I fattori di posizionamento su Google Voice, secondo Backlinko

I fattori di posizionamento su Google Voice, secondo Backlinko

Brian Dean, ideatore della tecnica di link building del grattacielo e autore di un suo personale studio sui fattori di posizionamento su Google, ha pubblicato nei giorni scorsi un nuovo interessante studio sulla Voice Search, partendo dall’analisi di 10.000 ricerche vocali effettuate tramite Google Home.

Ancora una volta, ricordo che correlazione NON significa causalità: quindi occhio a non dare un valore assoluto ai dati che leggerai qui di seguito.

Ecco gli 11 punti emersi dalla ricerca di Backlinko:

La velocità di caricamento della pagina sembra avere un ruolo importante

Il Time to First Byte (TTFB) di una ricerca vocale media è risultato di 0,54 secondi (contro una media di 2,1 secondi),

Time to First Byte

mentre i tempi di caricamento di una pagina sono di 4,6 secondi (contro gli 8,8 secondi di una pagina media).

Tempo di caricamento della pagina

I siti in HTTPS dominano la Google Voice Search

Sappiamo che l’HTTPS è da tempo un fattore di ranking. Nei siti ben posizionati nella ricerca vocale l’adozione di HTTPS sembra essere massiccia (70,4% contro il 50% dei risultati desktop).

Adozione di HTTPS

Google vuole dare risposte brevi e concise

Anche nelle linee guida di Google sulla ricerca vocale viene chiaramente detto che i risultati della voice search devono andare dritti al punto. La media della risposte alle query vocali è infatti di sole 29 parole.

Numero medio di parole

Schema.org potrebbe non avere un ruolo chiave

Non c’è una gran differenza fra il posizionamento (nella ricerca vocale) di pagine che hanno implementato Schema.org e pagine senza dati strutturati: 36,4% contro 31,3%. Insomma, nei risultati della voice search abbiamo un 63,6% di pagine che non usano markup di questo tipo.

Uso di Schema.org

Ecco invece le tipologie di Schema più utilizzate:

Tipologie di Schema più usate

I domini più autorevoli tendono a posizionarsi meglio nelle ricerche vocali

Il valore medio del dominio ben posizionato nella voice search, secondo il Domain Rating di Ahrefs, è molto elevato: 76,8.

Domain Rating medio

Curiosamente, il Page Rating è invece molto più basso (21,1 punti).

Page Rating medio

I contenuti con un alto engagement sui social tendono a posizionarsi meglio

Chiariamo subito che è estremamente improbabile che l’algoritmo della voice search possa utilizzare i segnali sociali. In ogni caso, se vogliamo leggere i risultati medi delle ricerche vocali, questi hanno ben 1.199 condivisioni su Facebook e 44 su Twitter.

Numero di condivisioni sui social

I contenuti semplici e di facile lettura si posizionano meglio degli altri

In buona sostanza, dobbiamo chiederci: è facile comprendere la risposta alla domanda vocale che hai posto al motore di ricerca?
Pensa quindi a scrivere parole che Google possa pronunciare in modo semplice, senza ausilio visivo. Le pagine meglio posizionate nella voice search sono scritte con un linguaggio adatto a studenti di 14-15 anni di età.

Reading level medio

Pochissimi risultati hanno la query esatta nel title

Creare singole pagine per ogni query vocale non sembra essere una buona strategia (se l’obiettivo è posizionarsi per questo genere di ricerche): solo l’1,71% delle risposte presenta infatti le keyword esatte nel titolo.

Keyword esatte nel titolo

Possiamo ipotizzare che le query vocali, che sono mediamente del 76,1% più lunghe rispetto alle query scritte, non riescono praticamente mai a combaciare con i tag title, che hanno un numero limitato di caratteri: Google cercherebbe quindi di esaminare tutto il testo della pagina per estrarre le risposte da fornire ad una query vocale.

I contenuti molto lunghi rankano meglio

Il numero medio di parole di una pagina presente in un risultato di ricerca vocale è 2.312: possiamo quindi supporre che Google tenda ad estrarre le risposte da testi molto lunghi.

Numero di parole medie

Ricordiamo che la risposta vocale media conta solo 29 parole, ma un testo molto approndito ha molte più possibilità di contenere la risposta che cerca Google rispetto ad un testo breve. Molto importante anche la struttura del contenuto: dalla ricerca è infatti emerso che il 2,68% di risposte vocali arriva da pagine FAQ.

Risultati da pagine FAQ

Contenuti che si posizionano bene nelle ricerche desktop tendono a posizionarsi bene anche nella voice search

Il 74,9% dei risultati di Google Home proviene dalle pagine posizionate nella top 3 delle ricerche desktop. In altre parole, meglio una pagina si posiziona su Google per una ricerca testuale, meglio ha possibilità di emergere anche nella voice search.

Voice search - Desktop Search

Apparire in un feature snippet può essere di grande aiuto

Il 40,7% di tutte le risposte di ricerche vocali proviene dagli snippet in primo piano (che compaiono su desktop). Interessante anche il fatto che nel 70% dei casi Google Home cita (a voce) il sito da cui estrae i dati.

Risultati da feature snippet

Ed ecco infine tutti i dati della ricerca raggruppati in un’unica infografica:

Infografica Google Voice

Vuoi migliorare il posizionamento del tuo sito? Rivolgiti ad un consulente SEO attivo su Internet dal 1995!
Tags:

One Response

  1. Andrea Torti 7 marzo 2018

Leave a Reply