Il ritorno dei “bottoni sociali”

Icone e bottoni sociali

Non so se ci hai fatto caso o meno, ma io ho notato che, da qualche tempo a questa parte, son tornati di moda i bottoni sui blog.

Sto parlando di quei bottoni/icone, solitamente poste al termine degli articoli, che consentono di condividere/diffondere il post su varie piattaforme sociali. E che forse ora un po’ di senso iniziano ad avercelo.

I social 1.0

Ricordo che 2-3 anni fa si utilizzavano barrette sociali piene zeppe di icone… che nessuno cliccava. Non ho mai capito se la colpa fosse imputabile al tipo di utenti (sembra che gli italiani fatichino a condividere risorse di altri…) o al tipo di servizi (magari diffusissimi all’estero ma sconosciuti da noi), sta di fatto che era molto difficile che qualcuno avesse la voglia di divulgare al mondo l’articolo appena letto su un sito/blog.

Dobbiamo anche dire che il concetto di social era parecchio differente: per esempio era strettamente imparentato con quello di bookmark. E’ davvero così utile inserire un link fra i preferiti del proprio account di Google Bookmarks, My Yahoo!, Windows Live o Ask MyStuff? e anche inserendolo in del.icio.us c’era ben poca “socialità” in quel gesto, ben poca (se non nulla) interazione con gli altri.

Facebook + Twitter + Google Buzz… e basta

Oggi, dopo alcune “mode passeggere” (ricordi OkNOtizie? :-) ), si è arrivati ad utilizzare (quasi) esclusivamente 3 bottoncini, ovvero quelli di Facebook, Twitter e del neonato Google Buzz.

Da 2 giorni li ho inseriti anche sul TagliaBlog, utilizzando i seguenti plugin:

• per Facebook, FaceBook Like Button Plugin for WordPress
• per Twitter, TweetMeme Button (sostituito poi da TweetButton da quando Twitter, il 12 Agosto 2010, ha rilasciato i suoi Tweet Button ufficiali).
• per Google Buzz, WP Google-buzz (eliminato poche settimane dopo causa scarsissimo utilizzo da parte dei lettori).

L’obiettivo? agevolare la diffusione dei contenuti di questo blog. Fare in modo che quanto postato fra le strette pareti del blog esca e rimbalzi altrove. E anche ottenere, a colpo d’occhio, delle simpatiche statistiche. Per esempio, Facebook Share (New) Button offre un quadro d’insieme di questo tipo:

Analisi di Facebook Share (New) Button

Mentre TweetMeme Button, oltre a rigirare il link del post all’interno delle story di tweetmeme, offre delle “analisi” dettagliate su ogni singolo articolo:

Analisi di TweetMeme Button

Qual’è la tua esperienza con i “bottoni sociali”? Hai notato un aumento del traffico verso i tuoi post? Oppure continuano ad essere inutili icone?

14 Commenti

  1. Gio 18 febbraio 2010
  2. KDeP 18 febbraio 2010
  3. Giovanni 18 febbraio 2010
  4. pdellov 18 febbraio 2010
  5. pecciola 18 febbraio 2010
  6. Chameleon Copywriter 18 febbraio 2010
  7. IceMat89 18 febbraio 2010
  8. Pietro 19 febbraio 2010
  9. spachez 20 febbraio 2010
  10. Filippo A. 20 febbraio 2010
  11. gluca 22 febbraio 2010
  12. Giorgio Taverniti 22 febbraio 2010
  13. Mirko D'Isidoro 23 febbraio 2010
  14. Stefano 3 marzo 2010

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *