Analisi SWOT: come pianificare una strategia di successo

Matrice SWOT

Spesso seguendo la mia attività di consulente incontro clienti che da tempo lavorano con “la rete”.

La scena più comune consiste nel vederli entrare in ufficio presentando quella che per loro è l’idea del secolo, una di quelle che potrà fargli fare il cosiddetto botto, convinti che un’intuizione così non potrà che funzionare e che l’unico problema consista solo nel farla conoscere.

Raramente noto una certa curiosità per un’analisi accurata dei fattori positivi e negativi adatti alla formulazione di una strategia che non corrisponda unicamente alla fase pubblicitaria.

Alcuni strumenti appartenenti al marketing convenzionale possono essere utili, anzi, essenziali nella formulazione di progetti vincenti e devono essere utilizzati per la creazione di un piano efficace che non lasci spiragli al caso.

Uno di questi è la S.W.O.T. Analysis, uno strumento di pianificazione strategica, usata per valutare i punti di forza (Strengths), di debolezza (Weaknesses), le opportunità (Opportunities) e le minacce (Threats) di un progetto in una determinata fase del suo ciclo di vita, permettendo così di analizzare la strutturazione di un’idea osservandola da quattro punti di vista diversi e contrastanti.

Tale utilizzo permette di prendere decisioni su quali sono i punti di forza su cui puntare o i punti deboli su cui intervenire e, in particolar modo, su quali sono le minacce presenti in un mercato trasformabili in opportunità.

In questa analisi vengono raggruppati i principali fattori interni (punti di forza e di debolezza) ed esterni (opportunità e le minacce) permettendo creare un quadro preciso della situazione in cui si svolgerà il nostro piano marketing.

E’ essenziale, nel momento in cui si formula una strategia, prefissare i differenti obiettivi e, tramite la matrice S.W.O.T., sviluppare azioni marketing in sinergia fra loro, evitando così che una determinata decisione aiuti il raggiungimento di uno scopo danneggiandone un altro.

Mettere nel giusto rapporto le caratteristiche del team con cui lavoriamo con il mercato in cui vogliamo agire permette di poter individuare, nel giusto ordine, gli obiettivi da raggiungere e i fattori esterni che potrebbero aiutarci o ostacolarci.

Personalmente ho seguito, collaborando in seguito al progetto, il lancio di Melascrivi.com, un prodotto che ben si presta alla spiegazione dell’utilizzo pratico della S.W.O.T.: questo portale infatti ha introdotto nel mercato italiano la realtà dei Content Marketplace, un sito che permette a differenti Editori nel Web di richiedere ed ottenere articoli e contenuti unici per i propri portali collaborando con tutti i web writers iscritti al sito a costi ottimali.

Il Content Marketplace è un prodotto nuovo, difficilmente spiegabile unicamente con messaggi pubblicitari, e con molteplici vantaggi da far apprendere ai Publisher.

La formulazione dello schema applicato per questo prodotto è stata:

Com’è facile notare tale matrice permette di visualizzare i punti chiave per lo sviluppo strategico, evidenziando i fattori di particolare interesse e da non trascurare.

Per esempio:

• l’arrivo di Google Panda, il nuovo algoritmo di Google che penalizza i contenuti di scarsa qualità e i relativi portali, è sicuramente un fattore esterno da prendere in considerazione poiché estremamente “pubblicizzato” e di evidente interesse per un target comune al Content Marketplace.

• la concorrenza da parte di aziende presenti nel settore con prodotti simili ma differenti o di aziende con forti risorse è una minaccia da tenere notevolmente in considerazione.

• è evidente la difficoltà di attirare l’attenzione di un target al quale si vuole spiegare le caratteristiche di un nuovo prodotto.

Brevemente, analizzando nel dettaglio anche gli altri fattori, si evidenzierà che una strategia di successo in questo caso potrebbe far leva principalmente sull’identificare tale prodotto grazie alla sua caratteristica principale, fornire articoli unici e di qualità, rappresentando quindi così un valido aiuto nella lotta contro “il Panda”, argomento che interessa notevolmente il target da prendere in considerazione. Mentre investendo molto sul “reclutamento di autori” in grado di soddisfare una grande produzione di articoli, si otterrà un forte vantaggio verso i competitors, diminuendo le minacce relative alla concorrenza.

Queste sono solo alcune delle scelte assolutamente propedeutiche rispetto al lancio di un prodotto, rappresentano considerazioni essenziali da tenere sempre “vicino” nello sviluppo di qualsiasi scelta; senza questi passaggi il prodotto potrebbe trascurare fattori di potenziale aiuto. Da qui in poi è ora di parlare di lancio, e per quanto riguarda le attività di SEO e SEM a voi le scelte.

Autore: Federico Pesce, Responsabile Ufficio Marketing di Melascrivi, per il TagliaBlog.

7 Commenti

  1. Jacopo 12 aprile 2012
  2. Marco silvi 12 aprile 2012
  3. Ilaria Cardani 12 aprile 2012
  4. Federico 12 aprile 2012
  5. simona 13 aprile 2012
  6. Davide 15 aprile 2012
  7. Federico 15 aprile 2012

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *