Il test di Volunia

Mi ero ripromesso di testare un po’ più a fondo Volunia, e quindi eccomi qui con qualche impressione “a freddo”.

Anticipo subito che il giudizio complessivo espresso a caldo non è sostanzialmente cambiato, ma lascio ai lettori la valutazione finale.

I Menu di Volunia

Appena entri in Volunia ti trovi davanti a questa schermata:

La Home Page di Volunia

Il primo menu orizzontale riporta le seguenti voci:

Il logo di Volunia – riporta alla Home Page.

Mappa – offre un quadro visuale, in stile SimCity, delle pagine del sito.

Media – permette di accedere alla sezione multimedia del sito, nella quale trovare Immagini, Audio, Video, Documenti.

Persone – attiva/disattiva il “lato social” di Volunia, ovvero il secondo menu orizzontale. Questo include le incone Messaggi (che apre la Chat e/o i Messaggi Privati), Informazioni (che offre alcune scarne informazioni su Volunia, ovver l’URL del sito, la Pagina Corrente in cui ci si trova, e un link ai Contatti), Sono stati (che mostra chi è passato su quella pagina) e Qui ora (che mostra un elenco di piccole icone con gli utenti presenti in quell’istante sulla pagina. In coda a questo menu orizzontale sono presenti altre 2 iconcine, una che mostra le eventuali richieste di amicizia in sospeso, e una relativa agli amici collegati.

Account – porta al profilo dell’utente, all’interno del quale è possibile inserire i propri dati anagrafici, l’avatar e le impostazioni di password e privacy. Inoltre si possono caricare le proprie immagini, vedere i dettagli sui propri amici, gestire i propri siti (di questo concetto ne parlerò più diffusamente fra poco), ricordarsi i posti visitati (una sorta di cache, eventualmente cancellabile) e lasciare un feedback su Volunia (in qualità di Power User).

Share – consente di condividere la tua “posizione” in Volunia tramite Facebook, Twitter o E-mail.

Addon – porta ad una pagina dove è possibile scaricare il plugin di Volunia per Internet Explorer. Lo linko anche se non so se possa funzionare per coloro che ancora non hanno accesso al sito :-)

A destra di Addon c’è il form per la ricerca, quindi il logo “Volunia Seek & Meet BETA”, e infine 3 minuscole icone: l’help generale, le impostazioni (lingua dell’interfaccia e filtro SafeSearch) e minimizza.

La Search di Volunia

A parte i menu, a mio parere poco usabili, con un eccessivo numero di icone ed esageratamente colorati, nel corpo centrale della home page spicca il form di ricerca,

Il forum di ricerca di Volunia

tramite il quale è possibile cercare nel Web, fra le Persone e in it.volunia.com.

E qui inizia il lato dolente. Anche se Marchiori ha ammesso il frutto è ancora un bel po’ acerbo, le risposte alle query sembrano davvero da motore anni ’90: poche e poco pertinenti, un po’ come quando cerchi qualcosa su certi search engine minori in lingua inglese, che mettono il tuo risultato fra tanti link assolutamente non rilevanti.

Un esempio? ecco cosa succede cercando “volunia”, all’interno di… Volunia:

La query volunia in...  Volunia

solamente 275 risultati, e nelle primissime posizioni un sacco di link ad URL senza alcun senso (vedi la home page di NanoPress o la sezione contatti di Kuandika).

Inoltre, se clicchi su un risultato, la pagina viene carica all’interno di Volunia, generando un “effetto iFrame” barocco davvero d’altri tempi.

La ricerca delle Persone permette invece di visualizzare i profili degli utenti che rispondono ai criteri di ricerca. Ancora una volta, provo inserendo “volunia” e ottengo:

La ricerca di Persone in Volunia

cliccando sul profilo dell’utente, è possibile vedere i dati che rende pubblici, ed eventualmente chiedere l’amicizia.

I “Webmaster Tools” di Volunia

Essendo questo – almeno formalmente – un blog sul web marketing, mi soffermo su di una opzione un po’ nascosta ma che stuzzicherà i webmaster e i SEO in ascolto: il “Pannello di Controllo Webmaster” di Volunia.

Il Pannello di Controllo Webmaster di Volunia

All’interno del proprio profilo, è infatti presente la linguetta “I Miei Siti” che consente di “prendere il controllo dei tuoi siti web, essendo visibile come un contatto del sito. Puoi aggiungere un sito, modificarne la mappa, e calibrarne le proprietà”.

Cosa significa? in pratica che posso rivendicare la paternità di un sito web, modificarne la “sitemap” e inserire alcuni gadget nel codice HTML delle pagine da me gestite.

All’atto della richiesta di aggiunta di un nuovo sito, si riceve una email con inclusa una lunga stringa (testo + numeri) da inserire all’interno del sito (nell’header o in un file .txt).

Effettuata questa operazione il sito viene validato ed è quindi possibile gestirlo, effettuando principalmente 2 operazioni.

La prima, è la “modifica della mappa del sito”:

La mappa del sito in Volunia

a quanto pare, Volunia mantiene nel suo database un indice limitato di pagine per ogni sito web, e la scelta delle pagine da inserire in questo indice non è fatta in base a criteri di autorevolezza, ma si basa (probabilmente) sui link presenti nella home page del sito stesso.

Perché dico ciò? in primo luogo, perché se cerco di inserire una pagina nella sitemap di Volunia ottengo come risposta “La mappa può contenere al più 50 oggetti”: come dire che Volunia si mangia al massimo 50 URL per sito.

Circa gli URL, dall’immagine qui sopra possiamo notare chiaramente che la maggior parte di questi è costituita dai tag del mio blog e dai link presenti nel menu e in coda alla home page, cosa che rafforza l’ipotesi che il sistema di spidering di Volunia sia ancora alquanto primordiale.

Fra i vari gadget disponibili per il proprio sito web, mi preme segnalare il “pulsante sociale” di Volunia:

Il pulsante sociale Volunia

come spiegato anche nelle FAQ del sito, questo bottone offre la possibilità ai visitatori di andare a visitare la pagina in cui sono e partecipare alle conversazioni degli altri utenti, portando con un click alla pagina in cui l’utente si trova ma con la barra dei messaggi aperta. L’utente in questo modo potrà partecipare alla conversazione e scambiare messaggi con gli altri utenti.

Un po’ chat e un po’ Google Sidewiki, ma questa cosa della “navigazione e commento di gruppo” sulle pagine che sto guardando mi sembra davvero vecchia, e con pochissimo appeal.

Concludendo

Come ho già detto a caldo, in Volunia non ci vedo nulla di innovativo o di interessante.

Sa di prodotto concepito da studenti in un laboratorio universitario, anche solo per il fatto che in un paio di punti compare la parola “applicazione” e che grufolando fra alcune pagine (basta andare su it.volunia.com/wp-admin) si nota che per alcune parti del sito viene utilizzato WordPress 3.3.1 :-) :

C'è WordPress dietro Volunia? :-)

Sembra insomma un progetto nato da persone che si sono chiuse in una caverna per 3-4 anni, senza guardare mai la concorrenza e senza notare/capire che fuori il mondo stava cambiando.

E purtroppo, in un ambito stra-competitivo come quello dei motori e dei social, sarà molto difficile per Volunia ottenere una seconda chance.