Girare video per il web: è il momento!

E’ ora di produrre video per Internet…

Rispondo oggi ad un quesito che un amico mi ha posto via MSN nel weekend:

“Sto pensando di girare qualche filmato da mettere sul mio blog… cosa ne pensi?”

Penso tutto il bene possibile 🙂 … e ora ti espongo i 6 motivi per cui DEVI iniziare da SUBITO a produrre video:

1. Perchè l’utente vuole i video

Anche grazie all’incremento della diffusione della banda larga, sta crescendo esponenzialmente la visualizzazione di video sul web, con tassi di crescita vicini al 50% di un anno sull’altro.
Una recente statistica ci dice che i 3/4 degli utenti internet guardano video, con una media mensile di quasi 4 ore di visualizzazione a testa!

2. Perchè i tuoi concorrenti non fanno video

Guarda con attenzione i siti e i blog dei tuoi principali concorrenti: noterai che, molto spesso, continuano ad essere costituiti da semplice testo con qualche immagine.
Se è così, è il tuo momento… potresti essere il primo, in quel determinato settore, a produrre e divulgare video, prendendoti un bel vantaggio su tutti i competitor.
Se non è così, studia con attenzione tipologia, qualità e quantità dei video girati dai tuoi rivali, rimboccati le maniche e preparati a fare di meglio…

3. Perchè non tutti sono in grado di fare video

O, perlomeno, non sono in grado di girare video di una sufficiente qualità.
E’ una questione di tempo, di costi, ma anche di sapersi porre davanti ad una webcam (posso garantirti che non è da tutti)… per non parlare dei tempi di post produzione.
Entra in YouTube, inserisci una parola chiave (per esempio “SEO”, oppure “web marketing”), e prova a guardare qualche clip: quanti hanno una luce adeguata? quanti una voce troppo cavernosa? quanti sono troppo lunghi o terribilmente “piatti”? la quantità non manca, ma è la qualità ad essere assai carente…

4. Perchè Google infila i video nelle SERP

Quando cerchi qualcosa nel motore avrai notato che spesso, fra i risultati “testuali”, compaiono anche i video.
E quando un utente vede un bel quadratino colorato (con magari dentro una immagine accattivante), è molto più attratto a cliccarci sopra rispetto ad un semplice link testuale…
Tra l’altro, da qualche tempo Google sta testando una “visualizzazione affiancata”, che se attivata di default accrescerà ancor di più il CRT sui video:

I video nelle SERP di Google

5. Perchè un video vale per 3

Da un video puoi estrarre ben 3 contenuti:

  • il video stesso
  • l’audio (distribuile, ad esempio, in formato podcast oppure in streaming)
  • la trascrizione testuale

In pratica, un video (e i suoi “estratti”) può essere inserito su più piattaforme e utilizzato in più ambiti, con tutti i vantaggi del caso…

6. Perchè non ci sono solo i video…

… ma anche la Web TV!
Intendo dire: un breve video, magari messo su YouTube, equivale ad un piccolo evento in “differita”… ma vuoi mettere l’emozione della diretta?
Utilizzando un servizio di live streaming gratuito (come USTREAM.TV o Mogulus puoi organizzare teleconferenze e videointerviste in diretta, affiancate magari ad una chat nella quale far interagire gli spettatori.
Oppure, se il tuo unico mezzo è un telefono 3G e non badi troppo alla qualità delle riprese, puoi fare streaming video tramite QIK.
Infine, per i più timidi 🙂 , esiste anche lo screen recording (ovvero la registrazione video di tutto ciò che passa sul monitor del tuo PC): se non ami farti riprendere ma sei bravo a realizzare guide, puoi sempre provare a girare e diffondere video tutorial (utilizzando software come Camtasia Studio o il suo “parente gratuito” CamStudio).

Ti ho convinto? 🙂

15 Comments

  1. Giorgio 6 ottobre 2008
  2. ilmioguadagno 6 ottobre 2008
  3. Tagliaerbe 6 ottobre 2008
  4. diegalax 6 ottobre 2008
  5. Angelbit 6 ottobre 2008
  6. alex 6 ottobre 2008
  7. MarcoTogni.it 6 ottobre 2008
  8. Tagliaerbe 6 ottobre 2008
  9. Alessandro Cosimetti 6 ottobre 2008
  10. MarcoTogni.it 6 ottobre 2008
  11. Steven World Now 7 ottobre 2008
  12. MarcoTogni.it 21 ottobre 2008
  13. Tagliaerbe 21 ottobre 2008
  14. MarcoTogni.it 21 ottobre 2008
  15. Nicola Panizza 5 febbraio 2017

Leave a Reply