Il “fattore freschezza” di Google, spiegato da Matt Cutts

Da tempo sto osservando il crescente interesse di Google nei confronti della “freschezza”: ricordo ad esempio il Freshness Update dello scorso anno, che ha impattato sul 35% (!) delle ricerche, e i vari ritocchini algoritmici mensili, sempre basati su questo fattore.

Credo però che la domanda che tale Ivan ha posto qualche settimana fa a Matt Cutts, ce la siamo posta un po’ tutti:

“Google ha detto in passato che le pagine aggiornate di frequente ottengono un miglior posizionamento, cosa che sembra favorire i blog e i siti di news rispetto ai siti web aziendali, che hanno meno ragione di essere aggiornati spesso. Quanto è importante il “fattore freschezza”?”


Ed ecco in sunto, e tradotta in italiano, la risposta di Cutts:

“Non è il caso di dire che una cosa aggiornata frequentemente – intesa come le pagine del tuo blog o del tuo sito – si posiziona automaticamente bene. Non è questa l’interpretazione da dare alla “freschezza”.

A volte le persone sono alla ricerca di qualcosa di “fresco”, per esempio notizie su un terremoto o un fatto che è appena accaduto, ovvero una QDF (“query that deserves freshness” = query che merita freschezza)… ma non tutte le query sono di questo tipo.

Pertanto, se il tuo è un contenuto “sempreverde”, la “freschezza” non viene conteggiata più di tanto.

Usiamo più di 200 segnali diversi, e la trappola nella quale eviterei di cadere è quella di pensare “OK, devo avere contenuti freschi, quindi modifico ogni giorno qualche parola a casaccio sulle mie pagine e cambio loro la data, in modo da far sembrare che ho dei contenuti freschi”: questo non è il genere di azione che permette di posizionarsi meglio.

E se non operi in un’area che ha a che fare con le news, se non sei in una nicchia che necessita davvero di contenuti sempre aggiornati, allora è un tema di cui non dovresti preoccuparti.

Ci sono dei contenuti “sempreverdi”, che superano la prova del tempo, e potrebbe essere più utile lavorare su quel genere di articoli piuttosto che cercare sempre di arrivare ai primi posti di Techmeme con la notizia del giorno.

Io non spenderei tempo a pensare troppo alla “freschezza”, anche perché è solo uno degli oltre 200 fattori di posizionamento, e si rischia di perdere di vista tutti gli altri. Ovviamente, se lavori per un sito che vuole competere con Engadget o The Verge, se scrivi di videogiochi o di news dell’ultim’ora, allora è bene puntare alla “freschezza” e assicurarsi di pubblicare contenuti particolarmente rilevanti.

Ma non è il caso di preoccuparsi di riscrivere le tue pagine o di cambiare loro delle parole per farle sembrare “fresche”: Google è abbastanza bravo a capire quando è più utile mostrare un contenuto fresco e quando invece le pagine che erano buone per ieri, sono buone anche per oggi.”

Tutto chiaro? Ricordo infine che anche ad Agosto e Settembre il project “Freshness” ha subito 2 ennesimi ritocchini…

9 Commenti

  1. Dechigno 6 novembre 2012
  2. delizard 6 novembre 2012
  3. Tagliaerbe 6 novembre 2012
  4. Guida Di Praga 6 novembre 2012
  5. Web Siena 6 novembre 2012
  6. Max Marketing 7 novembre 2012
  7. Divertimento su internet 9 novembre 2012
  8. SuperSeo 18 novembre 2012
  9. Luca 13 aprile 2014

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *