Blog e commenti

No.

Ma anche si.

Dipende da come lo fai.

Alcune persone lo fanno in un modo orrendamente sbagliato.

Vediamo come.

Il traffico generato dai “Curiosity-Click” non vale nulla

Se una delle tue principali strategie per ottenere traffico è lasciare veloci commenti nei post dei principali blog della tua nicchia solo per ottenere qualche click, fermati.

Potresti ottenere molto più traffico scrivendo un singolo contenuto di ottima qualità che passando mesi e mesi a commentare in questo modo.

E senza buoni contenuti, non c’è motivo per continuare a cercare di prendere qualche click dettato solo dalla curiosità. Cosa riuscirà a fidelizzare gli utenti dopo il click, se il contenuto che trovano fa schifo?

Nulla.

Inoltre, il moto che genera questi click non nasce da nulla di buono. E’ solo una questione di curiosità.

Parecchi nuovi blogger hanno l’approccio sbagliato nel cercare di commentare per primi o secondi su tutti i post dei blog più famosi. Lo fanno perchè la posizione più in alto all’interno dei commenti è quella che genera il maggior numero di click, a parità di altre condizioni.

Il problema è che, in questa corsa a primeggiare, i commenti che ne escono sono molto spesso incoerenti e banali. A volte è chiaro che il commentatore non ha neppure letto il post, o ha saltato intere parti solo per la fretta di commentare per primo.

Ne consegue che i click ricevuti su questi commenti sono spesso motivati dal “voglio solo sapere quanto è brutto il blog di questo tizio”. E’ così… i blog stupidi sono fonte di intrattenimento per noi.

Quindi è inutile commentare sui blog?

No. In realtà, puoi attrarre il traffico che desideri utilizzando una strategia di commenti “furba”.

Come i commenti possono veicolare traffico “vero”

Abbiamo dunque stabilito che gli ottimi contenuti sono la regola numero uno. E senza di essi, tutto il traffico che riceve il tuo blog è sprecato.

Oltre a questo, il segreto del commentare è quello che oltre al traffico si stabiliscono… relazioni.

E’ scioccante, lo so.

Ma pensaci. Non è un segreto che molti commentatori di blog sono a loro volta blogger. Semplicemente hanno più motivazioni per prendersi del tempo per commentare.

Di conseguenza, quando partecipi in modo significativo alla community di un blog, stai creando relazioni importanti con persone che possono portarti traffico o con altri utenti attivi sui social media.

Prendere link, retweet, voti sulle piattaforme social, bookmark… questo è il modo con cui si diffonde un contenuto. Questo è il modo con cui puoi ottenere traffico “vero”.

Ciò non significa fare il leccapiedi del gestore del blog. Significa creare una rete che ripaga di tutti gli sforzi che hai fatto per scrivere i tuoi contenuti.

Ci vuol tempo, ma almeno funziona realmente.

Non posso essere sia il primo che il migliore?

Ho visto persone che riescono a lasciare squisiti, magnifici commenti pur rispettando la regola del commentare per primi o secondi. Ma non ti consiglio di farlo.

Guardare il tuo feed reader o il tuo flusso di tweet per tutta la giornata porta a distrarsi. Forse non sono un buon multi-tasker, ma credo che più è elevato il tuo livello di attenzione sul singolo focus che hai deciso di sviluppare, migliore sarà il contenuto prodotto.

Ma è solo una mia opinione.

Che ne pensi? Ho ragione, torto, o una via di mezzo? :-)

Fonte: Is Commenting on Blogs a Smart Traffic Strategy?