Blog Design: come deve essere il Layout del tuo Blog

Blog Design

Un paio di mesi fa, sul TagliaBlog ho montato un tema WordPress responsive, che mi ha aiutato a migliorare velocità, fruibilità dei contenuti e anche la quantità di accessi al sito.

Ma a quanti e a quali altri elementi dovremmo guardare, se stiamo per mettere mano al design del nostro blog?

Neil Patel, nel suo The Blueprint of an Optimal Blog Design, ce ne suggerisce alcuni. Siccome però il suo post è in realtà solo un’infografica, e per di più in lingua inglese, ho pensato di metterla in forma testuale e di tradurla in italiano (con qualche aggiuntina mia).

Eccola qui:

Layout

In home page, pubblica solo una piccola parte dei post: questo ti eviterà la duplicazione di contenuti speculare (fra la home page e il post stesso), e ti permetterà di aumentare le pagine visualizzate (il lettore che atterra sulla home page e vede una porzione di contenuto interessante, cliccherà per leggere tutto il resto). Nelle preview dell’articolo, includi sempre una immagine: secondo MDG Advertising, i pezzi che includono una immagine rilevante hanno in media il 94% in più di visualizzazioni degli articoli senza immagini.

Metti il contenuto a sinistra, e la sidebar a destra: al contenuto andrebbe riservato almeno il 60% della pagina. Anche se alcuni consigliano di invertire le 2 aree (spostando quindi i contenuti sulla destra), secondo Patel la sidebar sulla sinistra può diminuire il numero di persone che leggerà i tuoi contenuti, in una misura variabile fra il 15% e il 25%.

Centra la pagina sullo schermo: il 94% dei blog utilizza un design centrato, nel 56% dei casi con una larghezza fra i 951 e i 1.000 pixel.

Usa un design di tipo responsive: si calcola che gli utenti spendano ormai il 60% del loro tempo su Internet utilizzando dispositivi mobili (questo è uno dei motivi per cui anche il TagliaBlog è passato ad un tema responsive).

Social

Come devono essere i “bottoni sociali”? Patel suggerisce di utilizzare gli scrolling social button, che sul suo blog avrebbero migliorato le condivisioni del 27%. Upworthy consiglia invece di utilizzare grossi pulsanti in testa, in coda e in “overlay” sui contenuti del sito: in questo modo, l’editore ha aumentato le condivisioni del 398%. E’ comunque opportuno limitare le opzioni (secondo Patel, ad un massimo di 3): troppe scelte diminuiscono i click sui bottoncini.

Font e Caratteri

Usa una dimensione dei font del contenuto di almeno 11pt: in base ad un test effettuato su 13 blog, è emerso che passare da un font da 8pt a uno da 9pt ha aumentato il tempo speso sul sito di 13 secondi. Passando da 9pt a 10pt di altri 8 secondi. E passando da 10pt a 11pt di altri 6. Il 34% dei blog più noti nell’ambito della tecnologia e del web marketing utilizza un font da 12px, il 30% uno da 13px e il 14% uno da 14px.

Usa una dimensione dei font del titolo fra i 17px e i 25px: Il 24% dei blog più noti utilizza un font fra i 20px e 22px, il 22% uno fra i 23px e i 25px, e un altro 22% uno fra i 17px e 19px. Il 52% dei 50 top blog usa l’Arial o il Georgia per gli headline.

Usa il Serif o il Sans Serif come font di base: lo fa 90% dei 50 blog più famosi. Nello specifico, il 34% usa il Verdana, il 24% il Lucida Grande, il 18% l’Arial e il 14% il Georgia (serif).

Colori e Design

Imposta lo sfondo chiaro e il testo scuro: il 98% dei blog ha lo sfondo bianco (o comunque chiaro) e il testo dei contenuti nero (o comunque scuro).

Lascia abbondanti “spazi bianchi”: evitare di comprimere troppo i contenuti, lasciare “aria” fra i vari elementi del blog (e soprattutto all’interno del corpo, dove sta il testo scritto) migliora la comprensione della lettura di almeno il 20%.

Sistemi di Opt-In

Chiedi solo l’email: un modulo di iscrizione senza il nome, che chiede solo l’email, ottiene il 10% in più di iscritti rispetto ad uno formato da nome + email.

Usa gli “Exit Intent Popup: i popup che compaiono automaticamente quando poni la freccia del mouse fuori dalla finestra attiva del browser, generano un numero incredibile di iscrizioni (Social Media Examiner dice che ottiene circa il 70% di iscrizioni in questo modo). Il miglior tool che permette di generarli è OptinMonster (o, in alternativa, se usi WordPress e vuoi un ottimo plugin per pochi euro, puoi provare Ninja Popups).

13 Comments

  1. Web Siena 2 ottobre 2014
  2. Tagliaerbe 2 ottobre 2014
  3. Daniele 2 ottobre 2014
  4. Tagliaerbe 2 ottobre 2014
  5. Nicola Boschetti 2 ottobre 2014
  6. Tagliaerbe 2 ottobre 2014
  7. Mirko D'Isidoro 3 ottobre 2014
  8. Andreas Zanin 4 ottobre 2014
  9. ISOLE GRECHE 6 ottobre 2014
  10. Davide 7 ottobre 2014
  11. Marco 7 ottobre 2014
  12. Marco 21 novembre 2014
  13. Davide 31 dicembre 2014

Leave a Reply