetto a lungo termine.

    Mi e’ capitato di vedere spesso dei VERI IMPRENDITORI o persone che sapevano sviluppare un sito,altri che avevano grandi capacita’ di vendere pubblicita’,altri ancora che riuscirebbero a pubblicizzare un web-site nei modi piu’ disparati.

    Quale e’ il problema ?

    Semplice!

    Non ci si fonda,non si creano alleanze e spesso ci si circonda da persone che hanno una preparazione nel loro settore mediocre( Seo ad esempio che chiedono informazioni per posizionare un sito:)

    Manca la coesione,lo spirito imprenditoriale collettivo.

    L’unione.

    Io mi domando il perche’.

  • ma l’idea è venuta alla ragazzina? ma gli sfondi li fa la ragazzina?
    certo, qualsiasi siano le sue competenze, di sicuro ha una bella testa e delle belle idee… ma certi contatti come farà ad averli? boh! ❓

  • Se volete fare soldi col web, scordatevi la lingua italiana…

  • ci trasferiamo la… si vive meglio. Comunque la cosa non mi sorprende. Internet e’ potente e quasi tutto è possibile.

  • aggiungerei una domanda: tali numeri di visite sono certamente possibili in quanto molte persone parlano inglese.. ma riusciamo ad arrivare a tutti quei 7 milioni di unici mensili e 60 milioni di pageview? Okok, ci sono anche tutte le persone del mondo che parlicchiano inglese come seconda lingua.. quante saranno in percentuale in questo sito? Sottolineerei la grande facilità che hanno gli utenti non anglofoni ad usufruire di questo tipo di sito ( layout per myspace ), in quanto il testo non è la parte fondamentale, e per usufruire dei contenuti basta conoscere qualche parola. Se i contenuti utili fossero stati interamente in lingua inglese quanti utenti avrebbe avuto eliminando chi sa solo qualche parola inglese? ( scusate la cattiva forma del testo, ma devo volare altrove e voglio mettere i my 2 cent 😉

  • cavoloooooooo dove abita la ragazzina che me la sposo….hahahaahah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy