Google Speed Update: la velocità sarà un fattore di posizionamento (su mobile)

Google Speed Update

Il 17 Gennaio 2018, sul Google Webmaster Central Blog è comparso un post dove si annuncia ufficialmente il lancio dello “Speed Update”: in poche parole, la velocità di scaricamento della pagina diventa a tutti gli effetti un fattore di posizionamento.

Ma la velocità non è un fattore di ranking già da qualche anno?

Giusta osservazione: in effetti Google disse che la velocità con cui un sito risponde alle richieste web (testualmente “how quickly a website responds to web requests”) fa parte dei loro “segnali” dal lontano 9 Aprile 2010.

La differenza è che allora se ne parlava in generale, mentre oggi Google parla specificatamente di mobile (“page speed will be a ranking factor for mobile searches”): forse perché la percentuale di ricerche via smartphone erano ben poche nel 2010, mentre oggi ha superato di parecchio il 50% del totale.

Lo Speed Update è già entrato in azione?

No, verrà lanciato a Luglio 2018: hai quindi ancora un po’ di tempo per “metterti in regola”. 🙂

Quanto è importante la velocità rispetto agli altri fattori?

Questo è un punto su cui è importante essere estremamente chiari, per non creare falsi allarmismi.

Lo Speed Update “riguarderà solo le pagine che offrono agli utenti una esperienza (d’uso del sito) più lenta e interesserà solo una piccola percentuale di query. Agisce con lo stesso standard su tutte le pagine, indipendentemente dalla tecnologia con cui una pagina è sviluppata. L’intento della query di ricerca è ancora un segnale molto forte, quindi una pagina lenta può ancora posizionarsi molto bene se ha un ottimo contenuto rilevante“.

In altre parole: a parità di fattori, una pagina veloce si posizionerà meglio di una lenta. Se però hai creato un contenuto eccezionale che è leggermente più lento di un contenuto mediocre ma veloce, non credo dovrai temere di essere superato nelle SERP del motore di ricerca.

Anche questo concetto ti suona familiare? Molto probabilmente è perché sono fondamentalmente le stesse cose che disse Matt Cutts in un video del lontano 21 Agosto 2013

Come posso misurare la velocità del mio sito?

Google suggerisce l’utilizzo di 3 strumenti:

Personalmente mi sento di aggiungere anche GTmetrix e Pingdom.

Come posso fare a migliorare la velocità del mio sito?

Evita gli spazi web esageratamente economici, soprattutto se hai un sito che fa parecchie visite e che (potenzialmente) genera soldi: scegli insomma un ottimo hosting, che (solitamente) costa più di qualche euro l’anno.

Una mano te la può dare anche un tema ben ottimizzato e SEO Friendly: su questo blog utilizzo Schema, uno dei temi WordPress più veloci fra quelli presenti sul mercato.

Infine puoi lavorare sulla compressione gzip, sulla cache, sulla minificazione del codice e sull’alleggerire le immagini il più possibile: ricorda comunque che la velocità è poco più della ciliegina sulla torta, non è la portata principale del pranzo. 😉

UPDATE: il 9 luglio 2018, Google ha confermato con un tweet che lo Speed Update è stato rilasciato per tutti gli utenti.

Tags:,

3 Comments

  1. Andrea Torti 24 gennaio 2018
  2. Andrea Friso 1 febbraio 2018
  3. Alessia Martalò 20 febbraio 2018

Leave a Reply